La casa di ringhiera La casa di ringhiera

La casa di ringhiera

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Amedeo Consonni è un tappezziere in pensione, un nonno part-time e un collezionista di cronaca criminale come hobby. Nel suo appartamento, arredato con il gusto e la passione derivata dal suo lavoro, Amedeo accumula ritagli, prepara la merenda al nipotino, sbuffa per le stranezza della figlia ed osserva i vicini. Ed indaga. Ma non è il solito "dilettante geniale". E neppure l'alter ego di Miss Marple.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
3.9
Stile 
 
3.5  (2)
Contenuto 
 
3.0  (2)
Piacevolezza 
 
4.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La casa di ringhiera 2022-08-01 12:22:42 Lonely
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Lonely Opinione inserita da Lonely    01 Agosto, 2022
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Amedeo Consoli, aspirante detective

Amedeo Consoli è un aspirante detective, si appassiona ai crimini e collezionando indizi, articoli, foto, cerca di risolverli a suo modo. Ha un nipote, al quale è molto affezionato, che gli viene affidato dalla figlia quando esce da scuola. Vive in un condominio o meglio in una casa di ringhiera, dove per definizione più appartamenti condividono lo stesso balcone, o meglio ballatoio, e gli affari dei tuoi vicini sono per forza anche affari tuoi. E in questo breve racconto di Recami le vicissitudini dei singoli condomini si intrecciano e diventano una storia unica che parte lentamente ma che raggiunge un climax inaspettato dal quale il lettore esce piacevolmente sorpreso.
Il giallo è più un pretesto per sviluppare certe dinamiche sociali, che meritano qualche riflessione più profonda. In una chiave assolutamente ironica, quasi farsesca, Recami ci mostra quelle che secondo lui sono le reazioni umane quando siamo messi di fronte ad atti criminali: c'è chi fugge, chi si comporta vigliaccamente, chi si paralizza, chi cerca di occultare quello che ha fatto...l'essere umano in certi momenti da il peggio di se stesso. In una serie di eventi che si susseguono quasi senza respiro, vengono coinvolti tutti i personaggi del racconto e dopo una serie di equivoci il tutto si chiude così come è iniziato, casualmente.
Il racconto è originale e piacevole , ed è come un monito o meglio un avvertimento a migliorare i nostri rapporti con gli altri, evitando di chiuderci nei nostri personalismi e badando un po' più alle sofferenze del nostro prossimo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
La casa di ringhiera 2015-08-24 15:54:18 Anna_Reads
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
4.0
Anna_Reads Opinione inserita da Anna_Reads    24 Agosto, 2015
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Via del Corno - Milano.

Francesco Recami prova a dare vita ad una Via del Corno meneghina, descrivendo la vita di una "casa di ringhiera" con i suoi personaggi. bizzarri, particolari o sciatti.
Saldamente al timone della vicenda abbiamo il Consonni Amedeo, un nonno, ex tappezziere, appassionato di cronaca nera e - quasi suo malgrado - investigatore dilettante (che poteva essere un’idea geniale).
Il nostro si divide fra le merendine al nipotino e turpi crimini.
Intorno un microcosmo di altri personaggi “senza qualità” che trascinano la trama un po’ stancamente.
Fino ad un improbabile crescendo rossiniano misto a commedia (?) degli equivoci che – a me – ha ricordato tanto la Congiura degli Innocenti di Alfred Hitchcock, in cui tutti i personaggi (nonno Amedeo in testa) si comportano in modo piuttosto assurdo. E infine l’autore chiude un po’ frettolosamente.

Amedeo e Erika stan lì a chiedersi sogno o son desto?
Donatella si ritrova il marito in casa e i figli spariti e… bo?
Caterina si porta via il figlio che racconta storie pazzesche e… bo? (anzi, si preoccupa di quello che ha detto la psicologa sul disegno).
Angela cerca di far cantare Amedeo e per farlo gli promette che gli racconterà la sua storia (ovviamente nel prossimo libro).
L’unico personaggio con cui ho empatizzato è stato De Angelis e soprattutto sua sorella.
Una delle mie frasi preferite è proprio sua:
“Ma che ti è successo? Ti sei rincretinito?”

Ammetto che nella piattezza generale, un po’ rimprovero ad Amedeo il “blocco” che ha avuto quando il nipote era in pericolo. Mi è sembrato davvero forzato. Penso che nelle intenzioni dell’autore ci fosse proprio quella di descrivere un contro-cliché del detective dilettante che poi si rivela più in gamba di quelli ufficiali a prendere in mano la situazione.
Ma io l’ho trovato un bell’autogol.

Concludendo il caso viene risolto molto per caso e poco per desiderio e - secondo me – c’è più di un debito nei confronti della “Promessa – Un Requiem per il romanzo giallo” di Durrenmatt.
Poco altro saprei dire.
Libro onesto, scritto con alcuni buoni spunti ed alcune descrizioni sfiziose.
Plot e personaggi un po’ sciatti ed incompiuti.
Trama gialla un po' pretestuosa.
Cliffhanger (la storia di Angela) furbetto.

Dello stesso autore, invece, ho trovato mirabile "Il Correttore di Bozze."

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

In tua assenza
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La banda dei colpevoli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La mappa nera
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La quarta profezia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita paga il sabato
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Obscuritas
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli avversari
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Le sorelle Lacroix
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultimo figlio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Questo post è stato rimosso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
I killeri non vanno in pensione
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Voci in fuga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Morte accidentale di un amministratore di condominio
Appuntamento mortale
Chiedi al portiere
La vita paga il sabato
La Svedese
Scripta manent
Un volo per Sara
Undici morti non bastano
Una stella senza luce
Il tessitore
Il gigante e la Madonnina
Terrarossa
Se son rose moriranno
Rancore
Racconti sull'innominabile
Una piccola questione di cuore