Lissy Lissy

Lissy

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


Inverno 1974. Marlene ha sposato Herr Wegener, l'uomo piú temuto del Sud Tirolo, per sottrarsi a una vita di miseria. Ora, però, qualcosa è cambiato. Sa che il marito non le perdonerà mai il tradimento, ma decide lo stesso di scappare da lui, dopo averlo derubato di un tesoro il cui valore va ben oltre quello del denaro. Uscita di strada con la macchina, la giovane viene salvata e curata da Simon Keller, un Bau'r, un contadino di montagna che abita in un maso sperduto. Intanto Herr Wegener ha scatenato la caccia, spinto dalla rabbia e dalla difficoltà in cui il gesto della moglie lo ha posto nei confronti del Consorzio, una potente organizzazione criminale. Sulle tracce di Marlene è stato messo l'Uomo di Fiducia, un personaggio gelido e letale che non si fermerà finché non avrà portato a termine il proprio compito. Presto la donna dovrà capire quale sia per lei la minaccia maggiore. Se il marito, il killer, lo stesso Simon Keller. Oppure Lissy.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 5

Voto medio 
 
3.7
Stile 
 
4.2  (5)
Contenuto 
 
3.2  (5)
Piacevolezza 
 
3.6  (5)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Lissy 2018-03-12 17:50:30 Mian88
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    12 Marzo, 2018
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Dolce Lissy, piccola Lissy...

1974. Marlene, ventidue anni, occhi azzurri, un neo a completarne il sorriso. Marlene e il suo matrimonio sbagliato con l’uomo sbagliato. Per quei “soldisoldisoldi” che le rimbombano da sempre nella testa, per quei “soldisoldisoldi” che alla sua famiglia sono sempre mancati. Impossibile rinunciare a quest’occasione di riscatto.
Scappare, scappare, scappare. Il più lontano possibile. Da quella vita per riprendersi la propria vita. Ma qualcosa va storto, una deviazione improvvisa e un incidente. La giovane donna si risveglia in un maso con Simon Keller, un Bau’r – contadino – delle alte montagne di 63 anni. Si ritrova così circondata da personaggi ambigui e pericolosi, uomini senza scrupoli pronti a catturare la volpe e identificati in un marito accecato dall’idea del tradimento, in un sicario infallibile e spietato che non è altro che un’arma – perché a premere quel grilletto non è mai lui bensì chi ha firmato il contratto – e in niente meno che in questo solitario uomo di fede. Passano le ore e con loro i giorni. Marlene si abitua alla quotidianità con l’opa Simon, ma è anche preda dei dubbi perché non sa di chi può fidarsi in quelle molteplici inesattezze e perplessità che inesorabilmente le si insinuano nella mente.
Sin dalle prime pagine “Lissy” si offre al grande pubblico come un thriller angosciante, claustrofobico, inquietante. Un romanzo caratterizzato da una narrazione priva di sbavature, solida e ben orchestrata, una narrazione che rivela con il contagocce gli avvenimenti e le storie di ciascun protagonista tanto che le oscurità proprie dell’animo umano vengono percepite da chi legge poco alla volta in un crescendo costante e continuo. Abile è inoltre l’autore nel rimescolare le carte senza quasi che il conoscitore se ne renda conto. Per ben oltre la metà dell’elaborato, quest’ultimo, immagina e delinea un cattivo eppure ha sempre quel senso di incompletezza e quel dubbio attorno alla figura che si è prefigurato tanto che nel procedere verso l’epilogo, resta basito, si chiede “ma ho capito bene?”. Il senso di ansia, apprensione, di tumulto non risparmia e non lascia andare dalla sua morsa nemmeno per un istante.
Al tutto si sommano brevi capitoli in cui le vicende si intersecano nonché flashback tra presente e passato che ben si mixano con l’altra grande protagonista: la montagna altoatesina. Questa con la sua neve, il suo freddo, i suoi boschi, le sue altezze, ricrea perfettamente nella mente dell’appassionato quelle sensazioni di prigionia. L’impressione è infatti quella di trovarsi in trappola. Queste alture che sono specchio della natura e della sua realtà si tramutano nell’opera di Luca D’Andrea in un vicolo cieco da cui è impossibile fuggire così come essere trovati. Un rifugio perfetto per chi deve nascondersi, ma anche una trappola mortale per chi deve fuggire.
Altro grande pregio dello scrittore è quello di non svelare alcunché sul significato del titolo sino a 1/2 del componimento. Fino ad allora l’avventuriero brancola tra una supposizione e l’altra e anche successivamente torna a interrogarsi sul medesimo perché la verità va oltre le prime apparenze.
Unica pecca che ho riscontrato nella narrazione è data dalla tendenza del romanziere ad eccedere in quelle crudeltà che dovrebbero rappresentare gli angoli più bui dell’animo umano. A mio modesto parere avrebbe ottenuto lo stesso e identico risultato con molto meno. La sua invece è una tendenza all’eccesso che seppur riesca a tenere incollati alla lettura a briglie strette, che seppur riesca a trasmettere l’agitazione necessaria, talvolta può risultare eccessiva.
Nel complesso, una buona prova che raggiunge senza difficoltà il suo obiettivo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
150
Segnala questa recensione ad un moderatore

Lissy 2018-03-04 20:21:57 lapis
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
lapis Opinione inserita da lapis    04 Marzo, 2018
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La morte ama la montagna

Dopo il grande successo internazionale riscosso con “La sostanza del male”, il bolzanino Luca D’Andrea torna in libreria con “Lissy”, vincitore del Premio Scerbanenco 2017, proponendoci una storia soffocante e angosciosa.

Il perno della narrazione ruota intorno a Marlene, una bella e giovane donna che un giorno prende il coraggio a due mani e fugge. Fugge dal marito, boss della malavita locale, sposato solo per paura della povertà. Fugge da una vita di menzogne e dall’illusione che la felicità possa essere acquistata. Attorno a lei, in una nube di paura e follia, si muovono personaggi ambigui e pericolosi. Il marito, infiammato dalla rabbia del tradimento. Uno spietato e infallibile sicario, a fiutare e inseguire la sua preda. E infine uno strano e solitario contadino d’alta montagna, un Bau’r, presso il cui maso la ragazza trova rifugio.
"La principessa è scappata dal castello, ma chi è l’orco?"

Va reso sicuramente merito all’autore di avere ideato una strategia narrativa davvero solida ed efficace. Le vicende dei diversi personaggi si alternano in brevi capitoli che contengono sempre, come i famosi ovetti di cioccolato, una sorpresa: un dettaglio inaspettato, un flashback spiazzante, un colpo di scena. Per più di metà libro si brancola nel buio, senza avere nemmeno idea del significato del titolo del romanzo, perché al lettore non è chiesto di capire ma di incuriosirsi, di immaginare e di lasciarsi trasportare da queste atmosfere paurose e a tratti visionarie.

Ed è proprio la montagna altoatesina a farsi simbolo di inquietudine e impotenza. Un maso isolato che non consente fuga. Silenzi di quarzo. Distese di neve, senza sentieri battuti. Un gelo che è difficile anche solo immaginare. Marlene non può scappare ancora, può solo essere raggiunta, da pericoli reali e follie della mente.

Luca D’Andrea accompagna il lettore dentro una storia originale e avvincente, alla scoperta dei personaggi, del loro passato, della loro psiche, delle loro ossessioni. È un viaggio disturbante attraverso vie di disperazione e violenza, forse persino troppa. Sì, perché per sapere raccontare la mente umana, anche nelle sue sfumature più oscure e complesse, senza cadere nel tranello dell’eccesso o dello stereotipo, bisogna essere dei maestri e D’Andrea, a mio avviso, paga forse un po’ l’inesperienza. Nel complesso, una buona prova narrativa per un autore che vale la pena tenere d’occhio.

“La morte amava la montagna. L'amava come si può amare un gioco truccato in partenza. Un'estenuante lotta per la sopravvivenza in cui nessuno usciva vincitore. A parte lei.”

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
Lissy 2017-12-26 12:28:43 FabCat
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
FabCat Opinione inserita da FabCat    26 Dicembre, 2017
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Sudtirolo tra fascino e terrore

Così come in La sostanza del male, è lo scenario del Sudtirolo la vera star del romanzo: le vette innevate, il silenzio, il freddo rigido che entra nelle ossa, e la vita degli uomini intrecciata alle regole aspre e inesorabili della natura. Una natura che spreme a fondo gli istinti di sopravvivenza e che può portare alla follia, a confondere realtà e immaginazione, tra gesti di grande generosità e azioni di estrema violenza.
Luca D’Andrea è entrato tra i miei autori preferiti, mi piace il suo stile asciutto ma attento alla storia di ogni personaggio, e il suo modo di creare la tensione quasi per sottrazione, lasciando cioè che sia il lettore a completare il quadro.
Attendo il suo prossimo thriller, magari, perché no? sconfinando dalla sua area di comfort, auspicando che sia ambientato anche fuori dal Sudtirolo...

#nospoiler #noinutiliriassunti

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
Lissy 2017-12-14 12:04:00 malamaur
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
malamaur Opinione inserita da malamaur    14 Dicembre, 2017
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un noir d'alta quota

Un noir d'ambientazione insolita. Le montagne impervie, la neve imperante e sempre presente come nemico da combattere, il freddo e il gelo fanno da contorno a questa seconda fatica di Luca D'Andrea.
Siamo a metà degli anni '70 e la vicenda narra la storia di redenzione della bella Marlene che tenta di fuggire ad ogni costo dalla "mala" di cui il marito Wegener è un esponente di spicco ed in rapida ascesa.
Un bel libro, molto piacevole, in grado di trattenere il lettore e costringerlo a girare pagina. Come anche ne "La sostanza del male" qui si trova qualche cenno poco verosimile, ma nel complesso è una buona lettura, una bella storia.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
La sostanza del male
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
Lissy 2017-11-06 16:16:16 ornella donna
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
ornella donna Opinione inserita da ornella donna    06 Novembre, 2017
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La montagna "dark" e i suoi fantasmi

Dopo La sostanza del male Luca D’Andrea pubblica con Einaudi Lissy, una storia:
“semplice come un cerchio tracciato sulla neve, un cerchio che era la forma del mistero e del miracolo.”
Un giallo che ha pochi, semplici ingredienti, ma alquanto intriganti:
“Una giovane donna in fuga e il mistero che porta con sé. Un solitario che vive sulla montagna dei suoi padri, seguendo leggi inflessibili e antichissime. Un uomo divorato dal passato e uno tanto spaventoso da non avere né nome né futuro.”.
Siamo nel 1974, nel Sud Tirolo, tra montagne affascinanti, ma dure ed aspre, che inghiottono senza pietà i suoi abitanti. Il libro narra la storia di Marlene che ha sposato Herr Robert Wegener, un uomo molto temuto quanto violento ed odioso, per migliorare le proprie condizioni di vita. Proviene da una famiglia povera, sua mamma diventata pazza, rinchiusa in manicomio, mai più ripresasi, abitante in un vecchio e sperduto maso. Compie con il matrimonio un vero e proprio salto in avanti. Ma la vita con un tale uomo è difficile e frustrante. Robert è:
“L’uomo di fronte al quale tutti si toglievano il cappello, i quarantadue anni passati a costruire una carriera fatta di intimidazioni, contrabbando, agguati ed omicidi. Nessuno scherzava con un uomo come Wegener. L’autocontrollo era stato per anni il suo vanto. Nervi saldi e sangue freddo l’avevano portato a comandare su ciò che, segretamente, aveva battezzato come “l’impero”. (…) Possedeva cervello svelto e nervi d’acciaio. Pura razza ariana.”
Inaspettatamente Marlene una sera ha l’occasione di rubargli un piccolo tesoro che le è necessario per rifarsi la vita lontano. Ma non ha fortuna e la sua frettolosa fuga viene interrotta da un brutto incidente in mezzo ad una tormenta di neve. Viene soccorsa da Simon Keller e portata nella sua casa in mezzo ai boschi. Simon è uno strano uomo, che si nutre cacciando e raccogliendo erbe, mastica semi di papavero, con una storia misteriosa alle spalle. Nel frattempo il marito sconvolto dal tradimento si rivolge al Consorzio, che gli invia un sicario, detto “L’Uomo di Fiducia”, per cercare vendetta. Costui è un uomo gelido, che incute timore soltanto guardandolo negli occhi di ghiaccio. Inoltre qualcosa non è chiaro : presto Marlene dovrà capire qual è la sua minaccia maggiore. Se suo marito, il sicario o lo stesso Simon Keller. Oppure…… Lissy!
Nel libro la seconda protagonista è sicuramente la montagna. Non la montagna decantata da Paolo Cognetti, ma quella montagna dura, aspra, gelida. Infatti:
“Le montagne donano acqua, cibo e saggezza. Tutto ciò che serve per vivere. Le montagne sono l’unica cosa che il denaro non potrà mai comprare.”
La montagna è, anche, la rappresentante di una natura sì incontaminata, ma ostica e brusca, ruvida ed austera. Una montagna che inghiotte e fagocita con una velocità impressionante. Abitata da mille masi, che sono:
“fatica e dannazione. Sono il retaggio di secoli di caparbietà e tenacia. Sono un rifugio dalle intemperie. Una fortezza sicura in un paesaggio di gelida morte. Sono un mondo autosufficiente regolato da meccanismi antichissimi.”
Un thriller esistenziale duro e cupissimo, dove i personaggi hanno caratteri a tutto tondo, e vi è un intreccio che trascina il lettore, senza né pause né sbavature, fino all’epilogo. E’ la rappresentazione più bieca ed assoluta del Male e dell’incredibile nella sua formula più intrigante ed assatanata. E’ la espressione di un mondo fatto di tradizioni ataviche, di natura e di criminalità. E’ un giallo di fronte al quale è difficile rimanere impassibili.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Consigliato a chi ha letto ed amato Luca D'Andrea, La sostanza del male.
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il re di denari
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultima volta che ti ho vista
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
Vuoto per i bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Da molto lontano
Valutazione Utenti
 
4.8 (3)
La resa dei conti
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lazarus
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
La vergogna
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Middle England
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Storia di una balena bianca raccontata da lei stessa
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Nel muro
Valutazione Redazione QLibri
 
1.8
Valutazione Utenti
 
1.0 (1)
Donne che non perdonano
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
2.8 (1)
Uno sporco lavoro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri