Uno sporco lavoro Uno sporco lavoro

Uno sporco lavoro

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


Per diventare il personaggio che tutti i lettori amano ne ha fatta di strada, Bacci Pagano. E ora Bruno Morchio ci regala il racconto della prima indagine dell’investigatore dei carruggi. Perché tutti abbiamo un passato, ma non per tutti è avvolto nel mistero e fitto di intrecci da risolvere e donne da salvare. Basta una parola, a Bacci Pagano, per riconoscere Maria, anche se non la vede da trent’anni. Basta un attimo per essere catapultato ai tempi della sua prima indagine, a metà degli anni Ottanta. Dopo un lustro passato in prigione a scontare una pena ingiusta e tre anni in giro per il mondo, Bacci ha deciso di mettere a frutto il proprio intuito infallibile lavorando come investigatore privato. Ironia della sorte, il primo caso lo trova a pochi chilometri da casa, in una splendida villa della Riviera di Levante. Deve proteggere la famiglia dell’ingegner Silvano Rissi, un manager dell’industria di stato. L’atmosfera è tutt’altro che serena: i rapporti tra Rissi e l’affascinante moglie Adriana sono tesi e, nella rada prospiciente la spiaggia privata della residenza, si staglia la sagoma di una lussuosa quanto misteriosa imbarcazione. Al fiuto di Bacci non sfugge che c’è qualcosa di strano, anche se è distratto dal profumo inebriante della bella e giovane Maria, la baby-sitter del piccolo Daniele Rissi. Non ha prove, ma sente che dietro quel semplice incarico da guardaspalle c’è dell’altro. E quando subisce l’aggressione di un uomo armato e le attività a bordo del misterioso yacht si fanno sempre più frenetiche, Bacci ha la conferma che non può più fidarsi di nessuno. È il momento di affrontare Rissi a viso aperto e cercare di carpire il mistero che si nasconde dietro gli occhi, fieri ma sempre velati di tristezza, di Adriana. Quella che sembrava un’impresa facile e senza rischi, un primo incarico prestigioso e ben remunerato, trascina Bacci fra i loschi traffici di un’Italia che, dietro le luci sfavillanti del benessere economico, svela al mondo il suo animo corrotto e criminale.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuto 
 
3.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Uno sporco lavoro 2018-11-13 09:27:59 ornella donna
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
ornella donna Opinione inserita da ornella donna    13 Novembre, 2018
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

I ricordi lontani dell'investigatore Bacci Pagano

Il nuovo libro edito di Bruno Morchio si intitola Uno sporco lavoro. Ed è proprio uno sporco lavoro quello di Bacci Pagano, investigatore privato. Un lavoro che gli è costato tanti amici, una moglie, una famiglia. Ora ritorna ad un passato remoto con la sua vecchia amica/amante Maria. Sono passati trent’anni, e la vita ha segnato entrambi, anche se in modo diverso. Infatti la memoria:
“riapre talvolta antiche ferite e finisce per rigirare il coltello nella piaga. Non fosse per l’età, che ci costringe a santificare ogni ricordo come prova della nostra integrità neurologica, tanto varrebbe gettare tutto. “
Lei è in ospedale e lui va a trovarla. Si ritrova:
“Maria sdraiata pallida, magrissima. (…) Riconosco con difficoltà la chioma alla Angela Davis, ma non lo do a vedere. Il tempo ci è passato sopra come un carro armato, facendo di quei giovani mezzo fottuti dal destino, ma ancora carichi di energia e voglia di vivere, due anticaglie afflitte da acciacchi e perplessità.”.
Insieme percorrono il viale dei ricordi, pensando a quando tutti e due lavoravano per una ricca famiglia: i Rissi. Lei accudiva con amore e dedizione il loro figlio Daniele detto Lele, lui doveva assicurare loro una certa incolumità. Per lui era il suo primo incarico da investigatore privato, dopo aver trascorso un periodo molto difficile. Negli anni ’70 ad una manifestazione era stato, infatti, arrestato per avere con sé una pistola, accusato di compiere atti di terrorismo, era stato in prigione per cinque lunghi anni. Poi un avvocato era riuscito a dimostrare la sua innocenza, e lui era stato scarcerato. Ora questo incarico dovrebbe risolvergli una situazione ardua, ma ben presto si rende conto delle tante, troppe incognite che gravano su di loro. Per primo il padrone di casa, Silvano Rissi:
“Un manager di punta delle partecipazioni statali, sponsorizzato dai socialisti ma con solidi ancoraggi nei corridoi vaticani. Un tecnico che i media chiamavano “Ingegnere” e che si era fatto strada procacciando laute commesse ai settori dell’elettronica e della telematica legati all’industria di guerra. Cinquantenne sempre abbronzato, sportivo e fascinoso, aveva fatto parlare di sé anche per la burrascosa relazione con la moglie, una ex attrice, più giovane di vent’anni che gli aveva dato un figlio.”.
Poi quello yacht ancorato davanti alla villa, che pare spiarli in continuazione:
“Lo yacht si chiama Louisiana e batte bandiera delle isole Cayman. L’equipaggio non è numeroso. “.
E poi la moglie di Silvano, Adriana, dedita ad un largo consumo di cocaina, attrice mancata. Un personaggio ambiguo, difficile da gestire e da contenere:
“Adriana era una donna abituata a sentirsi invidiata per la sua bellezza, di cui non le importava niente. Nessuno la amava per lei stessa.”.
Ben presto gli eventi non potranno che precipitare, mettendo in luce:
“loschi traffici di un’Italia che, dietro le luci sfavillanti del benessere economico, svela al mondo il suo animo corrotto e criminale.”.
Un libro intrigante e ricco di fascino, sull’onda di ricordi che:
“sono come il vino che decanta dentro la bottiglia: rimangono limpidi e il torbido resta sul fondo. Non bisogna agitarla la bottiglia.” (Mario Rigoni Stern).
Un ottimo noir, che penetra a fondo nella psicologia e nell’intimo dei personaggi, svelando le loro debolezze, le loro sofferenze, i loro dubbi, le loro intimità. Un intreccio ben costruito per un personaggio, Bacci Pagano, molto amato dai lettori, protagonista di ben dieci libri di Bruno Morchio. Lettura che si divora in un attimo con voluttà ed interesse.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il re di denari
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultima volta che ti ho vista
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
Il tunnel
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Vuoto per i bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Da molto lontano
Valutazione Utenti
 
4.8 (3)
La resa dei conti
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lazarus
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vergogna
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Middle England
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Storia di una balena bianca raccontata da lei stessa
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Nel muro
Valutazione Redazione QLibri
 
1.8
Valutazione Utenti
 
1.0 (1)
Donne che non perdonano
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
2.8 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri