La quarta sorella La quarta sorella

La quarta sorella

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


Laura Tarantola, madre di tre figlie e moglie del professor Carlo, fisico delle particelle, viene trovata morta nella vasca della luminosa salle de bains di casa circondata da specchi, che dovrebbero esaltare la bellezza e non il crimine. È l'ultimo atto di un conflitto familiare scatenato intorno a una quarta sorella, che non c'è ma che è dentro la loro mente. Vittorino Andreoli, che da anni segue i delitti estremi al centro delle cronache di morte del nostro Paese, racconta una storia in cui i personaggi somigliano a ciascuno di noi. Persone normali trascinate in un vortice che culmina con un processo. Una vicenda che tocca i punti nevralgici di una società smarrita dove famiglia e violenza formano un binomio sempre più stretto e dove sempre più la violenza sembra compatibile con storie "ordinarie", come se fosse sufficiente un piccolo conflitto per scatenarla. E così lo stupore ci colpisce ogni qualvolta un fatto di sangue, un omicidio, trasforma la casa in un teatro tragico. Andreoli ci guida verso la comprensione degli eventi, coinvolgendoci nelle pagine di un "romanzo scientifico" dove si coniugano due campi apparentemente incompatibili come scienza e letteratura. Ma soprattutto descrive il dramma delle famiglie di oggi che si sono trasformate in polveriere pronte a esplodere. Sta a noi disinnescarle.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuto 
 
5.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La quarta sorella 2018-12-07 14:46:07 Lyda
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Lyda Opinione inserita da Lyda    07 Dicembre, 2018
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Psicologia in pillole.

Nella rete vi sono diversi pareri dubbi o addirittura negativi riguardanti il romanzo 'La quarta sorella' ritenuto da alcuni un 'malloppone' di difficile digestione e per questo mollato entro le prime cinquanta pagine o poco più, ma assolutamente, sebbene dopo un inizio a rilento prendo le distanze da chi, dimostrando pressapochismo e impulsività, si permette giudizi precoci e coloriti.
Sebbene in principio l'opera possa apparire come un saggio psicologico, a storia incanalata, si delinea un vero e proprio romanzo peraltro incentrato su un argomento attuale quale il crimine familiare.
L'autore, uno dei più grandi psichiatri italiani, è Vittorino Andreoli e in quest'opera uscita per Rizzoli nel 2013 mette a nudo le perversioni dei ruoli talvolta malati all'interno delle mura domestiche, le quali per tradizione popolare, dovrebbero essere le più sicure e capaci di proteggere l'individuo dai mali del mondo mentre, spesso risultano essere delle vere e proprie polveriere pronte a scoppiare e a distruggere il bene.
Senza alcun anticipo di trama, garantisco che tra queste pagine si spiegano in modo chiaro e comprensibile i possibili conflitti legati ai ruoli esistenti all'interno di una classica famiglia, quindi, ad esempio, il rapporto – qua complicato e morboso - tra un marito e una moglie sposati da trent'anni e ancor più specificamente sono scandagliati i rapporti filiali, sia quelli tra padre e figlia che quelli tra madre e figlia femmina, e lo si fa pure con minuzia descrittiva riguardo l'importante concetto del conflitto di Edipo-Elettra.
A tre anni, dopo il periodo della simbiosi e dell'attaccamento in particolare materno, il bimbo ancora manca di una precisa percezione del Sè ma a partire da questo momento verrà attratto dalla polarità opposta e la stessa crescita incontrerà problematiche diverse a seconda si tratti di un maschio o di una femmina.
La bimba sarà pertanto maggiormente attratta dal papà ma, da ora in poi, con la precisa consapevolezza di essere individuo a sé stante rispetto alla madre, e di conseguenza, potrà vedere chiaramente che il suo amatissimo genitore nonché oggetto del desiderio d'amore, preferisce il dialogo con la mamma.
Dunque, chi le ha dato letteralmente la luce, diventerà un grosso e imbarazzante ostacolo che minaccia di offuscare il bisogno di attenzioni paterne: da qui il complesso di Edipo, dinamica psicologica che non è invenzione o mitologia ma un paradigma comportamentale assolutamente naturale e che, se non si risolve in maniera spontanea, creerà notevoli danni letteralmente bloccando l'esistenza dell'interessata.
Cit. “Abitualmente il complesso di Elettra o di Edipo si scioglie perché di fatto avviene una uccisione soltanto simbolica. A favorire questa soluzione aiutano i genitori quando riescono a mostrare che la bambina può conquistare il padre in maniera completa anche se la mamma non sparisce affatto e non muore ma permette il godimento e il piacere di stare con il proprio padre.”
Nello sviluppo dell'opera troveremo numerose perle di psicologia applicata ad altri argomenti non meno importanti quali ad esempio, la morte, l'esistenza, il rapporto tra uomo e Dio e dulcis in fundo, l'amore, tema di cui si fa ovunque un gran parlare ma che qua viene descritto dallo stesso Professor Andreoli in chiave non propriamente positiva bensì come una vera e propria dipendenza che distrugge la libertà individuale di vivere.
Cit, “l'uomo si lega per amore e non riesce più a slegarsi ma è l'uomo che sceglie di innamorarsi e che, si può dire, perde la libertà in virtù della libertà.”

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
romanzi di vita familiare, saggi di psicologia
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La vita bugiarda degli adulti
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
La misura del tempo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La vita gioca con me
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Il colibrì
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)
La seconda porta
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lungo petalo di mare
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il ciarlatano
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I cani di strada non ballano
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spia corre sul campo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Questione di Costanza
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Tutti i miei errori
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
L'ultima intervista
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri