La condanna del sangue La condanna del sangue

La condanna del sangue

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


Napoli, aprile 1931. Il vento di primavera si annuncia nella notte di una giornata fredda e cupa e rimescola il sangue nelle vene di donne e uomini persi nei loro pensieri ma uniti dall'attesa del giorno che arriverà. Non è così per tutti: in un appartamento del popolare rione Sanità un'anziana donna, Carmela Calise, verrà trovata morta il giorno dopo, ridotta a un mucchio di ossa e sangue, barbaramente colpita a bastonate. Accorso sul luogo del delitto insieme al fedele brigadiere Maione, il commissario Ricciardi interroga la gente del palazzo e, nonostante il clima di omertà, scopre la doppia attività di Carmela, cartomante e usuraia.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 6

Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.8  (6)
Contenuto 
 
4.5  (6)
Piacevolezza 
 
4.8  (6)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La condanna del sangue 2017-10-06 11:35:53 Belmi
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Belmi Opinione inserita da Belmi    06 Ottobre, 2017
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Più bello del primo

“Dietro la finestra, dall’altra parte della strada, una ragazza con gli occhi bagnati di lacrime e il telaio in mano guardava dalla sua parte. In alto, in bilico sul tetto, la primavera volteggiò e sorrise”.

Secondo capitolo e seconda stagione per il commissario Ricciardi; Napoli si sta svegliando dopo il lungo inverno e l’aria frizzantina della primavera, con le sue prime giornate di sole, sta risvegliando tutta la popolazione. Ricciardi e il suo fedele brigadiere Maione avranno ben più di un grattacapo perché oltre all’indagine anche le loro vite private sentiranno “il cambio di stagione”.

Una Napoli che come sempre da una parte affascina e dall’altra t’indigna. Una vecchina cartomante è uccisa brutalmente, chi può odiare a tal punto una donna che dovrebbe donare speranza? Come può la bellezza diventare un problema tale da portare a commettere delle follie per vivere serenamente? A cosa può arrivare un uomo per salvare la famiglia? Può un amore che dura da anni spegnersi per un dolore condiviso e può un amore neanche sbocciato già finire sul nascere?

De Giovanni con questo secondo capitolo mi ha conquistato, se già con il primo libro mi aveva affascinato al punto da farmi continuare la lettura della serie, qui mi sono trovata davanti un’opera di maggior rilievo sia dal punto di vista stilistico che della trama.

Un libro che trovo riduttivo definire un giallo perché questo libro va oltre, c’è sì il giallo da sbrogliare, ma c’è anche tanta ironia, sarcasmo, amore e profondità. Con una delicatezza travolgente mi sono trovata a seguire passo passo i protagonisti di questo libro e soprattutto mi sono ritrovata con Ricciardi dietro quella finestra.

L’intervista finale dell’autore con Maione è la ciliegina sulla torta.

“Maione allargò le braccia. – Ma che schifo di città. Uno fa uno starnuto alla stazione e qualcuno al Vomero dice: salute!”

“’O Padreterno nun è mercante, ca pava ‘o sabbato”.

Lo consiglio!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore

La condanna del sangue 2014-06-17 10:48:19 diogneto
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
diogneto Opinione inserita da diogneto    17 Giugno, 2014
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

sangue, pizza e sfogliatelle!

Nonostante la primavera bussi alle porte del commissario Ricciardi una sorte di "inverno" sentimentale lo attanaglia in un vortice di parole non dette, incontri mal riusciti e spiragli di un passato che emergono con la stessa calma con la quale la neve si scioglie al primo sole. Dall'altra parte abbiamo la vera primavera, quella del suo sottoposto Maione che rincontra la stagione dello sbocciare in un nuovo-antico amore.

In questa cornice, che mi attira molto più delle indagini, si sviluppa il secondo libro di Maurizio de Giovanni "La condanna del sangue. La primavera dell'ispettore Ricciardi" [Fandango 2008 ].

Le vicende sono legate a tratti caratteristici della "napoletanità": la "magia", "l'arte dell'arrangiarsi" e "la passione". Una cartomante usuraia viene trovata morta in casa sua, una bellissima donna è sfregiata in volto, una coppia di aristocratici vive la morte del loro rapporto in una burrasca sentimentale che sembra non avere un epilogo, un ragazzo di bell'aspetto cerca di salire i gradini sociali, un uomo tenta di dare una scossa alla sua vita aprendo una pizzeria....

Già da questo primo flash si può capire che, a differenza del primo libro, ci si trova in una struttura più complessa dove, la linearità e la semplicità dell'esordio, vengono messi alla prova da un fiume di personaggi che, specie nei primi capitoli, rende la lettura un po' complessa riuscendo a divenire più semplice solo verso la fine quando i riflettori vengono puntati sui pochi sospetti che rimangono in scena.

Francamente non riesco ancora a capire perché, De Giovanni, pone le vicende di Ricciardi in un tempo così lontano come il 1931. Avendo già letto le vicende dei bastardi di Pizzofalcone non riesco quasi a percepirne la differenza temporale se non nelle descrizioni dei vestiti o di qualche lontano accenno. Ma questo non è certo un "problema" perché il libro si fa leggere e riesce a rapirti portandoti a respirare il buon profumo di una pizza bollita nell'olio o a sentire la delicatezza della sfogliatella appena sfornata.

Per concludere, come scrivevo all'inizio di questa mia recensione, rimane molto interessante, spingendoti tra le mani il terzo episodio, il contorno della storia: la sfuggevole Enrica che, da dietro la finestra osserva e viene osservata dal nostro commissario, il passato dello stesso che fa capolino in alcune frasi, la vita privata di Maione e le sue problematiche famigliari, le dinamiche di potere di una Napoli alla ricerca di quella "perfezione fascista" che non è nelle sue corde, il "Fatto" vissuto ora come dono ora come maledizione.... questi sono tutti ingredienti che rendono il libro appetibile. Forse l'unico vero problema è la digestione dell'abbuffata dei personaggi iniziali... ma questa è una opinione personale di chi legge, purtroppo, un pezzo e un boccone! Buona lettura.

Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore
La condanna del sangue 2013-08-13 10:08:19 C.U.B.
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
C.U.B. Opinione inserita da C.U.B.    13 Agosto, 2013
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

O Padreterno nun e' mercante ca' pava' o sabbato

Ambasciator non porta primavera, lei sbuca da sola, giovane e sorridente , sbarazzina e scherzosa ti soffia negli occhi un'aria tiepida, alle narici incolla il profumo dei fiori schiusi ad uno ad uno dalle sue dita delicate. Libera le farfalle dalle gabbie di neve invernale e nel silenzio armonico diffuso in aria dal becco degli uccelli lei e' lì, a Napoli, il quattordici aprile millenovecentotrentuno, poco dopo le due del mattino.
Una vecchina cartomante e usuraia giace a terra, morta ammazzata di botte nella sua povera casa.
La donna piu' bella di Napoli, tremendamente sfigurata , siede col bel volto sanguinante e lo sguardo perso chissá dove.
Un pizzaiolo che amava la vita non ride piu' , le cambiali si sono comprate il suo sorriso e dubito vogliano restituirglielo.
Una signora ricca ed elegante sogna l'amore e la passione che i gioielli  e le stanze di un lussuoso appartamento le negano da troppo tempo.
Una bambina anziana si stringe tra lenzuola consunte intrise di maleodorante terrore, maledicendo la sua mamma per essere morta, e averla lasciata da sola con quel mostro.
Due sposi si abbracciano guardandosi negli occhi, sorridono al loro amore di uomo e di donna, di padre e di madre dei loro figli: quelli vivi e quelli morti.
Il commissario Ricciardi cammina contro vento, ascoltando l'ultimo messaggio che i morti non si sono ancora portati via.

Se il primo romanzo della serie era piacevolissimo, questo supera il confine del meraviglioso e corre via per luoghi ameni di bellezza assoluta. So che di fatto e' un giallo, ma senza nulla togliere al genere letterario e all'ottima performance che esso ha nel libro, a me sembra di sminuire il lavoro di De Govanni chiamandolo solo "giallo". 
Questo libro e' l'amore , e' la disperazione e l'apoteosi di un sentimento filiale, e' rabbia, e' dolore, e' tenerezza, e' pazzia, e' sacrificio, e' gioia...

E' l'immagine di quattro occhi che liberi dal calvario di ante oscurate si ritrovano, e lasciando che le lacrime scorrano lavano via i giorni bui.
E la primavera di Napoli, seduta accanto alla luna,  sbircia giu' nel rione, lasciando che la notte umida di mare sia libera di calare sul sonno.
Non e' che posso solo consigliarlo, DOVETE leggerlo. 

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
240
Segnala questa recensione ad un moderatore
La condanna del sangue 2012-08-30 17:42:03 Fonta
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Fonta Opinione inserita da Fonta    30 Agosto, 2012
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Profumo di primavera

Ed arrivò la primavera a Napoli, un pò in ritardo, infatti siamo al 14 aprile del 1931.

Arrvò la primavera e portò con se, oltre ai fiori ed ai mille profumi, un odore acre di morte.
Una vecchia donna viene ritrovata senza vita in un piccolo sobborgo di un quartiere popolare del capoluogo partenopeo. Un omicidio, visto il grosso trauma trovato dal vigile dottor Modo sulla testa del cadavere.

Sono ancora una volta lo strano e cupo comissario Ricciardi ed il suo fido braccio destro Maione ad indagare sulla vita della vecchietta e su chi può averle causato una fine così ignobile.

I due scoprono che Donna Carmela aveva due vite parallele, in una faceva la veggente e leggeva le carte, nell'altra impegnava i suoi beni in un attività redditizia: prestava soldi con dei tassi d'interesse molto convenienti!
Due vite che fanno quindi aumentare in maniera esponenziale i possibili sospettati al suo assassinio.

Secondo episodio della saga delle stagione per il commissario Ricciardi, nel quale la geniale penna di De Giovanni si esprime in voli psicologici magistrali. Un commissario inusuale, schivo e chiuso quasi all'eccesso, con intuizioni fuori dal comune, e con il dono o sciagura, di sentire i morti parlare!

La primavera porta personaggi nuovi e fa sbocciare quelli già conosciuti, porterà amori e fragranze che solo la stagione del risveglio della natura può regalare!

Un libro bellissimo che consiglio a tutti, un giallo vero e puro, intrinso di Napoli e dell'epoca del primo Fascismo.

Bravo De Giovanni, a mio modesto avviso tra i migliori giallisti italiani!

Buona lettura

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
"il senso del dolore" di De Giovanni
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore
La condanna del sangue 2012-02-02 14:34:44 Sydbar
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Sydbar Opinione inserita da Sydbar    02 Febbraio, 2012
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La condanna del sangue

Una vera bomba di emozioni e sentimenti che si assorbono attraverso la lettura di questa seconda avventura del commissario Ricciardi e del suo fido collaboratore brigadiere Maione.
Un'opera che seppur trattando un omicidio traculento impressiona più per la croce e delizia del protagonista Ricciardi, un uomo molto cupo ma dal cuore che pulsa di sentimenti, caratterizzato dal fatto di vedere i fantasmi dei morti che attraverso alcune indicazioni lo indirizzano, a volte non senza problemi, verso la strada da percorrere per le sue indagini.
Il libro è ricchissimo di personaggi che vivono in una Napoli ai tempi del fascismo, fortemente permeata da una vitalità che ricomincia a pulsare grazie all'arrivo della primavera che riattiva il sangue ed il carattere dei partenopei.
Un intrigo che si sviluppa dopo il ritrovamento di un'anziana cartomante che svolge anche un'attività parallela di strozzinaggio. I sospettati sono molti ed all'inizio Maione e Ricciardi brancolano nel buio. Le pagine sono anche tinteggiate dal colore rosa e rosso dell'amore e delle passioni che coinvolgono anche i due investigatori.
L'opera si legge in breve tempo grazie ad uno stile caratterizzato da brevi capitoli che affascinano il lettore anche più restio all'approcciarsi al genere.
L'autore sale di livello rispetto al precedente libro non tradendo le aspettative dei fans.
La copertina è una vera opera d'arte, mi obbliga a porgere i compliemnti alla Fandango Libri che ha portato agli onori della cronaca Maurizio de Giovanni con i suoi protagonisti.
Buona lettura a tutti.
Syd

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore
La condanna del sangue 2008-08-29 00:26:35 Renzo Montagnoli
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Renzo Montagnoli Opinione inserita da Renzo Montagnoli    29 Agosto, 2008
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Ancor più bello del primo

"La primavera arrivò a Napoli il quattordici aprile millenovecentotrentuno, poco dopo le due del mattino.

Arrivò in ritardo e come al solito, con un colpo di vento nuovo dal sud, dopo un acquazzone."



Dopo l’inverno del Senso del dolore arriva per il commissario Ricciardi la primavera de La condanna del sangue, una stagione di risvegli, di nuovi amori che sbocciano, ma anche di delitti, fra i quali quello, particolarmente efferato, che vede come vittima una cartomante e usuraia.

Come per il precedente la vicenda gialla, pur se apprezzabile, costituisce solo l’ossatura intorno alla quale è costruito il romanzo vero e proprio e qui de Giovanni mostra l’indubbia capacità di non ripetersi, creando nuovi personaggi di contorno e colorando più intensamente, scendendo ancor di più dentro l’anima, quelli che già si conoscono: il tormentato e malinconico commissario Ricciardi, il pratico, ma umano, brigadiere Maione, il Dr. Modo, medico legale pragmatico e antifascista, e lei, Enrica, la dirimpettaia, un amore silenzioso e mai dichiarato.

Il romanzo procede a ritmo costante con lo svolgimento razionale della trama principale, accompagnata da altre solo in apparenza minori e che si ricollegano come in un mosaico a dar vita all’immagine di un’umanità dolente, in cui la passione, la gelosia, i sentimenti e perfino il delitto sono l’espressione di un’esistenza in cui la felicità è solo una chimera.

Così accanto al feroce delitto della cartomante ci sono le vicende di Filomena, la più bella di Napoli, e perciò desiderata dagli uomini e odiata dalle donne, oppure quella di un sogno infranto di un povero pizzaiolo che si era illuso di poter guadagnare di più.

Su tutte, però, domina il sempre presente senso del dolore di Ricciardi, quell’intima pietà che in un mondo di fame e di morte riesce ad aver ragione del più gretto materialismo, conferendo dignità non solo alle vittime, ma anche ai colpevoli.

In questo contesto di grande effetto, dove l’ambientazione e l’atmosfera sono resi in modo veramente pregevole, di tanto in tanto c’è lo spazio anche per osservazioni illuminanti, come questa:

L’usura è vile, pensava Ricciardi: tra i delitti più tristi, perché prende la fiducia e la rivolta contro chi la dà. E succhia lavoro, speranze, aspettative, succhia via il futuro.

Non mancano, inoltre, tutte le menzogne di un regime (il romanzo è ambientato in epoca fascista) dove tutto deve essere bello e ordinato, dove la gente deve essere ricca, parole vuote che stridono con l’opprimente realtà.

Scritto in punta di piedi, con un lessico semplice, ma assai efficace, La condanna del sangue mi ha avvinto già dall’inizio e, quando alla fine Ricciardi scorge nuovamente attraverso i vetri della finestra la dirimpettaia che ricama pensando a lui, mi sono messo a piangere, perché quel ritrovato timido silenzioso amore è la conclusione logica di un romanzo stupendo, che è maturato dentro di me pagina dopo pagina, mettendo radici profonde.

E poi mi vengono le lacrime solo quando arrivo all’ultima pagina di un capolavoro.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Il senso del dolore, di Maurizio de Giovanni
Trovi utile questa opinione? 
31
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il bambino nascosto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Caldo in inverno
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Ah l'amore l'amore
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La ragazza nuova
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
L'angelo di Monaco
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Universum. Cronache dei pianeti ribelli
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Anello di piombo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La casa delle voci
Valutazione Utenti
 
3.4 (4)
Nozze. Per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Elefante a sorpresa
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'avvocato degli innocenti
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Quantum
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
1.8 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri