Nostalgia del sangue Nostalgia del sangue

Nostalgia del sangue

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


Certe mostruosità possono maturare solo in posti così: una provincia del nord Italia, dove soltanto pochi metri separano un gregge di pecore da un centro commerciale, dove la gente abita in villette a schiera con giardino, dove riservatezza è il nome che si attribuisce a un'omertà che non ha niente da invidiare a quella dei paesi dove comanda la mafia. Gli stessi luoghi che più di cento anni fa, infestati dalla miseria, videro gli spaventosi delitti di Vincenzo Verzeni, il ''vampiro di Bottanuco'', il primo serial killer italiano, studiato da Lombroso con la minuzia farneticante che caratterizzava la scienza di fine Ottocento. Il serial killer che sembra citare il modus operandi di quel primo assassino non è però un giovane campagnolo, è una mente lucidissima, affilata, che uccide con rabbia ma poi quasi si diletta, si prende gioco degli inquirenti. A raccontare ai lettori le sue imprese e, a un certo punto, a tentare in prima persona di dargli la caccia, la coppia più bella mai creata dal noir italiano: Marco Besana, un giornalista di nera, disilluso, etico e amaro, e una giovane stagista, la ventiseienne Ilaria Piatti, detta ''Piattola''. Goffa, malvestita, senza neppure un corteggiatore, priva di protezioni, traumatizzata da un dolore che l'ha segnata nell'infanzia e non potrà abbandonarla mai, eppure intelligentissima, intuitiva, veramente dotata per un mestiere in cui molti vanno avanti con tutt'altri mezzi, Ilaria è il personaggio del quale ogni lettrice e lettore si innamorerà. Un uomo anziano e una ragazza rappresentanti emblematici delle due categorie più deboli della società italiana di oggi, uniscono la loro fragilità e le loro impensabili risorse per raccogliere la sfida lanciata dal male.

Recensione della Redazione QLibri

 
Nostalgia del sangue 2018-02-13 18:32:57 Fr@
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Fr@ Opinione inserita da Fr@    13 Febbraio, 2018
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Omicidi ieri, sangue oggi

Ci sono lavori che non avrei mai potuto fare: il chirurgo, l’infermiere, il macellaio… e direi anche il giornalista di nera. Perché io, a differenza dei due protagonisti di questo nuovo thriller tutto italiano, non potrei mai e poi mai avere “nostalgia del sangue”.

“Nostalgia del sangue” è un romanzo giallo-noir-thriller scritto da due autori italiani che si celano dietro lo pseudonimo di Dario Correnti. Quindi il lettore non solo è posto davanti al terribile caso che sta sconvolgendo la zona della Bergamasca, ma è anche desideroso di capire chi siano questi due scrittori che vogliono rimanere nell’ombra.

Il protagonista del romanzo è il giornalista Besana: non più nel fiore dei suoi anni, ormai prossimo alla pensione, si ritrova a scrivere del suo ultimo caso, forse uno dei peggiori di tutta la sua carriera. Un serial killer (solo uno?) ha iniziato a mietere vittime ispirandosi al primo serial killer italiano, Vincenzo Verzeni, studiato anche da Lombroso. Verrà accompagnato nelle sue indagini da Ilaria Piatti, giovane (ex) stagista da tutti soprannominata “Piattola”, che dietro il suo atteggiamento goffo e impacciato, nasconde un passato che l’ha segnata per sempre.

Il libro è molto interessante. Molto lungo (535 pagine), si legge abbastanza velocemente, alternando capitoli incentrati sul presente, sempre piuttosto corti, a capitoli che raccontano di Verzeni e i suoi omicidi compiuti alla fine dell’800. Sono rimasta affascinata da questo alternarsi di passato e presente che in realtà si fondono tra loro, in una storia avvincente che ti spinge a continuare la lettura.

Alla fine ci si affeziona anche ai due protagonisti, due “investigatori” quasi per caso. Besana è un uomo che ha dedicato tutta la sua vita al lavoro, sacrificando anche la sua vita privata. Per quanto riguarda Ilaria, l’unica cosa che vi posso consigliare è scoprirla leggendo il libro.
Quindi che dire se non buona lettura? :)

“Chissà perché gli occhi di una persona sono l’unica parte del corpo che non cambia mai. Te li porti dietro dall’infanzia alla vecchiaia, e mentre tu cerchi di reinventarti, cancellarti e rinascere, loro rimangono sempre uguali. Sono il tuo passato e il tuo futuro, e quell’espressione è l’unica costante su cui puoi contare, il resto si perde o si trova”.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Consigliato a chi è appassionato di thriller e anche di storia: sarà interessante scoprire chi è stato il primo serial killer italiano.
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
3.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Nostalgia del sangue 2018-02-27 21:38:05 PaparattoC
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
5.0
PaparattoC Opinione inserita da PaparattoC    27 Febbraio, 2018
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il male è tornato

Acquistato per caso mentre girovagavo in libreria, si è rivelato un interessante noir italiano da leggere tutto d'un fiato.
Siamo nella bergamasca, dove soltanto pochi metri separano un gregge di pecore da un centro commerciale e dove riservatezza è il nome attribuito ad un'omertà non molto diversa dai paesi del sud Italia.
Due giornalisti, Marco Besana e la stagista Ilaria Piatti, investigano sui ripetuti delitti che si susseguono; macabri e nauseanti femminicidi ad opera di un serial killer con evidenti disturbi psichici, addirittura dedito al cannibalismo.
Besana è il classico disilluso che alla soglia del prepensionamento, si ritrova a fare i conti con il suo vissuto, convivendo con i propri rimpianti. Ilaria - d'altro lato - con un passato oscuro alle spalle , si affaccia per la prima volta al mestiere che ha sempre sognato con tutto l'entusiasmo di una neofita; due categorie sociali contrapposte impegnate in una vera e propria caccia all'uomo.
Ciò che rende interessante il racconto è il parallelismo con un fenomeno realmente verificatosi: alla fine dell'ottocento, infatti, proprio in tali luoghi - interessati da pellagra e fenomeni cretinosi - , operava indisturbato Vincenzo Verzeni, il primo criminale italiano, le cui condotte sono ora emulate a distanza di oltre cento anni da un killer misterioso, che seleziona con dovizia le sue vittime. Le indagini e le inchieste dei due giornalisti di nera consentiranno l'individuazione dello stesso, che, come normalmente accade è sempre il meno sospettabile.

Devo dire che questa lettura mi ha notevolmente intrigato proprio per il risalto che gli autori hanno inteso attribuire ad un reale fenomeno criminologico dell'Italia ottocentesca.
Questi mettono in luce la figura di Vincenzo Verzeni e gli studi che su di esso effettuò Cesare Lombroso, giovane pschiatra in carriera, che definì Verzeni un sadico sessuale, vampiro e divoraore di carne umana.
Lombroso è considerato il padre della criminologia moderna, fu esso infatti che attraverso un esame antropometrico eseguito sul Verzeni mise in luce una particolare conformazione encefalica secondo lui comune nei " selvaggi".
Dalla lettura pertanto possono emergere diversi spunti utili all'approfondimento, in primo luogo rileva il profilo anatomico: la possibilità che esistano devianze strutturali che incidono sulla personalità degli individui. Ma sopratutto, emerge per l'ennesima volta, il condizionamento che ciascuno subisce dal proprio vissuto o da quello di altri: tutti noi viviamo il presente sulla base di quanto accaduto nel passato, tutti, assassino incluso.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Thriller
Trovi utile questa opinione? 
50
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Donne che non perdonano
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Uno sporco lavoro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La misura dell'uomo
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli squali
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Andiamo a vedere il giorno
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Crooner
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Senza mai arrivare in cima. Viaggio in Himalaya
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Vincoli. Alle origini di Holt
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Ricordi dormienti
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Nemici. Una storia d'amore
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Finché morte non sopraggiunga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
L'angelo di vetro
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri