Narrativa italiana Romanzi Biglietto, signorina
 

Biglietto, signorina Biglietto, signorina

Biglietto, signorina

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Alla stazione ferroviaria di Varenna c’è trambusto. Il capotreno Ermete Licuti è sceso dal convoglio scortando una passeggera pizzicata senza biglietto. E senza un quattrino per pagare la multa. Ligio alle norme, il capotreno non sente ragioni e consegna la ragazza al capostazione, Amilcare Mezzanotti. E così adesso il povero capostazione si trova lì, nel suo ufficetto, con davanti Marta Bisovich. Bella, scura di carnagione, capelli corvini, dentatura perfetta, origini forse triestine, esotica e selvatica da togliere il fiato. Le basterebbe trovare un posto dove poter ricominciare a vivere, e questo è il motivo per cui ha deciso di puntare le sue ultime chance sulla ruota di Bellano, dove certe conoscenze non sono nelle condizioni di negarle l’aiuto di cui ha bisogno.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.5  (2)
Contenuto 
 
3.5  (2)
Piacevolezza 
 
3.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Biglietto, signorina 2016-05-08 13:18:05 sonia fascendini
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
sonia fascendini Opinione inserita da sonia fascendini    08 Mag, 2016
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il treno porta guai

Questa volta a scendere alla piccola stazione di Varenna è una straniera. Giovane, appetitosa, e con poca conoscenza dell'italiano, forse spaurita o forse solo furba. Colta senza biglietto viene affidata al capotreno e da qui ad intrufolarsi nella vita e nei pensieri dei bellanesi il passo è breve. in poco tempo riesce a turbare il sonno di non pochi seri uomini capofamiglia, entra nella casa e nel letto del droghiere, si svela essere imparentata con personaggi tutt'altro che raccomandabili. Diffatti a mancarle è solo il biglietto, non certo le idee chiare o i mezzi per perseguire i suoi scopi.
Il contorno di questo romanzo è quello classico di Andrea Vitali. Una vita di provincia infarcita di pettegolezzi, personaggi bizzarri, piccoli imbrogli. In questo volume però c'è un tentativo di infiltrazione criminale, assassini ed indagini di polizia. Tutto questo passa però, quasi in secondo piano rispetto al mondo fantasioso che si è inventato Vitali.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
Biglietto, signorina 2014-12-28 17:34:51 cesare giardini
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
cesare giardini Opinione inserita da cesare giardini    28 Dicembre, 2014
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Dall'Albania arriva a Bellano una tipa tosta

La vita a Bellano scorre abbastanza tranquilla : pochi eventi la turbano, battibecchi di paese, pettegolezzi tra comari, rancori personali. il tutto sotto l’attento controllo della stazione dei carabinieri e la supervisione paterna del prevosto di turno, coadiuvato da acide e scafate perpetue.
Nel giugtno del ’49, però, accade qualcosa : arriva a Bellano, via Milano-Varenna, una nuova tipa, tale Marta Bisovich; è in cerca di qualcuno e, sprovvista di biglietto ferroviario, viene affidata ai regi carabinieri. Inizia così il nuovo romanzo di Vitali (rifacimento di un vecchio racconto del 2001) : l’intrusa arriva dall’Albania, ha alle spalle un passato burrascoso, e, naturalmente, turba, e di molto, l’ordinato tran tran della vita paesana. Rende insonni le notti del viscido vicesindaco, trafficone politico che ambisce a cariche più alte, vivacizza l’operato , al solito monotono, di prevosto e carabinieri, si insinua nella vita di uno sfortunato droghiere del posto, tenta di infiltrare nella paciosa Bellano i loschi affari di una banda di malfattori. Ci scappa pure un morto impiccato e, addirittura, un omicidio per avvelenamento da arsenico. Il romanzo, che sottende vaghi riferimenti al noir francese, esce un po’ dalla consueta struttura narrativa di Vitali, pur mettendo nella solita giostra (a proposito, entra in gioco anche un manesco giostraio) i consueti personaggi di paese, con le loro piccole manie, i loro intrallazzi e le loro ambizioni di potere. Il tutto risulta però come già visto e digerito : Vitali ha certamente un suo seguito, numeroso e plaudente, ma una sterzata sul più spiccatamente popolaresco (vedi la scrittura dialettale) potrebbe, a parer mio, giovargli.



Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Gli altri romanzi di Andrea Vitali
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'uomo dello specchio
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Donne dell'anima mia
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La donna degli alberi
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La donna da mangiare
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il libro della polvere. Il regno segreto
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La biblioteca di mezzanotte
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
L'appello
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Buonvino e il caso del bambino scomparso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
V2
V2
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Amo la mia vita
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Gli ultimi giorni di quiete
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Dimmi che non può finire
Valutazione Utenti
 
4.9 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri