Tutto quel buio Tutto quel buio

Tutto quel buio

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


Susanna Marino, una studentessa squattrinata laureata in cinema, viene incaricata da un misterioso collezionista torinese di ritrovare una preziosa pellicola degli anni Venti, scomparsa durante l'occupazione nazista. Il regista è l'ungherese Károly Lajthay, il titolo "Drakula halála". Si dice infatti che sia questo, e non il "Nosferatu" di Murnau, il primo film in cui compare il personaggio di Dracula di Bram Stoker; nessuno però è mai riuscito a trovarlo, o, se l'ha fatto, non l'ha potuto raccontare. La pellicola pare infatti maledetta, e una mano misteriosa uccide chiunque tenti di venirne in possesso. Una volta giunta a Budapest, Susanna dovrà muoversi in una città dalle atmosfere espressioniste, tra tetti acuminati e oscuri sotterranei, in mezzo a cacciatori di pellicole privi di scrupoli, poliziotti sospettosi e ambigui musicisti noise, lungo una pista di sangue che affonda le radici in un tragico passato.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuto 
 
5.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Tutto quel buio 2018-10-10 07:51:37 ornella donna
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
ornella donna Opinione inserita da ornella donna    10 Ottobre, 2018
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Misteri tra cineasti

Cristiana Astori, dopo aver scritto la Trilogia dei colori (Tutto quel nero, Tutto quel rosso e Tutto quel blu), torna con Susanna Marino ne Tutto quel buio. Un libro dove regna il male:
“La storia ci ha dimostrato che il Male non si spegne nel corso dei secoli. Piuttosto si moltiplica, come tutti i parassiti.”.

Protagonista è, appunto, Susanna Marino, giovane e squattrinata cinefila, sempre alla spasmodica ricerca di misteriosi film realmente scomparsi. Qui è alla ricerca della pellicola del film “Drakula halala”. In questo film, si dice, compare, per la prima volta il personaggio di Drakula si Bram Stoker, e non Nosferatu di Murnan, come comunemente creduto. A commissionarle l’insolito lavoro è l’enigmatico professor Altavilla. Si apre così una inusitata ed enigmatica caccia alla pellicola che conduce la giovane a Budapest, una città dalle atmosfere tetre e buie, in una lunga scia di morti e di delitti inspiegabili.

Un testo che si nutre delle atmosfere tipiche dell’horror profondo. Atmosfere tese, buie, sotterranee, molto tirate con una giovane protagonista che non si ferma davanti a nulla, che non ha paura, con qualche cicatrice di troppo recente, che brucia ancora. Ambientato tra Torino e Budapest, il romanzo è molto bello, ricco di tensione e di continui colpi di scena. Risente di una forte influenza di Carlos Ruiz Zafon, ma con una buona commistione tra fantasia fervida e realtà. E su tutto il fascino magnetico del cinema e dei suoi enigmi. Un

“filo perenne teso tra onirico e reale”.

Definita dai critici come

“una storia di vampiri, senza il vampiro”,

la narrazione è una commistione di vari generi quali la commedia, il gotico, l’intrigo; che vede anche un ritorno ad un antico passato tragico ed annientante, una Storia che torna, forse perché mai stata dimenticata. Una bellissima lettura.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il re di denari
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
L'ultima volta che ti ho vista
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
Vuoto per i bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Da molto lontano
Valutazione Utenti
 
4.8 (3)
La resa dei conti
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vergogna
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Middle England
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Storia di una balena bianca raccontata da lei stessa
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Nel muro
Valutazione Redazione QLibri
 
1.8
Valutazione Utenti
 
1.0 (1)
Donne che non perdonano
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
2.8 (1)
Uno sporco lavoro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La misura dell'uomo
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri