Narrativa italiana Gialli, Thriller, Horror Giallo sulla Riviera del Corallo
 

Giallo sulla Riviera del Corallo Giallo sulla Riviera del Corallo

Giallo sulla Riviera del Corallo

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

1962. Nel giro di pochi giorni, tre omicidi - uno ad Alghero, uno a Cagliari e uno a Roma - vengono portati all'attenzione del tenente Roversi. Le tre morti paiono del tutto scollegate: le vittime non avevano legami tra di loro, e anche le modalità con cui sono state uccise sono molto diverse l'una dall'altra. Eppure, una curiosa circostanza accomuna gli omicidi. In tutti e tre i casi sembra infatti esserci un solo indiziato dal movente credibile; tuttavia, ciascuno dei tre sospettati presenta un alibi di ferro che lo scagiona da ogni accusa. Solo una curiosa coincidenza? Roversi non è uomo che crede alle coincidenze, e si getta quindi a capofitto nell'indagine, a caccia di un indizio che possa collegare i vari casi. Il suo intuito e la sua ferrea capacità deduttiva lo porteranno a svelare un ingegnoso disegno criminale, una trama così fitta da sembrare senza soluzione.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
2.3
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuto 
 
2.0  (1)
Piacevolezza 
 
2.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Giallo sulla Riviera del Corallo 2022-11-03 15:19:53 FrancoAntonio
Voto medio 
 
2.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
2.0
FrancoAntonio Opinione inserita da FrancoAntonio    03 Novembre, 2022
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il tenente gioca su tre tavoli

Un sacerdote accoltellato dentro il confessionale della sua chiesa a Roma. Una donna “accidentalmente” precipitata da un balcone di Cagliari, tirandosi dietro, però, l’orologio di chi ne ha favorito la caduta. Un’altra donna folgorata dall’asciugacapelli in un bagno di Alghero. Cosa accomuna le tre misteriose morti? È questo il problema che deve risolvere il tenente Roversi che si trova davanti a un intricato dilemma, visto che gli unici individui che avevano un reale movente per gli omicidi erano lontani centinaia di chilometri dal luogo dei delitti. Infatti il delinquente che il prete voleva denunciare era in tournée a Sassari con la sua band; il marito infedele che voleva ereditare dalla ricca moglie si trovava in crociera con l’amante e il nipote dissoluto che temeva di rimanere senza le laute prebende della zia era in carcere per ubriachezza molesta ad Ajaccio. Ma allora chi ha commesso i reati, visto che non ci sono dubbi che tutti e tre sono omicidi premeditati?
Nel frattempo a Villa Flora i componenti della famiglia Gualandi si trovano alle prese con due problemi non secondari, almeno per loro: Margherita, sorella di don Luigi, avrebbe riallacciato la relazione con un poco di buono di cui s’era infatuata da ragazza, ma lui vuole solo i soldi della donna. Poi c’è una martora impagliata, donata da uno zio di Donna Brunilde, che misteriosamente scompare, ma che tutti (per diversi fini) vorrebbero ritrovare.

Nuova avventura per il carabiniere bolognese trapiantato in Sardegna con i consueti tre enigmi polizieschi (uno grave, col morto, e due più lievi, di cui sorridere) per i quali si deve trovare il bandolo dell’intricata matassa. L’idea ha funzionato bene per i primi romanzi, purtroppo, però, la formula ormai mostra tutta la sua fragilità e si fa fatica ad arrivare alla fine della lettura senza inanellare troppi sbadigli.
La vicenda principale, che cerca di rielaborare l’eccellente trama di uno dei più riusciti romanzi della Highsmith (“L’altro uomo/Stangers on a train”) aggiungendovi ulteriori, esagerate, complicazioni e intrighi non convince molto e, soprattutto, non avvince più di tanto, anche perché non ci si mette molto a capire quale debba essere l’esito finale delle indagini. Il fatto stesso che l’A., già dopo pochi capitoli, anticipi quella che dovrebbe essere la soluzione del caso, spoilerando sé stesso, testimonia quanto poco la trama sia carica di misteri e interrogativi. Ma anche i casi minori sono piuttosto banali e poco avvincenti. Insomma il lettore arriva prima alle conclusioni di quanto ci riescano i protagonisti che annaspano più del dovuto.
Per altri versi, quello che era il principale interesse di queste storie “vintage” (la rievocazione nostalgica dei nostri anni ’60, epoca d’oro di spensierati ricordi) ormai ha ben poco da aggiungere a quanto già scritto in precedenza. L’A. è davvero molto meticoloso quando ci ricorda le canzoni, i balli, le abitudini italiane di quel periodo. Addirittura ho trovato quelle che potrebbero essere definite pubblicità occulte di prodotti che andavano di moda allora (ma che spesso esistono anche oggi). Dunque l’ambientazione è perfetta, quasi pedante, ma, ormai, sembra avere solo un valore documentaristico, senza più molto coinvolgimento emotivo. Insomma, ben presto subentra la noia e non è rado che si sorvolino alcuni periodi, certe descrizioni che non aggiungono nulla al racconto, se non parole superflue.
A reggere l’interesse del lettore rimane solo la blanda curiosità per le vicende personali del tenente Roversi e dei personaggi che gravitano attorno alla famiglia Gualandi. Un po’ come avviene per certe soap opere, che si sbirciano solo per scoprire chi sposerà chi.
Insomma, per concludere, le avventure sassaresi ormai faticano a divertire sia pure al livello di lettura distensiva, anche se, obiettivamente, restano una lettura innocua, senza infamia e senza lode da affrontare giusto se non si sa come occupare altrimenti il proprio tempo.
Avrei ancora un libro della serie in lista d’attesa, ma, sinceramente, per ora, non bramo dalla voglia di aprirlo…

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Trovi utile questa opinione? 
50
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Quel tipo di ragazza
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La casa delle luci
Valutazione Redazione QLibri
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Non aprite quella morta
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Bournville
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il ragazzo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Brave ragazze, cattivo sangue
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Angélique
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita in tasca
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Tasmania
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il lungo addio
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Un cuore nero inchiostro
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Oblio e perdono
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Intrighi e morte sull'Adda
Giallo sulla Riviera del Corallo
Il male che gli uomini fanno
Quella notte a Valdez
Il liceo
Dalle nove a mezzanotte
Questioni di sangue
Cena di classe
La mala erba
Mille giorni che non vieni
Dolce vita, dolce morte
Il giallo di Villa Nebbia
Il giorno del sacrificio
Assassinio a Pedra Manna
Morte accidentale di un amministratore di condominio
Appuntamento mortale