Rebus di mezza estate Rebus di mezza estate

Rebus di mezza estate

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Possibile che un pericoloso killer si aggiri indisturbato nelle impervie eppur domestiche Alte Langhe piemontesi? Parrebbe di sì, dato che un assassino misterioso semina in una manciata di ore una serie di sanguinosi omicidi. Una commedia nera, nerissima, e un inestricabile rompicapo di mezza estate (giugno, tempo stupendo, nelle più grandiose e segrete colline del nord Italia) risolto, com'è naturale, dal flemmatico maresciallo Giuseppe (Beppe) Buonanno comandante della stazione CC di Monesiglio coadiuvato da Sebastiano Guarienti, noto - molto noto agli affezionati lettori della saga farinettiana - sceneggiatore nato a Bra (Cn). Finale, dunque nella tradizione. Forse.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
4.6
Stile 
 
5.0  (2)
Contenuto 
 
4.5  (2)
Piacevolezza 
 
4.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Rebus di mezza estate 2015-01-30 17:33:39 Sydbar
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Sydbar Opinione inserita da Sydbar    30 Gennaio, 2015
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un applauso a Farinetti

Potrei evitare di ripetermi? No!
Farinetti ha ancora una volta colpito nel segno.
Un giallo classico, canonico, senza inutili scene che possano davvero colpire in qualsiasi modo il lettore.
L'opera ha una trama lineare essenziale e senza sbavature, puoi solo lasciarti coinvolgere da atmosfere assolutamente reali, personaggi veri e vivi, contrassegnati da passioni e istinti, vizi e virtù, che non possono farci pensare ed avere il sospetto, ma questa persona mi ricorda...
Un Piemonte descritto in modo assolutamente perfetto ed aderente alle sue realtà paesaggistico-culturali, quando si descrivono le Langhe sembra di averle lì a due passi, quando si decrivono situazioni provinciali tipicamente piemontesi sembra di esserci nati, poi tutte quelle famiglie con i loro intrecci, alla fine tutti sarebbero parenti con tutti...
Un maresciallo dei carabinieri molto distante da quelli delle tv, assolutamente poco eroe o uomo d'azione ma sicuramente concreto e riflessivo, un personaggio davvero reale e non di fantasia.
La storia raccontata in quest'opera mi ha preso dalle prime pagine perchè mi ha rimandato ai gialli che adoro, quelli che convincono per la trama e non certo per i contorni ansiogeni o per la descrizione di scene macabre.
Un giallo intelligente, da acquistare e divorare.
Per il Syd, Farinetti è davvero uno scrittore di alto livello e le sue opere ne rispecchiano la grandezza.
Applausi per Gianni dunque.
Buona lettura a tutti.
Il Syd

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Gialli e soprattutto tutte le opere di Farinetti
Trovi utile questa opinione? 
200
Segnala questa recensione ad un moderatore
Rebus di mezza estate 2014-09-07 14:18:22 Pelizzari
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Pelizzari Opinione inserita da Pelizzari    07 Settembre, 2014
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il killer all'ultima parola

Giallo italianissimo, come autore, come ambientazione, come atmosfera. Il mondo è quello dell’alta borghesia italiana e lo scenario è quello delle alte Langhe piemontesi. Dentro queste pagine c’è un mucchio di gente che si muove…ed il killer. Vengono commessi due delitti, in meno di 24 ore. Stessa arma. Stessa mano. E non è finita qui. Bellissime descrizioni, accurate e coinvolgenti, di paesaggi, di tradizioni culinarie ti portano ad entrare dentro il libro ed a cercare di scoprire il colpevole, quasi che fossi tu stesso il maresciallo. Ho adorato lo stile di questo libro, pieno di personaggi maggiori e minori e dei loro dialoghi con se stessi, un espediente che ti avvicina a loro. Ho adorato la chiusura, perché si scopre il colpevole, letteralmente, all’ultima parola del libro e questa è stata una grande capacità dell’autore. Tant’è che ti viene voglia di rileggerlo, per vedere se, ora che sai chi è stato, potevi arrivare ad indovinarlo prima. Unico neo è l’affollamento di personaggi che, a tratti, ti rende la lettura e l’inquadramento un po’ difficoltoso. D’altronde, però…si tratta di un rebus…e questo lo si sa già dal titolo…

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
210
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Io e Mr Wilder
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il club Montecristo
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
La città di vapore
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La donna gelata
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il libro delle case
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Piranesi
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il gioco delle ultime volte
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il silenzio
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Senza colpa
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Orfeo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una rabbia semplice
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sembrava bellezza
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri