La canzone di Colombano La canzone di Colombano

La canzone di Colombano

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Nel cuore di una canzone del sedicesimo secolo, conservata come in uno scrigno geloso, c'è la storia fosca e triste che questo libro racconta. Quattro omicidi, di una povera famiglia di pastori, tra cui una fanciulla in fiore, Floretta. Ne è accusato Colombano Romean, una mestro minatore provenzale sfidato a realizzare da solo l'opera immane del traforo della Thullie che ancora si ammira in val di Susa. "A cantarmela" scrive l'autore "in uno sperduto alpeggio alle pendici del monte Bellavarda, fu una anziana donna allora più che ottuagenaria, che tutti chiamavano semplicemente Ghitin. La canzone appariva estremamente corrotta nel linguaggio, con ampie contaminazioni. Era poi mancante di alcune parti, che la donna sostituiva con un allegro canterellare, benché la storia narrata fosse in realtà estremamente triste e cruenta".



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La canzone di Colombano 2020-01-15 13:29:05 Rollo Tommasi
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Rollo Tommasi Opinione inserita da Rollo Tommasi    15 Gennaio, 2020
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Cosa deciderà la sua sorte?

“ ‘l bun Culumban, ‘l bun Culumban a porta l’eigua dal mont al pian, ‘l bun Culumban, 'l bun Culumban a fura la peyra cun la sua man.”

Una storia minore, di quelle che sarebbero state bene sulle labbra dei cantastorie erranti di una volta, dei novelli Omero che giravano tra i paesini, tramandando le piccole tragedie popolari. Non a caso il libro si intitola “La canzone di Colombano”.
Lì al piano della Thullie, le impervie altezze sopra Chiomonte, giacciono in una casupola quattro corpi dalle budella rivoltate, tra il sangue e il vomito: Isoardo, sua moglie, la vecchia madre e la piccola Floretta, quindicenne… un’intera famiglia di pastori morta insieme alla gran parte dei propri capi di bestiame.
In quelle zone c’è un unico altro abitante: è quel Colombano Romean che di fronte alla piccola comunità si è assunto l’onere di completare il traforo della Thullie, perché l’intera valle possa godere di una quantità d'acqua finalmente sufficiente ai pascoli e alle altre attività. Ma Colombano ha il torto di essere l’unico sopravvissuto dell’altopiano.
Quando vanno a stanarlo fin lassù – per portarlo in paese e sottoporlo ad un processo sommario – il mastro minatore, pur con le mani legate davanti a sé, ha la prontezza di spirito di dare uno strappo e correre sino all’ “anello di salvezza”. Grondante sudore e cianotico per lo sforzo, ha guadagnato il pieno diritto ad un giudizio ecclesiastico, a quel processo che può celebrare solo il religioso Ippolito Berthe.
Ed è costui che, prima di iniziare, parte alla volta di Oulx, per sapere dal Prevosto in che modo questo processo dovrà essere celebrato, e quale esito è cosa buona che esso abbia.

“ ‘Culumban a l’a massà!’ siur giudise pende lo farà, ‘Con ‘l diau a l’a giugà!’ Culumban a l’è perzuné, ‘Con le masche a l’a dansà!’ siur giudise lo farà brusé.”

La bravura di Alessandro Perissinotto è nel tessere una trama ricca ma non più dei fili che essa richiede, nell’utilizzare uno stile ricercato ma non esagerato: in altre parole, nel saper mantenere l’equilibrio necessario al buon raccontare.
Prende le mosse da una canzone tramandata oralmente, e in parte perduta: si appassiona, e conduce il lettore ad appassionarsi alla complicata storia di Colombano. Storia macchiata da intrighi e presunte stregonerie, la cui spiegazione si nasconde invece in cose e vicende d’umana natura: un accordo, un archivio polveroso ma ben custodito, una serie di interessi che – come spesso capita – si intrecciano al corso naturale delle cose, e lo deviano.
Un libro dove i “contrari” si armonizzano perfettamente: il respiro smisurato dell’altopiano (funestato da avvenimenti di morte) e il chiuso dell’aula dove si processa il povero Colombano; l’ignoranza operosa dei montanari di una volta e le elaborate trame dei notabili di paese, la perenne opposizione tra convenienza e giustizia. Nell’attesa di cogliere il filo giusto, e seguirlo sino a quel finale che scombina le carte, tanto sui fatti che sui personaggi.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
... e già apprezzato Perissinotto, ma anche agli amanti del canto e della tradizione popolare (non solo del Nord Italia).
Trovi utile questa opinione? 
160
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

I delitti della salina
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'altra donna
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il teatro dei sogni
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Cose che succedono la notte
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Midnight sun
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Jane va a nord
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una grande storia d'amore
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Proprio come te
Valutazione Utenti
 
3.6 (2)
Troppo freddo per Settembre
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
Fu sera e fu mattina
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Il mantello
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Croce del Sud
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri