I delitti del mosaico I delitti del mosaico

I delitti del mosaico

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


In una notte del 1300, ai piedi di un gigantesco mosaico incompiuto, un uomo viene ucciso in modo orribile. Tocca a Dante Alighieri, da poche ore priore di Firenze, il compito di trovare l'assassino, spingendosi nel mondo oscuro e pericoloso che si nasconde sotto quello solare della capitale dell'arte e della cultura. Un compito difficilissimo, ostacolato da falsi indizi e domande cui sembra difficile dare una risposta.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.5  (2)
Contenuto 
 
2.5  (2)
Piacevolezza 
 
3.0  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
I delitti del mosaico 2013-03-17 21:27:32 vitolorenzodioguardi
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
vitolorenzodioguardi Opinione inserita da vitolorenzodioguardi    17 Marzo, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Dante in cerca della giustizia

Di gialli, oramai, abbiamo riempito la Storia. Questa "moda letteraria" ha contagiato anche gli Italiani e la millenaria storia nostrana.

Dante è un personaggio abbastanza credibile, ha il suo caratteraccio burbero fiorentino, ha la sua innata logica che gli fa elucubrare attentamente ogni indizio, c'è la Firenze medievale in cui alti magnati, popolino, osti e beoni si mischiano e fanno parte della stessa "commedia umana". E poi ci sono i delitti e l'ingiustizia di non avere giustizia per i morti e soprattutto se questi hanno indicazioni più o meno politiche. E tutto è politico nella Firenze 1300.
Il tutto è fluido, scritto con stile scorrevole e apprezzabile; anche il tentativo di un percorso dentro la città (forse poco tarato su quella Firenze...).
Il contenuto è medio (proprio per lo sfruttamento eccessivo del genere, al cui indirizzo generale Leoni si conforma senza troppa innovazione.
La piacevolezza c'è, invece. Probabilmente l'autore si sarà divertito a scrivere, cosa che rende curiosamente fruibile la storia.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Leoni, Camilleri, i giallisti italiani e internazionali, Dante...
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore

I delitti del mosaico 2011-08-10 16:26:53 silvia71
Voto medio 
 
2.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
2.0
silvia71 Opinione inserita da silvia71    10 Agosto, 2011
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Insufficiente

Giulio Leoni ci propone un Dante inedito, calando lo storico vate nei panni di un novello detective, alle prese con enigmatici delitti che sconvolgono la quiete cittadina di una Firenze medievale.
Se l'intento dell'autore era di dare vita ad un romanzo storico a tinte noir, al termine della narrazione si avverte forte la sensazione di una mancata riuscita.
Gli elementi che caratterizzano l'intreccio giallo della trama, sono piuttosto mal congegnati e poco accattivanti, scarseggiano di mordente e di suspense, provocando un costante senso di attesa nel lettore nella speranza che la narrazione assuma maggior consistenza.
La pecca di un buon impianto noir, poteva essere meglio sopportata se il romanzo si fosse dimostrato più solido sul piano storico, offrendo un affresco nitido e puntuale del periodo trattato; purtroppo il lavoro non convince appieno neppure sotto questo profilo, in quanto manca della profondità necessaria affinché il pubblico possa sentirsi immerso nella Firenze dell'epoca, la quale viene tratteggiata sommariamente, per dare invece risalto a numerosi personaggi di cui si fatica a seguirne le orme all'interno del dipanarsi della vicenda.
Di buon livello lo stile linguistico adottato, tuttavia questa qualità non riesce a risollevare il giudizio complessivo del romanzo, che rimane insufficiente, in quanto eccessivamente nebuloso e carente della necessaria incisività.
Sicuramente con questo romanzo Leoni paga dazio per il fatto di essere agli esordi della sua attività letteraria e di non aver avuto ancora modo di affinare e rafforzare le proprie capacità, motivo per cui non è da escludere un assaggio della sua produzione posteriore.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Assolutamente musica
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Lo stato dell'unione. Scene da un matrimonio
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una vecchia storia. Nuova versione
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La palude dei fuochi erranti
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il treno dei bambini
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La bambina del lago
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il pittore di anime
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Rosamund
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
I testamenti
Valutazione Utenti
 
3.6 (2)
L'istituto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Impossibile
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultima notte di Aurora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti di QLibri