La costola di Adamo La costola di Adamo

La costola di Adamo

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Secondo caso per il controverso vicequestore Rocco Schiavone nella gelida Aosta. Un personaggio fuori dagli schemi: scontroso, irritabile, trasgressivo al limite del lecito, ma con un senso della giustizia tutto suo. Una donna, una moglie che si avvicinava all’autunno della vita, è trovata cadavere dalla domestica. Impiccata al lampadario di una stanza immersa nell’oscurità. Intorno la devastazione di un furto. Ma Rocco non è convinto. E una successione di coincidenze e divergenze, così come l’ambiguità di tanti personaggi, trasformano a poco a poco il quadro di una rapina in una nebbia di misteri umani, ambientali, criminali.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 4

Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
3.8  (4)
Contenuto 
 
3.8  (4)
Piacevolezza 
 
4.3  (4)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La costola di Adamo 2016-08-05 11:06:05 lapis
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
lapis Opinione inserita da lapis    05 Agosto, 2016
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Chi sei davvero, Rocco?

“Quanto pesa mantenere rapporti umani. Ci vuole impegno, applicazione, devi essere disponibile e soprattutto sorridere alla vita. Tutte qualità che Rocco Schiavone non possedeva”. O forse non possedeva più, da quel 07/07/2007, giorno in cui la sua vita si é definitivamente spezzata, portandosi via Marina, il suo grande amore.

In questo libro, ciò che coinvolge e avvince il lettore, al di là della pur ben costruita trama investigativa, è proprio il personaggio di Rocco. Il suo trascinarsi nella vita un passo dopo l’altro senza più voglia di mitigare il proprio amaro cinismo a vantaggio della vita sociale, senza più amore per la giustizia a dare uno scopo al proprio lavoro, senza più speranza a dar luce al proprio futuro. Un passo dopo l’altro, tutto qui, come per tante altre vite che vanno avanti così, per inerzia e istinto di sopravvivenza.

Eppure, quando i riflettori si spengono e rimane solo la solitudine della notte, tra le pieghe di questo poliziotto sgarbato, violento, non ortodosso, in cui si miscelano fiuto sopraffino e menefreghismo, si vede la profonda sofferenza di un uomo innamorato, di uomo che ha perso tutto ma in fondo in fondo sa che il mattino porta sempre nuova luce. Quello che proprio non sa è dove trovare la forza per tirarsi fuori da quella massa nera in cui è finito.

Pur ammettendo che la connotazione del detective tenebroso, anticonvenzionale e pieno di cicatrici sia un cliché di fatto già visto e che molti elementi siano chiaramente presi a prestito da altre saghe poliziesche, come l’eterogenea e bizzarra squadra che tanto ricorda quella di Vigata, il personaggio è sicuramente ben costruito e intrigante, la scrittura fluida e accattivante e la storia, anche se non molto originale, risulta articolata al punto giusto per invogliare la lettura.

Un buon prodotto, quindi, che lascia la curiosità di incrociare ancora Rocco Schiavone in una delle sue prossime avventure per scoprire l'evoluzione di questo personaggio.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore
La costola di Adamo 2016-07-16 12:14:28 Antonella76
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Antonella76 Opinione inserita da Antonella76    16 Luglio, 2016
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Ancora Rocco...



Ed anche il secondo libro di Manzini è volato via in un soffio...
Mi è piaciuto anche più di "Pista nera"...forse perché qui ho percepito in maniera decisamente più nitida l'inquietudine e il malessere profondo che attanaglia il cuore del vicequestore Rocco Schiavone.
Molto belle le parti struggenti del suo passato, che sono in netto contrasto con la durezza e l'asprezza di Schiavone, tipici atteggiamenti di un uomo che, per sopportare il fardello di un dolore inconsolabile e dei sensi di colpa, si nasconde dietro ad una corazza fatta di sarcasmo e cinismo.
Vabbe'...iniziato già "Non è stagione"...questi libri creano dipendenza!!!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
La costola di Adamo 2016-03-05 13:43:11 Mian88
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    05 Marzo, 2016
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Segreti di famiglia.

Sei mesi, un tempo apparentemente minimo, di fatto interminabile per Rocco Schiavone ed il suo amore per la città natale, Roma. Di fatto, adesso, la sua vita è ad Aosta e non poteva mancare l’ennesima rottura di zibidei cum laude. Ester Baudo, viene ritrovata impiccata presso la sua abitazione; che si tratti di un suicidio? Oppure il nostro vicequestore si trova di fronte un caso di omicidio ben camuffato?
L’indagine va avanti e si snoda secondo la linea e l’intreccio ormai proprio – e che abbiamo imparato a conoscere – di Manzini, il quale, con la solita maestria, intesse le maglie del delitto perfetto, o quasi. Se però non sono riscontrabili elementi di novità dal punto di vista del giallo, che come anzidetto ripercorre una strada già battuta, notevoli sono al contrario le evoluzioni del personaggio che per la prima volta il lettore veramente conosce. Scopriamo infatti nuovi caratteri e peculiarità che lo caratterizzano, ma veniamo anche a sapere di alcuni di quegli eventi e di quelle perdite del passato che lo hanno così profondamente segnato.
La lettura si esaurisce in un paio di giorni ma sa rendersi piacevole sapendo catturare l’attenzione di chi legge.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
La costola di Adamo 2015-05-17 15:42:27 Bruno Izzo
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Bruno Izzo Opinione inserita da Bruno Izzo    17 Mag, 2015
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Vicequestore: i commissari non esistono più.

“La costola di Adamo” ha per protagonista un personaggio che tanto ha colpito l’immaginario dei lettori già nel romanzo d’esordio della serie, “La pista nera”.
Si tratta del vicequestore della Polizia di Stato Rocco Schiavone, vicequestore come si affanna ripetutamente a ripetere ai tanti che si ostinano a chiamarlo ancora Commissario, malgrado si danni a spiegare a tutti che, a seguito di apposita riforma, i commissari non esistono più.
Antonio Manzini è il creatore di Schiavone, un personaggio che già conta fan affezionati in virtù delle caratteristiche sue originali e particolari insieme.
È un poliziotto, e quindi un buono per definizione, sta dalla parte giusta, e in verità per lo più agisce retto da un sentimento di giustizia, tuttavia è un uomo estremamente pratico, cinico, disincantato. Un uomo che sa come si campa la vita, sa come vanno le cose, quasi mai nel senso giusto, sa che il confine tra malavitoso dichiarato dedito a piccoli traffici e il farabutto di alta classe colpevole dei più nefandi delitti è più spesso labile ed indefinito, e solo e costantemente i primi finiscono sotto la mannaia della legge.
La sua storia, il suo vissuto personale, con tratti tragici e drammatici, ha fatto sì che egli amministri la giustizia, svolge il proprio ruolo con un agire adattato, plasmato sul suo modo di essere e di vedere. Nato in un quartiere verace di Roma, popoloso e popolare insieme, cresciuto come si dice per strada, come dire cresciuto in fretta scafato e indurito, ha intrapreso la carriera in polizia mentre magari i suoi più intimi amici hanno preso strade diametralmente opposte. E tuttavia non li ha persi di vista, non li rinnega, l’amicizia, ma un sentimento di vera amicizia, un legame fortissimo di romanità, di unione, di condivisione di nascita, di intenti e di ideali, li lega per sempre.
Perciò Rocco Schiavone rispetta la legge e la applica, con intelligenza e determinazione, almeno per i reati più gravi, ma egli stesso la infrange quella legge, per esempio si concede uno spinello fumato quotidianamente nell’ufficio stesso della questura, oppure partecipa occasionalmente, e come capobanda, a qualche piccolo, lucroso e categoricamente incruento affaruccio con i suoi fedeli compagni di crescita, balordi solo presunti tali, ma in realtà anche loro solo costretti dalle umane vicende a sbarcare il lunario in maniera non proprio perbenista.
Antonio Manzini scrive bene, e attraverso il suo personaggio ci offre uno spaccato dell’Italia di oggi, un ritratto veritiero dello stato d’animo del nostro paese e di noi stessi.
Stanchi, insofferenti, logorati da un ritmo di vita asfissiante e angosciante insieme, che sempre più spesso ci spinge alla sfiducia nei confronti delle istituzioni e ci induce al venir meno alle regole per un minimo di vivibilità, di sostenibilità dell’esistenza.
Intendiamoci, Schiavone non è un corrotto, non è un Monnezza di cinematografica memoria, non un delinquente sensu strictu; diciamo che ogni tanto fa ciò che non dovrebbe fare.
Ma con i veri delinquenti, con i reati veri perché abietti, è inflessibile.
Non è un giustiziere; è solo un po’ duro, e parecchio cinico, ma non è un uomo privo di sensibilità e di sentimento, tutt’altro. È una persona ben capace di amare; tuttavia il destino gli ha sottratto in circostanze tragiche il suo amore, l’adorata moglie Marina, e da allora Rocco Schiavone continua la sua esistenza, non sempre in grado di mantenersi nei limiti, e di mitigare la rabbia, la furia innescata in lui dalle più spregevoli abiezioni umane.
Rocco Schiavone è un poliziotto, non può e non deve farsi prendere la mano, specie considerando il suo carattere impulsivo, le sue origini e i suoi trascorsi difficili, ma questo gli riesce spesso difficile, ora che gli è venuta a mancare colei che meglio di chiunque riusciva a umanizzare il suo carattere spigoloso e arcigno.
Così Rocco Schiavone si mette spesso e volentieri nei guai, prende iniziative poco ortodosse, al punto che, da romano purosangue com’è, amante perdutamente preso dalla città eterna, dal suo clima, dai suoi sapori, odori, dalle persone a lui intime dall’infanzia, si trova trasferito, per punizione, tra le nevi di Aosta, dove esercita comunque bene il suo ruolo di investigatore, anche se con insofferenza, con un lieve livore in realtà rivelatore di una tristezza, di una malinconia d’animo caratteristica del personaggio.
Che cosa ha fatto di tanto grave Schiavone a Roma, al punto da essere trasferito in una città agli antipodi della capitale, nonostante i suoi trascorsi di valente investigatore?
Niente di che; c’è un giovanotto che si diverte a violentare le ragazzine minorenni, magari massacrandole pure di botte. Rocco Schiavone interviene, e un qualsiasi poliziotto assicurerebbe il colpevole alla giustizia, rinchiudendolo nelle patrie galere. Non Rocco, che si accerta personalmente che il colpevole necessiti di sei mesi di ospedale, dal quale uscirà pure zoppo e semicieco da un occhio, insomma giusto per fargli provare lo stesso trattamento riservato alle vittime, e per rammentargli per il futuro che certe cose non si fanno.
Solo che certe cose nemmeno un poliziotto deve e può farle, in più, e certamente non guasta, il giovanotto è pure figlio di un politico, di un sottosegretario, che a Rocco gliela fa pagare con il trasferimento.
Così Manzini descrive l’Italia di questi tempi, il paese in crisi, logoro, marcio, corrotto dall’Alpe alle piramidi e da Roma alla valle d’Aosta, e che però si salva con i suoi figli migliori, i Rocco Schiavone che, pur fuori di ogni regola, riportano le cose sui binari di una accettabile moralità.
Ed ecco Schiavone arrancare tra le nevi di Aosta, ostinatamente legato alle sue amatissime Clarcks che si ostina a indossare anche se si tramutano in breve in due sacchi fradici d’acqua e di neve, il camoscio non è propriamente adatto al clima né impermeabile alla neve e all’acqua.
In “La costola di Adamo”, tra uno scazzo e l’altro con i superiori, tra un evitare grane con i colleghi e gestire il commissariato, sistemando gli agenti più inetti perché non facciano danno, Schiavone indaga su un presunto suicidio, poi rivelatosi come un omicidio a seguito di rapina.
Schiavone ha una fissa, paragona i suoi interlocutori ad animali a loro somiglianti, nelle fattezze fisiche e nei tratti caratteriali. Egli stesso si paragona a un segugio, giacché indaga e fiuta le piste; in realtà è più un plantigrado, ha l’indolenza, la pigrizia e l’incedere di un orso che, se provocato, si trasforma però in un feroce grizzly. O anche un elefante, di cui ha la delicatezza nella cristalleria, quanto si tratta di rapporti interpersonali, ma anche la prodigiosa memoria del pachiderma, che gli consente di svelare gli intrighi su cui indaga.
E l’intrigo questa volta riguarda l’altra metà del cielo, riguarda una donna, riguarda le donne che tanti, per esempio il violentatore di minorenni di cui dicevamo più sopra, ancora si ostinano a considerare un’appendice dell’uomo, come si dice, la donna fu creata da una costola di Adamo.
Tanti la pensano ancora così, tanti anche insospettabili, troppi pensa Schiavone.
Rocco Schiavone allora rimette le cose a posto, nel giusto ordine: con crudezza, con cinismo, con realismo. E con giustizia.
Dopotutto, è un poliziotto. Non un commissario, un vicequestore; i commissari non esistono più.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
...il precedente "La pista nera". O il successivo, "Non è stagione".
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Pimpernel. Una storia d'amore
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita è un romanzo
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)
Come foglie di tè
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Annette e la signora bionda e altri racconti
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il metodo del dottor Fonseca
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il dono di Antonia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Quello che manca
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una Cadillac rosso fuoco
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
Riccardino
Valutazione Utenti
 
4.7 (5)
La linea del sangue
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Tre passi nel delitto
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
La lista degli stronzi
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
3.9 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri