La sera a Roma La sera a Roma

La sera a Roma

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


Federico, il protagonista di questa storia ambientata in una Roma elegante e decadente, è uno sceneggiatore di esperienza con molti film di successo alle spalle. Frequenta i salotti nobili della capitale, ma anche le redazioni dei giornali, le trattorie storiche del centro e l'entourage intellettuale e cinematografico. Un giorno uno dei più apprezzati broker della finanza romana gli chiede di incontrare un giovane attore, Domenico Greco, per aiutarlo a entrare nel mondo del cinema e Federico, per cortesia, invita a casa sua quello che a prima vista è un belloccio senza arte né parte. Poche ore dopo, però, il ragazzo viene ucciso con un colpo di pistola. E il protagonista, essendo uno degli ultimi ad averlo visto, si ritrova coinvolto nelle indagini. A dipanare l'intricata trama di segreti, relazioni clandestine, innamoramenti mai confessati, tradimenti, lavorano parallelamente Margiotta, un sagace commissario, Maselli, un giornalista di cronaca nera assetato di scoop, e lo stesso Federico, che si ritrova talmente invischiato nella vicenda sentimentale legata all'omicidio da mettere a rischio il proprio matrimonio. E muovendosi tra nobili decaduti, fisioterapiste brasiliane e mostri sacri del cinema italiano, la sfida del protagonista sarà proprio quella di dimostrare la sua innocenza. Di rivelazione in rivelazione, la verità verrà a galla gradualmente, tenendo altissima la tensione e spiazzando anche il lettore più navigato.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 3

Voto medio 
 
3.9
Stile 
 
3.7  (3)
Contenuto 
 
4.0  (3)
Piacevolezza 
 
4.0  (3)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La sera a Roma 2018-08-26 13:46:34 luvina
Voto medio 
 
2.0
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
2.0
luvina Opinione inserita da luvina    26 Agosto, 2018
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il buio a Roma

A differenza di altre entusiastiche recensioni lette a me questo libro è risultato una lettura inutile. La trama mi è parsa veramente povera. Innanzi tutto non è assolutamente un thriller non avendo mordente né suspense piuttosto mi è sembrato uno scadente giallo, espediente che serve in realtà a portare avanti per 180 pagine il racconto della vita, delle citazioni, dei ricordi del protagonista Federico, alter ego dell’autore stesso. Per tutto il romanzo si parla di una nobiltà romana, delle sue regole, di come e dove vive, di un’umanità abbastanza inutile e che poi si scoprirà anche marcia; tutti vanno con tutti, veleni e vendette, il tutto raccontato con una prosa veramente modesta. Diciamo che “La sera a Roma” sembra più una guida turistica di Roma (per pochi) piuttosto che un romanzo; non è la vera Roma quella che vi si legge perlomeno non quella vissuta dai comuni mortali tutti i giorni ma la Roma di un’élite che si muove fra quartieri alti e Babington’s a Piazza di Spagna, palazzi signorili e nessun lavoro.
Una perla di saggezza del protagonista: “Io vivo la mia vita come il protagonista di un film. L’unico mio cruccio è di stare in un bel film. Dimenticando, invece, che vivere la realtà non ha niente a che vedere con i criteri estetici” ; ecco credo che questo sia stato proprio il limite dell’autore che in effetti è un regista e sceneggiatore. Di tutto il libro salvo i paragrafi dove si descrivono grandi personaggi del nostro tempo che Federico (in realtà Vanzina stesso) ha frequentato nella sua vita e la figura della moglie americana Pamela, unico personaggio dotato di un certo spessore ed autonomia. Ripeto, tutto sommato, una lettura inutile.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore

La sera a Roma 2018-03-21 10:07:10 ornella donna
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
ornella donna Opinione inserita da ornella donna    21 Marzo, 2018
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Roma città eternamente decadente

Enrico Vanzina, dopo aver pubblicato diversi libri come Le finte bionde, Una famiglia italiana e Colazione da Bulgari, collabora con Il corriere della Sera e scrive ogni settimana per Il Messaggero. Ora pubblica La sera a Roma, un romanzo
“impeccabile, che è insieme un giallo appassionante, una riflessione sul Tempo e un affresco eccezionalmente autentico di Roma e della società italiana”.
Narra la storia di Federico, in molte parti alter ego dello scrittore, voce narrante, sceneggiatore, un uomo che ama la moglie Pamela da anni, ma non disdegna di intrattenere “una affettuosa amicizia” con Claudia, una bellissima insegnante di pilates, che incontra regolarmente in un piccolo albergo. Un uomo che la moglie, americana, definisce:
“un italiano superficiale, un bambino che gioca con i sentimenti degli altri.”.
Costui viene, un giorno, inaspettatamente, invitato al cospetto di Roberto Bassani,
“l’uomo più mondano della capitale. Dove per mondano s’intende, oltre a uno snobismo assai marcato, il gusto della frequentazione altrui, il piacere di ricevere amici in casa e l’acutezza nel giudicare i fatti che reggono il mondo, compresi i delicati equilibri che regolano i rapporti quotidiani tra gli uomini. Roberto aveva viaggiato molto, s’intendeva di arte, di letteratura, di musica, vestiva con sobria eleganza di un banchiere inglese e aveva il grandissimo dono di parlare poco. “.
In questo incontro gli chiede una raccomandazione per un suo giovane amico, attore che non riesce ad ottenere parti nel mondo del cinema, certo Domenico Greco, un bellimbusto, somigliante a Rodolfo Valentino, fino a quando non apre bocca, tanto bello quanto rozzo ed ignorante. La conoscenza si conclude in malo modo. Un paio d’ore dopo Domenico viene trovato morto a casa propria: qualcuno gli ha sparato. Di qui l’inizio di una storia che coinvolge e travolge il nostro protagonista in un turbinio di emozioni e di colpi di scena inaspettati.
La protagonista assoluta di questo libro è sicuramente Roma:
“Roma era diventata una metropoli pasticciona, poco affidabile, sgangherata, che metteva di cattivo umore. Eppure questa città era meravigliosa. Aveva dalla sua parte storia, la bellezza, l’arte, la simpatia, il clima, i colori, il cibo, insieme a quella leggerezza congenita che molte altre città le invidiavano. Peccato, perché queste sue qualità erano state cancellate dalla sua superficialità e dalla sua dissennata incoscienza. (…) Ormai a Roma, lo pensai con dolore, pensavano tutti a magna’. Nel senso di ruba’”.
Un ritratto impietoso, dove i nobili sono decaduti e la borghesia si “è immignottita”. Un racconto sulla Roma del cinema e dei suoi personaggi pieno d’amore: ed ecco le ultime ore di Dino Risi, le cene con Roberto Gervaso a base di aforismi fulminanti, le passeggiate serali del grande regista Steno Vanzina, il suicidio di Carlo Lizzani, le citazioni da Flaiano e Longanesi, la passione per le trattorie. Una lettura sofisticata per un mondo che non è più, ma che attrae infinitamente per la sua bellezza non comune.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore
La sera a Roma 2018-02-16 17:20:20 Giuseppe
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Opinione inserita da Giuseppe    16 Febbraio, 2018

Imperdibile

Premesso che, essendo un giallo, non si entra nella trama narrativa per evitare di anticipare alcunché al lettore, si può anzitutto affermare che con questo romanzo Vanzina supera se stesso e, con poche artistiche pennellate, riesce a illustrare mirabilmente la Roma che era un tempo e che è invece divenuta oggi. Il lettore, catapultato nel mondo della nobiltà romana (ma non solo in quello) si trova a vivere direttamente -grazie alla narrativa incisiva, scorrevole e coinvolgente- le vicende rosa e noir che coinvolgono il protagonista Federico, sceneggiatore, giornalista, scrittore e uomo di Cinema. Una delle particolarità uniche di questo giallo è che il lettore dalla prima pagina si domanda se Federico, il protagonista, non sia in realtà lo stesso Vanzina ed il vissuto narrato con le sue sensazioni, speranze, riflessioni e rimpianti non siano in verità quelle dello stesso Autore-Uomo. I punti di contatto sono innumerevoli: entrambi sono sceneggiatori, scrittori e giornalisti per Il Messaggero, entrambi hanno creato la categoria delle finte bionde. La risposta sembra essere sì almeno parzialmente e con riferimento alla vita reale e, credetemi, la narrativa, a volte anche malinconica e struggente, porta al lettore tanti insegnamenti e riflessioni che vanno al di là della sempre comunque avvincente trama gialla del romanzo. Altra chicca del volume: il protagonista (e già solo per questo vale la pena di leggerlo) ricorda o comunque incontra strada facendo innumerevoli Giganti del nostro Cinema e della nostra Cultura: da Sordi a Beha a de Laurentiis e molti altri; su tutti svetta la commovente descrizione della dipartita del grande Dino Risi (e qui, come altrove, il protagonista è davvero Enrico Vanzina e non più Federico). Un libro da leggere ed assaporare (al di là dell'intrigo giallo in sé) anche -come sopra accennato- per conoscere veramente la città di Roma così come è oggi rispetto ad un tempo, illustrata da un vero ed autentico romano quale è Enrico Vanzina.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
40
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'unica storia
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'uomo che trema
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Isola di neve
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Khalil
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una di luna
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
M. Il figlio del secolo
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultimo giro della notte
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La coda del diavolo
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Peccato mortale. Un'indagine del commissario De Luca
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'innocente
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
L'idiota
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
2.8 (1)
I colori dell'incendio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri