Il delitto di via Brera Il delitto di via Brera

Il delitto di via Brera

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


È una calda mattina di luglio del 1952 quando la bellissima Mariangela scopre il cadavere del suo principale, titolare di uno studio pubblicitario in via Brera, riverso sulla scrivania con un vistoso squarcio alla tempia, palesemente vittima di un omicidio. Il compito di scoprire l'assassino spetta a Mario Arrigoni, commissario capo del Porta Venezia. L'indagine rivela lentamente e faticosamente luci e ombre, più ombre che luci, della vita del defunto, attraverso interrogatori che coinvolgono svariati personaggi appartenenti al mondo della vittima. Ma l'inchiesta non va avanti come il commissario vorrebbe: mancano testimoni e prove e, soprattutto, non emergono moventi credibili, tanto che si potrebbe sospettare di tutti e di nessuno. Il caso sembra arrivato a un punto morto finché Arrigoni trova la chiave di volta per arrivare alla più sorprendente delle soluzioni.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
3.6
Stile 
 
3.5  (2)
Contenuto 
 
4.0  (2)
Piacevolezza 
 
3.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il delitto di via Brera 2018-01-24 10:24:41 ornella donna
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
ornella donna Opinione inserita da ornella donna    24 Gennaio, 2018
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La Milano di Dario Crapanzano

Il lettore compie un affascinante salto all’indietro, alla Milano del 1952, con Dario Crapanzano e il suo libro: Il delitto di via Brera. Torna Dario Crapanzano con il suo commissario Mario Arrigoni, che dopo aver risolto brillantemente il caso di via Tadino, dopo essersi districato dalle forti tentazioni delle belle signorine di Chiaravalle, eccolo alle prese con un caso difficile, ambientato in via Brera.
“Agli inizi degli anni ’50, il quartiere di via Brera si apprestava a raggiungere il culmine della sua stagione d’oro, iniziata nell’immediato dopoguerra e destinata a continuare più o meno fino alla fine degli anni ’60. Tutto era nato intorno all’Accademia, con annessa Pinacoteca, fonata dall’imperatrice Maria Teresa d’Austria nel 1776 occupando gli spazi di un vecchio convento. Inaugurata come ateneo per l’insegnamento delle Belle Arti, nel 1923, a seguito della Riforma Gentile, l’Accademia istituì al proprio interno anche il liceo artistico, destinato a diventare il più famoso e prestigioso d’Italia, mentre il corso pluriennale sulla storia dell’architettura si trasferì nel 1931 al Nuovo Politecnico di Città Studi.”
Infatti una delle particolarità accattivanti dei libri di Dario Crapanzano è proprio l’ambientazione milanese. La città è dunque un ingrediente fondamentale del testo, con le particolarità dell’epoca: la Lambretta, la Topolino, il tram, le portinaie pettegole e molto informate sui fatti. Una narrazione che fornisce atmosfera, e permette al lettore di identificarsi e riconoscere luoghi e figure. Anche se accanto ai luoghi ci sono i tempi che li modellano e li popolano di oggetti e persone. Tanto che dopo aver letto questi gialli si potrebbe organizzare una passeggiata proprio attraverso questi posti, per ricordare i loro usi e costumi di un tempo che fu: l’uomo del ghiaccio, i funerali con i cavalli, il macinino del caffè, la muschirola, una tendina che si metteva alle finestre per tenere fuori le mosche, il “prete” per scaldare il letto prima di andare a dormire, il mattone messo in forno, persino la prima BIC!
Tornando alla trama. In questo caso la protagonista è la bella Mariangela Marangon,
“così bella da lasciare di stucco. (…) Quello che più attirava l’attenzione, se possibile, era la pettinatura: lunghi capelli biondo cenere, che cadevano “a schiaffo” su metà della fronte, ad imitazione della foggia che aveva caratterizzato e reso famosa l’affascinante Veronica Lake”.
Segretaria di un noto studio pubblicitario, di buon mattino trova il suo datore di lavoro, l’architetto Osvaldo Verga, brutalmente ucciso alla sua scrivania. In passato l’anima e il cuore dello studio, negli anni muta radicalmente, tutto preso dalle donne, dal gioco d’azzardo e dalla “pelota”. Pochi sembrano stupirsi della sua morte, a cominciare dalla stessa moglie Giuliana Martinelli. Arrigoni si trova ad affrontare un caso complicato, privo di testimoni e tanto meno di prove. Ma riflettendo un po’ e con l’aiuto provvidenziale di certe donne delle pulizie e portinaie……
L’autore ama narrare, ancora una volta, i vari aspetti storici e culturali di una Milano, che sicuramente non è più. Un contorno che intriga e affascina, che rende l’investigazione piacevole, semplice e pulita, priva di inutili orpelli o fronzoli. Una scrittura e una prosa molto frizzante e scorrevole, per una bella lettura.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Consigliato a chi ha letto ed apprezzato di Dario Crapanzano, Il giallo di via Tadino o Arrigoni e la bella del Chiaravalle ...
Trovi utile questa opinione? 
160
Segnala questa recensione ad un moderatore

Il delitto di via Brera 2014-03-19 19:54:55 Fonta
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Fonta Opinione inserita da Fonta    19 Marzo, 2014
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Terza indagine del Commissario Arrigoni

Terza indagine del Commissario Capo del distretto milanese di Porta Venezia, Mario Arrigoni.

Milano 1952, un facoltoso imprenditore, titolare di uno studio di grafico, viene ritrovato ucciso nel suo ufficio a seguito di una colluttazione.
Il passato ed il presente del defunto sono due nebulose torbide, fatte di vizi come le scommesse sulle partite di pelota basca, macchine potenti e belle donne.

Un delitto passionale?
Una regolazione di conti?
Un debito non saldato?

Molte le ipotesi, molti i sospettati e tantissimi i moventi.

Il Commissario Arrigoni ed i suoi collaboratori del Porta Venezia, che gli appassionati come il sottoscritto hanno già potuto apprezzare nei precedenti due libri, stanno brancolando nel buio, girando attorno a losche figure ed intrecci inaspettati.

Un buon libro ma, in rapporto ai due precedenti lavori dell'autore perde un po' di smalto. Le belle descrizioni della Milano degli anni '50 questa volta sono più prolisse a scapito dell'azione e dell'indagine..le vacanze della famiglia Arrigoni ed i voli pindalici nei latinismi con il professore spasimante della nonna sono logoranti e con nessuna connessione con il resto del racconto.
Rimane comunque il fascino di un giallo ben congegnato con un ambientazione storica inusuale ma, molto affascinante.

Consiglio ai lettori di iniziare da "il giallo di via Tadino" ma, solo per aver chiari i rapporti tra i vari personaggi che affiancano Arrigoni. I libri sono autoportanti con un inizio ed una fine propri.

Buona lettura

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Il giallo di via Tadino.
La bella di Chiaravalle

sempre di Carpanzano
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Assolutamente musica
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lo stato dell'unione. Scene da un matrimonio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La notte più lunga
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Una vecchia storia. Nuova versione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La palude dei fuochi erranti
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il treno dei bambini
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La bambina del lago
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il pittore di anime
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Rosamund
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
I testamenti
Valutazione Utenti
 
3.6 (2)
L'istituto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Impossibile
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti di QLibri