Il cacciatore del buio Il cacciatore del buio

Il cacciatore del buio

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


Questo è il romanzo di un uomo che non ha più niente se non la propria rabbia. E un talento segreto. Perché Marcus è l’ultimo dei penitenzieri: è un prete che ha la capacità di scovare le anomalie e di intravedere i fili che intessono la trama di ogni omicidio. Ma questa trama rischia di essere impossibile da ricostruire, anche per lui. Questo è il romanzo di una donna che sta cercando di ricostruire se stessa. Anche Sandra lavora sulle scene del crimine, ma diversamente da Marcus non si deve nascondere, se non dietro l’obiettivo della sua macchina fotografica. Perché Sandra è una fotorilevatrice della polizia: il suo talento è fotografare il nulla, per renderlo visibile. Ma stavolta il nulla rischia di inghiottirla.

Recensione della Redazione QLibri

 
Il cacciatore del buio 2014-10-22 12:03:15 Sydbar
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Sydbar Opinione inserita da Sydbar    22 Ottobre, 2014
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il cacciatore del buio

Questo finalmente è un thriller. Scritto da chi di thriller ne capisce e soprattutto da chi conosce le dinamiche riferite alle forze di polizia ed alle loro procedure.
Diciamo che sotto il sole nulla di nuovo, trattasi del serial killer inafferrabile e brutale, inseguito dallo SCO e poi dai ROS. Certo ordinaria amministrazione per chi legge questo genere ma il nostro autore ha uno stile narrativo e descrittivo degli eventi davvero all'altezza della sua fama. Poi aver utilizzato i "penitenzieri" ed "Il tribunale delle anime", sempre intrigante.
Bravo Donato hai messo a segno un gran bel libro che non fa rimpiangere nulla dei concorrenti americani né di quelli scandinavi.
Capitoli brevi e soprattutto sapientemente descrittivi di una Roma affascinante.
Omicidi seppur cruenti mai banali e sempre spiegati nella loro psicologia d'intento.
I protagonisti sono eroi e vittime allo stesso tempo e questo li rende molto umani e credibili, in fondo si tratta pur sempre di esseri umani con dei sentimenti e degli istinti ed emozioni.
Eccellente l'illustrazione del bene e del male e del perchè delle loro reciproche esistenze.
Sicuramente l'autore continuerà su questo filone con cui sta ottenenso ottimi risultati.
Un romanzo credibile, molto attuale, che conferma Carrisi come uno degli autori italiani più in forma del momento.
Buona lettura a tutti.
Il Syd

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Thriller soprattutto i precedenti dello stesso autore
Trovi utile questa opinione? 
250
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 14

Voto medio 
 
4.4
Stile 
 
4.5  (14)
Contenuto 
 
4.4  (14)
Piacevolezza 
 
4.4  (14)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il cacciatore del buio 2015-10-26 13:24:06 cesare giardini
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
cesare giardini Opinione inserita da cesare giardini    26 Ottobre, 2015
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Non esiste il bene senza il male

Donato Carrisi ha una grande fantasia narrativa. Sa creare personaggi che lasciano il segno, come Marcus, il “penitenziere”, privo di memoria e rinato a nuova vita, individuato da personaggi vaticani influenti come creatura idonea a perseguire il male ovunque si annidi. Si inizia nei giardini vaticani, ove una giovane suora viene trovata fatta a pezzi (“Hic est diabolus”, si mormora fra le consorelle) : qui iniziano le indagini di Marcus (ma solo alla fine scoprirà il colpevole), che verranno via via indirizzate, parallelamente alle vere e proprie indagini della polizia romana, su altri efferati delitti : c’è in circolazione un “mostro” che assale coppie, uccidendo lui ed accanendosi barbaramente su lei, con rituali macabri e incomprensibili. La tensione emotiva è tenuta sempre ad alto livello, non ci sono momenti di pausa e ad ogni capitolo non mancano colpi di scena e nuovi orizzonti inesplorati. La vicenda infatti è complessa e coinvolge una giovane foto rilevatrice della polizia, il suo ingenuo fidanzato, un funzionario russo con uno strano figlio vittima della follia paterna, un lugubre istituto per minori ove ne succedono di tutti i colori : fatica assai il nostro “cacciatore del buio” a dipanare matasse ingarbugliate, anche perché non conosce i mandanti della missione cui è preposto, mandanti che solo alla fine si disvelano cercando di chiarire, con motivazioni filosofiche e a dire il vero poco convincenti, le motivazioni del loro agire. La conclusione è che il bene non può esistere senza il male : ne è la riprova l’ultima avventura del penitenziere che, dopo un viaggio in Africa, scopre una sorprendente verità, proprio entro le mura vaticane, dove tutto era iniziato. In una intervista all’Autore, si viene a sapere che alcuni riferimenti storici del romanzo corrispondono a verità e che esistono in Vaticano archivi segreti cui non è possibile accedere. Ciò non toglie che la narrazione abbia talora momenti inverosimili e che certi episodi abbiano più del fumettistico che del reale : ma un giallo deve avere i suoi ritmi ed i suoi momenti di suspence, ed in questo Carrisi è veramente geniale. Non cerchiamo gli approfondimenti psicologici dei gialli svedesi o lo stile narrativo cui Jeffery Deaver attinge per far giostrare i suoi consueti protagonisti : Donato Carrisi bada più all’incalzare degli eventi, senza indulgere troppo a studiare caratteri e psicologie. E’ minuzioso però nell’incastrare le varie indagini una nell’altra, aiutandosi anche con tabelloni in cui elenca gli elementi delle scene dei vari crimini ( come è consuetudine di Lincoln Rhime nei romanzi di Jeffery Deaver). Comunque, Donato Carrisi resta un buon autore di gialli : in Italia ha ben pochi rivali.



Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Gli altri romanzi di Donato Carrisi
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore

Il cacciatore del buio 2015-10-05 20:58:17 Francesca2213
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Francesca2213 Opinione inserita da Francesca2213    05 Ottobre, 2015
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La lettrice distratta

Parto dal presupposto che io amo questo genere di libri. Il thriller psicologico per me è il must! Detto questo dovete anche sapere che Donato Carrisi è uno dei miei autori preferiti e quando la Longanesi mi ha proposto di leggere questo libro,sono stata entusiasta. Detto questo…

“Marcus,mio caro Marcus,verrei da te per farti compagnia!”. Marcus è uno dei miei personaggi preferito,perchè ha quella forza d’animo che ti fa capire che non devi mollare. Marcus ha perso tutto,ha perso la sua memoria,la sua persona. Si sta ricostruendo. Ma come per ognuno di noi,anche per lui il limite è arrivato. Vuole sapere per chi lavora,perchè deve vivere nell’ombra,nel buio?

Ma non fa neanche in tempo a farsi queste domande che un nuovo criminale si impossessa di Roma.
Qui vorrei aprire una piccola parentesi. Sei mai stato a Roma? Se non ci sei stato guarda un pò di foto e poi leggi il libro,se ci sei già stato molti luoghi saranno famigliari,ma indipendentemente da questo Carrisi ha la splendida capacità di farti innamorare della città. Roma è la città eterna,ma è la città più bella che esista e nonostante ci sia andata solo una volta,sono innamorata di Roma e felice di poterla ritrovare,ogni volta,nelle splendide parole di Carrisi.


Detto questo passiamo avanti. I personaggi sono ben costruiti,si entra dentro l’animo di ogni singolo personaggio e non parlo solo di carnefice e di Marcus,parlo di ogni singola persona nominata nel libro,dal commissario al compagno di Sandra.Attraverso le parole l’autore ci fa scoprire il passato e presente dei personaggi. Un thriller ben costruito e molto solido. Un risvolto psicologico che non ti saresti mai e poi mai aspettato/a.

Io vorrei convincervi a leggere questo romanzo perchè so che questo consiglio è il migliore che io possa darvi,ma vi ricordo che prima di leggere “Il tribunale delle anime” che il primo di questa duologia,se vogliamo chiamarla così.

Questo libro vuole sottolineare sempre di più l’importanza del male per salvaguardare il bene e come dice sempre Clemente ” Il bene è l’eccezione”.

Il protagonista Marcus e il suo maestro Clemente sono preti e fanno parte della Paenitentaria Apostolica,cioè il ramo della chiesa cattolica che si occupa di assolvere i peccati più gravi,quale l’omicidio,quindi la questione religiosa è molto in risalto. Il modo in cui la Chiesa reagisce al male e soprattutto Carrisi ci da degli ottimi spunti per delle riflessioni per quanto riguarda il cattolicesimo e Dio. Io ammetto di essere atea quindi vedo questa questione da un punto di vista molto neutrale e le sue parole mi hanno portato molto a riflettere,ma penso che tutti possano leggere questo libro perchè fa riflettere sul bene,sul male e sul ruolo della Chiesa in casi così estremi.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il cacciatore del buio 2015-07-28 07:49:26 Vita93
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Vita93 Opinione inserita da Vita93    28 Luglio, 2015
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il bambino di sale

Roma è nel panico, un sadico assassino colpisce le coppiette che si appartano durante la notte nei boschi e nelle campagne della Città Eterna.
Marcus, penitenziere con un oscuro passato e reduce da un caso non risolto di una suora massacrata nei giardini vaticani, indaga sul caso.
Oltre al singolare sacerdote, si occupa del caso anche la Polizia con l’ altra protagonista del romanzo Sandra Vega, giovane foto-rivelatrice della Scientifica.

Ancora una volta Carrisi trascina il lettore in una storia che osserva la natura umana e narra dell’ interminabile lotta tra il bene e il male, entità arcaiche e innate sempre vicine tra loro in ogni essere umano e pericolosamente sfumate.
Stavolta il fulcro evidente del male è un serial killer che ricorda paurosamente il Mostro di Firenze.
Stessi bersagli, le coppiette, stessi luoghi isolati.
Il male non risparmia nessuno, in una storia molto più cupa, morbosa e difficile da digerire rispetto al precedente capitolo della saga, “ Il Tribunale della anime “.
Perché stavolta si parla anche di bambini, di come un’ infanzia difficile e violenta possa in futuro condizionare la crescita e l’ evoluzione di una persona.
E si parla di poteri oscuri, di disegni superiori, di un Vaticano tanto immenso quanto misterioso che contrappone la magnificenza della Basilica di San Pietro ai giardini bui e immersi in un irreale silenzio.
Il passato è un altro tema cruciale del romanzo, ogni protagonista è alle prese con una memoria densa di ricordi spiacevoli con la sola consapevolezza che non si può sfuggire da ciò che siamo stati.

“ Il cacciatore del buio “ è un thriller pienamente riuscito, teatro di una vicenda che assorbe il lettore tra omicidi, mistero, lo splendore di un’ ambientazione ricca di richiami storici e artistici e continui cambi di prospettiva tra i protagonisti al centro dell’ azione che fanno in modo che il lettore divori letteralmente il romanzo in breve tempo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il cacciatore del buio 2015-07-14 08:05:42 alessio
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
alessio Opinione inserita da alessio    14 Luglio, 2015
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

IL DIAVOLO E’ QUI

IL DIAVOLO E’ QUI

Marcus e Sandra sono due persone che hanno in comune un talento molto speciale, quello di trovare delle anomalie sulla scena di un crimine,quei piccoli particolari che svelano grandi cose su un omicidio.
Marcus è un prete, ed è l’ultimo dei penitenzieri, con il suo talento riesce a ricostruire le trama di un omicidio entrando nei pensieri dell’assassino,immedesimandosi, ma come quest’ultimo è obbligato a vivere nell’oscurità senza farsi mai scoprire.
Sandra è una foto rilevatrice della polizia e anche lei lavora sulle scene del crimine, e per trovare le anomalie usa l’obiettivo della sua macchina fotografica, infatti è proprio vero, riesce a fotografare il nulla per renderlo visibile.
Spesso il Male è associato al Diavolo, ed esso si manifesta in molti modi, in questo romanzo si manifesta sottoforma di omicidio, dopo una lunga tortura afflitta alle sue vittime,e a pagarne il prezzo sono sempre le coppiette appartate, quelle in cerca di un po’ di intimità,ma è sulle donne che l’assassino riserva la morte peggiore ,dove da il suo massimo sfogo,la quale attraverso alcuni particolari, appunto a quelle piccole“anomalie” trovate sulla scena del crimine, ci racconta di se stesso, ed il perché di tanta violenza, per questo servono due individui speciali come Marcus e Sandra,che con le lori doti speciali dovranno svelare questo mistero molto complicato, andando a scavare nel passato per scoprire il presente, il tutto è ambientato a Roma che come città, di passato ne ha un bel po’ da raccontare.
Anche quest’ultimo lavoro di Carrisi è stato molto bello direi proprio un ottimo thriller,ha un ottima trama, infatti ci sono tutti gli “ingredienti” per esserlo suspense,azione e tanto mistero,dosato in quantità giusta alla fine di ogni capitolo in modo tale da “divorare “ il libro capitolo dopo capitolo. Ben descritti i luoghi, i personaggi, e i dialoghi, regalando un lettura molto scorrevole, tant’è che sembra di guardare un film.
Fino ad ora tutti i libri di Carrisi che ho letto non mi hanno mai deluso,anzi,perciò mi sento di consigliare anche quest’ ultima opera, in primis agli amanti del genere Thriller,che un libro cosi non può di certo mancare nella libreria, e a chi vorrebbe leggere una storia molto coinvolgente.
Buona lettura.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
agli amanti del thriller
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il cacciatore del buio 2015-05-25 06:08:43 cosimociraci
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
cosimociraci Opinione inserita da cosimociraci    25 Mag, 2015
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

"Lo adoro"

"Lo adoro" quando dagli indizi riesco ad indovinare alcuni eventi che si sveleranno da li a poche pagine.
"Lo adoro" quando mi accorgo che, nonostante tutto, tanti altri eventi mi stupiscono sempre.
"Lo adoro" ancora di più quando leggo la sera ed un brivido mi pervade il corpo per l'ennesimo colpo di scena.
Un altro thriller psicologico ben scritto da Donato Carrisi. Per chi ha scritto romanzi come il Suggeritore e L'ipotesi del male, non è affatto facile continuare a scrivere in modo così piacevole per un pubblico di lettori sempre più esigente.
Questo romanzo mi avviicina ad una realtà oscura che purtroppo fa parte del nostro mondo. Quante volte in TV vediamo servizi di serial killer che ammazzano delle giovani coppie. Eventi che accadono in tutto il mondo e che ci appaiono così lontani. Carrisi ha portato tutto questo nelle nostre case con personaggi ben studiati, snocciolando la loro psicologia e ambientando tutto in una Roma pregna di politica e compromessi ma sempre affascinante misteriosa come solo lei sa essere.

Il tribunale delle anime e Il cacciatore del buio. Ma chi è Marcus? Che il nostro Carrisi abbia in serbo un altro episodio?

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Gli altri di Donato Carrisi
Glenn Cooper - La biblioteca dei morti (per chi ha amato il lato occulto del romanzo)
Jeffery Deaver - October List (per chi ha amato il profilo psicologico dei personaggi)
Joël Dicker - La Verità Sul Caso Harry Quebert (per chi ha amato il lato investigativo)
Sebastian Fitzek - La terapia (per chi ha amato il brivido)
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il cacciatore del buio 2015-05-06 16:13:26 Jack_84@yahoo.it
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Jack_84@yahoo.it Opinione inserita da Jack_84@yahoo.it    06 Mag, 2015
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il bene e il male

Non posso che associarmi alla folta schiera di lettori entusiasti: questo thriller vi terrà incollati fino all'ultima pagina! Il seguito de "Il Tribunale delle Anime", riprende scene, ambienti e descrizioni del suo predecessore, continuandone la narrazione in una logica consequenzialità. Ritroviamo così i due protagonisti principali, il penitenziere Marcus e la fotorilevatrice Sandra i quali, a distanza di qualche anno dalle vicende del primo romanzo, si ritroveranno a collaborare per risolvere l'enigma di un serial killer che ammazza le coppiette che si appartano per avere un momento di intimità. Ritroviamo altresì lo stile dell'autore il quale riesce a mescolare sapientemente descrizioni particolareggiate unite ad introspezioni degne dei moderni thriller psicologici. L'unica pecca che mi sento di volgere riguarda la trama che a tratti sembra forzata: non è raro, infatti, ritrovare delle provvidenziali coincidenze senza delle quali l'indagine non sarebbe potuta proseguire; peraltro alcune deduzioni di Marcus sembrano dettate da poteri soprannaturali piuttosto che ad una reale capacità di osservazione, ancorché straordinaria (in questo è maestro il celeberrimo Sherlock Holmes, per intenderci). Tirando le somme, è un libro che va assolutamente letto grazie ad una trama incalzante ed avvincente, alla presenza di temi e luoghi mistici ed affascinanti nonchè alla presenza di due protagonisti che non possono lasciare indifferente neanche il lettore più esigente. Il connubio di queste qualità non vi farà neanche accorgere di alcune delle leggerezze ed incoerenze narrative rinvenibili in alcune parti della trama. Peraltro il finale del libro, volutamente aperto, ben lascia sperare in un terzo romanzo. Consigliatissimo!!!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Agli amanti dei thriller di qualità
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il cacciatore del buio 2015-04-17 07:41:27 violetta89
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
violetta89 Opinione inserita da violetta89    17 Aprile, 2015
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Hic est diabolus

Rispetto a capolavori come "il suggeritore" o "il tribunale delle anime", questo libro non è sicuramente all'altezza, ma resta comunque un ottimo thriller ambientato in una Roma oscura e forse anche un po' mistica.
La trama è come al solito molto complessa, si svolge attorno ad un serial killer imprendibile che terrorizza la città con omicidi molto cruenti e brutali, ritroviamo personaggi già conosciuti come l'agente Vega e Marcus, magari chi non ha letto il libro precedente può trovarsi un po' spiazzato. Per chi invece li conosce già, può cercare di capirli un po' meglio, anche se non sono pienamente delineati, questa è una caratteristica che ho ritrovato in tutti i libri di Carrisi.
E' un thriller molto psicologico, ci sono cose che ti lasciano un po' perplesso ed altre piuttosto sconvolgenti. A mio modesto parere, Carrisi è probabilmente il migliore scrittore di thriller in Italia, i suoi libri sono una garanzia. Il finale poi ti spiazza un po', ti lascia un dubbio e una grande curiosità per il prossimo libro: chi sarà questo maestro?

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il cacciatore del buio 2015-02-10 15:30:11 Fonta
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Fonta Opinione inserita da Fonta    10 Febbraio, 2015
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il bambino senza nome

Sandra è una fotoreporter della polizia, lei riesce a scovare le "anomalie" mentre fotografa le scene del delitto, attraverso l'obbiettivo della macchina fotografica vede incongruenze, dettagli e piccole sfumature che ad occhio nudo sfuggono agli investigatori.

Marcus è un prete, o meglio sa da poco di esserlo, quando sceglie di riscoprire il suo pericoloso passato, dopo aver perso la memoria. Questo lo riporterà a Roma, dove nel cuore del Vaticano, viene scoperto un cadaveri mutilato di una giovane suora.

E' la mrte che farà ritrovare Sandra e Marcus, la morte dolorosa di due giovani amanti, ritrovati uccisi spietatamente in un luogo appartato sulla via Appia.
Questo sarà solo l'inizio di una scia di terrore che porterà nella capitale una figura misteriosa che verrà denominata "il bambino di sale".

Un thrille psicologico che porta il marchio di fabbrica di Carrisi, ovvero molta introspettiva dei personaggi, schemi ben congegnati e colpi di scena che fanno stare il lettore con il fiato sospeso.
Non lo scopro certo io, Donato Carrisi è tra i migliori autori italiani sul genere e non credo tema alcun confronto con i colleghi stranieri.
Ancora una volta un libro molto ben strutturato e pensato, un immagine della psiche omicida che deriva dai suoi studi di settore, un lato della mente umano spesso gestito dal raziocinio, portato all'esasperazione dai contesti che ci circondano.

Altra nota lieta la collocazione in Italia del libro. Di solito Carrisi ambientava i suoi lavori in città generiche senza nessun riferimento, qui invece i fatti si svolgono nel Vaticano (che dopo Dan Brown sembra stia riscuotendo un interesse viscerale negli scrittori thriller =) e si riescono ad intravedere scorci e bellezze della nostra splendida capitale.

Un libro da divorare per gli amanti del genere!

Grazie Donato Carrisi!

Buona lettura

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Il Suggeritore, L'Ipotesi del Male, Il Tribunale delle Anime
Trovi utile questa opinione? 
160
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il cacciatore del buio 2015-02-04 07:59:45 Pelizzari
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Pelizzari Opinione inserita da Pelizzari    04 Febbraio, 2015
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Maschile e femminile

Ambivalente è la chiave di lettura di questo giallo, nel senso che sia i cacciatori sia gli inseguiti hanno sia un volto maschile che un volto femminile. Partiamo dai cacciatori: lui è un prete che riesce a scorgere la traccia invisibile che il male lascia sulle cose e lei è una fotorilevatrice della polizia che fotografa il vuoto. Gli inseguiti sono un bambino di sale ed una bambina di luce. E questa doppia faccia del maschile e femminile è l’aspetto più caratteristico di un giallo ben costruito, ben pensato, ben sviluppato e ben scritto. Sicuramente durante la caccia emerge un elemento, quello chiave del romanzo, che il lettore non si aspetta e che rappresenta il punto di svolta, sicuramente nel corso della storia la cura di molti particolari appassiona il lettore e la caratterizzazione dei personaggi è un continuo crescendo. Forse la suspence non è ai massimi livelli, o almeno non in tutte le parti del libro, forse il finale non è di quelli più sconvolgenti, forse la parte esoterica andava un po’ alleggerita. E’ indubbio che resta una validissima conferma di un autore italiano che si distingue nel panorama letterario attuale.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
240
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il cacciatore del buio 2015-01-26 08:00:36 Stefano74
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Stefano74 Opinione inserita da Stefano74    26 Gennaio, 2015
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un passo indietro

Spiace dirlo visti i precedenti di Carrisi ma in questo nuovo thriller siamo molto lontani da "Il suggeritore" e da "L'ipotesi del male".
La trama è buona ma per chi ha imparato a conoscere il maestro il finale è risultato abbastanza prevedibile.
Comunque da leggere per i risvolti legati al mondo della chiesa. Conoscendo Carrisi di sicuro c'è tanta ricerca di fonti e quindi alcune trame e intrecci che coinvolgono il Vaticano possono lasciare di stucco.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
20
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il cacciatore del buio 2014-12-15 12:49:39 Gondes
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Gondes Opinione inserita da Gondes    15 Dicembre, 2014
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

IL CACCIATORE DEL BUIO

Il rischio per chi inizia questo romanzo è quello di leggerlo tutto d’un fiato, perché Carrisi è riuscito a raccontare una storia che ti entra dentro e diventa quasi una corsa contro il tempo per riuscire a scoprire il volto del mostro di Roma. In realtà un’ aspetto che non mi ha convinto del tutto è il doppio binario su cui si svolge il libro. Da una parte il brutale omicidio della suora all’interno del Vaticano, con cui si apre il romanzo, dall’altra invece i pluriomicidi di coppie che avvengono nei dintorni di Roma. Non ho trovato sinceramente una grossa sinergia fra questi due eventi, tanto da dimenticare quasi l’omicidio della suora per poi ritrovarlo solamente verso la fine del libro, con una spiegazioni che non mi ha convinto più di tanto. Secondo il mio modesto parere il libro poteva e doveva “vivere” solamente sviluppando il tema principale, perché Carrisi è stato bravo ad creare la giusta dose di mistero attorno alle morte di queste coppie. Anche i personaggi che ci accompagnano alla scoperta della verità hanno un qualcosa in più rispetto al solito commissario che si ritrova in molti libri del genere.

Trovi utile questa opinione? 
170
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il cacciatore del buio 2014-10-10 10:15:15 marlon
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
marlon Opinione inserita da marlon    10 Ottobre, 2014
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

HIC EST DIABOLUS ...

“ C’e’ un posto, in Vaticano, dove non comanda neppure il Papa ….. “ D. Carrisi
Paenitentiaria Apostolica. Il tribunale delle anime. Sono loro i cacciatori del buio. I profiler della Santa Sede, i detective delle tenebre, i detentori del più grande archivio criminale del mondo. Coloro che trattano da secoli i peccati dell’umanità. I più indicibili, i più diabolici.
Markus è un penitenziere. Un prete con un talento innato per le “ anomalie”. Riconosce il Male, lo vede dove gli altri non possono neanche immaginarlo. Non conosce il proprio passato, a causa di un colpo di pistola ricevuto a Praga anni fa. Unico ricordo, una cicatrice sulla tempia. Non conosce neanche i membri del Tribunale, poiché il suo compito è soltanto seguire le istruzioni. Risolvere i casi più “delicati ” …. Unico contatto è Padre Clemente. Il suo mentore, la sua guida. Colui che lo inizia, lo indirizza nel BUIO, gli procura denaro, appartamenti sicuri e conforto.
Tra le mura del Vaticano, in un giardino meraviglioso, viene trovata morta una suora. Fatta a pezzi. HIC EST DIABOLUS …. Sussurrano le consorelle della malcapitata. IL DIAVOLO E’ QUI ….
Inizia così il percorso nell’oscurità di Markus,mentre Roma sprofonda in un incubo. La Città Eterna è terrorizzata da un killer di coppiette. Ci sono anomalie . Non sembra un caso come gli altri. Il MALE è una dimensione. E’ ovunque.
Sandra è una foto rilevatrice della polizia. Vecchia conoscenza di Markus ( Il Tribunale delle anime) , anche lei possiede un dono . Cattura, con le sue foto, le “anomalie” . I due protagonisti scoprono ben presto che la follia omicida del killer segue un disegno ben preciso. Ma la verità ….. la verità è composta da più livelli . Ogni livello è sconcertante e la verità potrebbe non essere accettata.
Chi è il Bambino di sale ? E chi è l’Uomo con la testa di lupo ? Una cosa è certa : “ Se non sarà fermato.. non si fermerà “
Carrisi è una garanzia. Anche in questo romanzo è tanta la carne al fuoco. Trama intricata sapientemente. Pathos ai massimi livelli. E soprattutto originalità. Sicuramente uno dei migliori scrittori thriller in circolazione ( uno dei migliori ….). Consigliato assolutamente agli amanti del genere.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Non è obbligatorio leggere il precedente " IL TRIBUNALE DELLE ANIME " . ma se lo si fa ...si ha una visione più completa....
Trovi utile questa opinione? 
160
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il cacciatore del buio 2014-10-08 12:48:36 Pupottina
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Pupottina Opinione inserita da Pupottina    08 Ottobre, 2014
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Cerca le anomalie

“Anche se non avesse avuto quella dote, ce l’aveva.”

“La parte malvagia della natura umana è immutabile”: questo il presupposto da cui prende le mosse il nuovo thriller di DONATO CARRISI. Lo scrittore ci porta nelle ambientazioni de “Il Tribunale delle anime”: ci porta a Roma e ci fa rincontrare Clemente e Marcus, i due penitenzieri, i due cacciatori del buio.
E IL CACCIATORE DEL BUIO è proprio questo il titolo del nuovo thriller psicologico che va a scandagliare la natura umana.
Marcus torna a indagare, perché lui vede ciò che gli altri non vedono. Lui vede il male. Riesce a scorgerlo nei dettagli, nelle anomalie che sono ciò di cui è costantemente alla ricerca. Le anomalie non sono altro che “minuscoli strappi nella trama della normalità, un infrasuono nascosto nel caos”. A Marcus capita continuamente di coglierne alcune.
Nessuno avrebbe dovuto sapere della sua esistenza. Per tutti lui era invisibile. Un penitenziere poteva mostrarsi agli altri, rivelando la sua identità “solo nel tempo che intercorre fra il lampo e il tuono”.
Ma qualcuno conosce il segreto di Marcus. È Sandra Vega. Le loro strade si sono incrociate nel passato, in un altro romanzo. Sandra ha sofferto. Il dolore le è entrato dentro e non l’ha abbandonata, anche se ha cercato di rifarsi una vita. Lei lavora nel dipartimento di polizia come foto rilevatrice ed è costantemente a contatto con il male. Per questo, ha deciso che, “per sopravvivere al male, a volte bisogna ignorarlo”.
Oltre a loro, nelle vicende che si dipanano, sotto forma di aneddoti o di riferimenti, più o meno, vaghi, ci sono vari casi di cronaca italiana che non fanno altro che creare un’atmosfera di realtà, uno sfondo verosimile della storia criminale, dove la caccia all’uomo è una continua lotta contro il tempo, mentre i delitti diventano sempre più efferati.
Altra protagonista di questo romanzo è Roma. Ogni angolo di Roma è presente nella storia. Emerge dalle pagine del romanzo, man mano che le vicende vengono narrate. Crea l’atmosfera giusta, avvolta nella sacralità e nel mistero della sua storia millenaria, dove il bene e il male si sono incrociati spesse volte ed ancora sono destinati a confondersi.
Lo stile è sempre quello di Carrisi, magistrale e inconfondibile. La storia, interessante, intricata, complessa ed avvincente. I personaggi, verosimili e psicologicamente sfaccettati. Il cattivo, sempre più sconvolgente.
Un romanzo di ottimo livello.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
260
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il cacciatore del buio 2014-10-01 20:17:01 F.Angeli
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
F.Angeli Opinione inserita da F.Angeli    01 Ottobre, 2014
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

I TRE LIVELLI DEL SEGRETO

Il nuovissimo thriller di Carrisi era una delle uscite che più attendevo. Dopo avere letto i suoi meritatissimi precedenti successi "Il suggeritore", "L'ipotesi del male", e "Il tribunale delle anime", avevo delle aspettative molto alte sul libro. Il cacciatore del buio non le ha deluse.

La storia è come sempre estremamente articolata, un valzer diabolico che contagia tensione con le sue note taglienti. È il seguito del "Tribunale delle anime", e i due protagonisti saranno Marcus e Sandra Vega, i due personaggi principali del prequel. Sin dalle prime pagine si riconosce lo stile di Carrisi: una storia raccontata da più punti di vista, che fa entrare nella trama appena lette le prime righe. Da un lato esploriamo i ricordi di Marcus, il quale viene addestrato da Clemente, e allo stesso tempo seguiamo le indagini su una serie di omicidi i quali hanno come vittima delle coppie. A partecipare all'indagine sono ovviamente Marcus, in veste di penitenziere, e Sandra, in veste di agente di polizia. Gli indizi che reperiscono i due si incastrano tra di loro per dare forma a un immenso mosaico, da ricostruire tassello dopo tassello. Ritroviamo il caro tema dell'indagine sulla natura del bene e del male, e sull'inquietante affinità tra chi è buono e chi è malvagio, stavolta delineata anche a livello religioso. Meno inquietanti le vicende di Marcus e Sandra rispetto a quelle di Mila Vasquez, le loro indagini su una persona concreta ci smuovono meno rispetto a quelle sulla figura evanescente del suggeritore.

Quando Carrisi scrive coglie le percezioni principali dei principali, e le riporta efficacemente. Suoni, immagini, paure, ricordi, tutto riportato per dare toni epici alla lettura. Troppo epici a volte però. C'è un'eccessiva solennità in alcuni passaggi, a discapito dell'introspezione psicologica dei personaggi che risulta essere un po' troppo affrettata.

Comunque la capacità di scrittura di Carrisi, specialmente nel tessere trame estremamente complesse, è decisamente fuori dal comune. Seppur non ancora in grado di caratterizzare i personaggi come è capace Stephen King o Thomas Harris, il nostro scrittore italiano si difende bene nel panorama internazionale. Una scrittura diretta e magnetica è il suo punto di forza, se si vuole provare il genere Carrisi è la soluzione migliore!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
160
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Donne che non perdonano
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Uno sporco lavoro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La misura dell'uomo
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli squali
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Andiamo a vedere il giorno
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Crooner
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Senza mai arrivare in cima. Viaggio in Himalaya
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Vincoli. Alle origini di Holt
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Ricordi dormienti
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Nemici. Una storia d'amore
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Finché morte non sopraggiunga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
L'angelo di vetro
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri