I giorni dell'ombra I giorni dell'ombra

I giorni dell'ombra

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


Vittoria si avvia lentamente verso i trent’anni, ma non è mai diventata veramente donna. Ha vissuto da reclusa, con una sorella più piccola che soffre di agorafobia, una madre rassegnata e letargica, un padre violento e possessivo. Tutta la sua esistenza si è da sempre concentrata nel palazzo in cui abita, e nel piccolo mondo che lo popola. Ed è dentro il palazzo che, da qualche tempo, ha trovato nuove ragioni di speranza: in Daniel, il talentuoso scrittore del quale può permettersi di essere innamorata, nella certezza che il suo sentimento non sarà mai ricambiato, e in Lisa, la ragazza vitale e sfrontata che si serve di Vittoria per i propri piccoli sfoghi quotidiani, e le consente di proiettarsi per procura in quel mondo che non ha mai avuto il coraggio di affrontare. Quando Lisa scompare da un giorno all’altro, nessuno nel palazzo sembra preoccuparsene: tutti sono convinti che sia partita per uno dei suoi vagabondaggi amorosi e che presto tornerà. Vittoria però è sicura che l’amica sia in pericolo e che le sia successo qualcosa di brutto. E comincia a violare la semiclausura cui è condannata da anni, nel tentativo di arrivare alla verità. Senza fermarsi davanti a nulla: neppure al sospetto che nella sparizione siano coinvolte le persone che le sono più care e che ritrovare Lisa significherà uscire dalla propria prigione e affrontare una volta per tutte, indifesa, il mondo fuori. Sara Bilotti accompagna i lettori in una vera e propria discesa agli inferi. E costruisce un romanzo nerissimo, carico di suspense, con una protagonista fragile e disturbata, dolce e inquietante.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
2.3
Stile 
 
2.0  (1)
Contenuto 
 
3.0  (1)
Piacevolezza 
 
2.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
I giorni dell'ombra 2019-01-08 11:33:48 Mian88
Voto medio 
 
2.3
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
2.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    08 Gennaio, 2019
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un passato che corrode e plasma ossessioni

Vittoria Morra ha capito sin da subito che l’assenza di Annalisa Di Matteo, sua amica del cuore, è molto più che un semplice allontanamento volontario. Lisa è solita, infatti, partire, andarsene per periodi anche abbastanza lunghi durante l’anno ma ogni volta, a prescindere dalla meta, dal tempo della dipartita, da tutto, informa e tiene sempre aggiornata la coetanea nonché vicina di casa. Preoccupata, la protagonista chiedere notizie agli amici comuni e perfino a Daniel, il ragazzo di cui è innamorata ma non ricambiata. Per far fronte alla sua ansia decide, ancora, di sporgere formale denuncia presso le autorità. Si noti bene ai fini dello sviluppo dei fatti che Vittoria vive con la famiglia composta da un padre padrone ex militare in pensione ma ancora con la giusta propensione al comando, una madre che si è rannicchiata nell’ombra quasi come se fosse un fantasma, e Maria la sorella agorafobica con cui ha un rapporto di amore-odio. Vivono in simbiosi, le due, eppure un’ombra sembra sempre essere pronta a calare su di loro a causa di una serie di violenze domestiche e psicologiche.
Sin dal suo principio “I giorni dell’ombra” si presenta quale una storia che mira a trattare tematiche attuali e di grande interesse sociale che vanno dalle prepotenze domestiche al disagio sociale all’instabilità psichica, problematiche che vengono mixate a un omicidio da risolvere e a una interessante analisi psicologica e interiore. Il problema, a mio modesto avviso, del volume, è la costruzione. Seppur infatti la trama sia gradevole e si snodi interamente all’interno di un condominio, la narrazione risulta essere farraginosa perché troppo descrittiva e avvalorata da un uso di tempi verbali al passato remoto che la fanno risultare ridondante. A ciò si somma uno stile che vuol essere pregiato ma che soventemente perde il suo obiettivo cadendo nel volgare nonché uno sviluppo confusionario soprattutto nella prima parte dove tutti i protagonisti vengono presi e inseriti in un capitoletto senza che però la loro introduzione abbia un filo logico. Buona la caratterizzazione di Vittoria la cui ossessione è palpabile sin dalle prime battute, difficile però riuscire ad entrarvi in simbiosi così come con gli altri personaggi delineati. Nella seconda sezione il testo migliora e si conclude con un epilogo abbastanza soddisfacente e dal legittimo colpo di scena; la difficoltà è arrivarci, resistere fino alla fine.
Peccato perché contenutivamente le intenzioni dell’autrice erano più che meritevoli e la vicenda stessa avrebbe suscitato un maggiore interesse e coinvolgimento se si fosse voluto far meno.

«Quando ti tolgono tutto e tu non hai neanche idea di cosa ne sarà della tua vita, fatichi a restare dentro te stesso. Cerchi di non farti sfiorare dalle troppe cose che non puoi comprendere.» p. 45

«[…] è un po' sorpreso, evidentemente, di trovarmi così propositiva. Anche io un po’ mi stupisco: pensavo fosse più difficile vivere, invece la cosa difficile è scegliere, e il resto viene da sé» p. 242

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Assolutamente musica
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lo stato dell'unione. Scene da un matrimonio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una vecchia storia. Nuova versione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La palude dei fuochi erranti
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il treno dei bambini
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La bambina del lago
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il pittore di anime
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Rosamund
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
I testamenti
Valutazione Utenti
 
3.6 (2)
L'istituto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Impossibile
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultima notte di Aurora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti di QLibri