Narrativa italiana Romanzi Di ferro e d'acciaio
 

Di ferro e d'acciaio Di ferro e d'acciaio

Di ferro e d'acciaio

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


L'operatrice h478 ha l'incarico di sorvegliare il soggetto-23.017, una donna vestita di nero che si aggira per la Città in cerca del figlio, scomparso in circostanze a lei ignote. L'operatrice sa che il ragazzo è in carcere per attività sovversive, e segue su un monitor questa madre incredula aggirarsi instancabile nonostante divieti, barriere e continui dinieghi. Piano piano, la forza di quell'amore materno smuove qualcosa nell'animo dell'operatrice, così come le parole del ragazzo hanno scosso l'animo indifferente di altre donne, che in coro raccontano questa storia ambientata in un passato prossimo venturo, dove i nomi sono stati eliminati e le parole chirurgicamente rimosse per cancellare memoria, speranza e passione.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuto 
 
3.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Di ferro e d'acciaio 2018-07-10 06:57:35 Mario Inisi
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Mario Inisi Opinione inserita da Mario Inisi    10 Luglio, 2018
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Le vite degli altri

Di ferro e di acciaio è un romanzo sulla Passione. L’idea dell’editore con la sua collana Croce Via è di sviscerare l'eco sul mondo di oggi di parole (come la parola passione) legate tradizionalmente alla Passione di Cristo, avvenimento storico che è parte della nostra cultura indipendentemente dalla nostra adesione alla religione cattolica. Alla Pariani è affidata la parola passione e lei svolge il compito riscrivendo la Passione traslandola nel tempo. I personaggi Jesus e Maria N sono Gesù e Maria, spostati nel futuro, in una società Orwelliana, con una ambientazione che a me ha ricordato tantissimo un film eccezionale: Le vite degli altri. Il film è consigliato a tutti, un capolavoro. L’idea della donna che intercetta le conversazione e spia una persona fino a farsi coinvolgere da quella persona è avvincente. Nel film questo aspetto è reso con efficacia indimenticabile.
Nel romanzo una donna, l’operatrice Lusine, spia Maria che è alla ricerca di suo Figlio Jesus rapito dalla polizia e accusato di idee sediziose, in una società che ricorda quella sovietica di altri tempi, ma spostata nel futuro.
Il romanzo riscrive alcune parti della vita di Gesù innestandolo in questo mondo fatto di regole rigide, controllo e con poche aperture. La prima metà del libro spicca più per l’uso del linguaggio che per la storia. La narrazione si appoggia molto sulla lingua originale dell’autrice più che sulla trama in sè. La Pariani usa un linguaggio suggestivo fatto di termini obsoleti/dialettali/milanesi. Si capisce che lei si diverte a inventare la lingua molto più che a scrivere la storia. Però questa modalità di scrittura può risultare stancante e invasiva se non è a servizio del testo ma cerca il primo piano. Secondo me lo stile deve rendere più espressivo il contenuto senza comprimerlo e soffocarlo. Comunque l’attenzione al linguaggio nella seconda parte del testo è molto più leggera. Quanto ai personaggi, Jesus richiama molto Gesù volutamente. E questo non sarebbe un problema, anzi. Così come Maria N richiama Maria. Però proprio per questo i personaggi hanno un termine di paragone importante e le cose che dicono avrebbero dovuto essere molto più curate. Un Jesus che scrive un diario in cui parla come Cohelo non funziona. In fondo sarebbe bastato rileggersi un Vangelo e riprendere qualche frase detta dal Gesù storico trasponendola e rivitalizzandola con un uso sapiente della lingua, cosa in cui la Pariani è bravissima. Nei dialoghi e nelle pagine di diario l’attenzione alla lingua e qualche milanesismo ci sarebbe stato bene. Il personaggio risulta abbastanza sbiadito invece, anche per le cose che dice con spiacevoli sdolcinature. L’impressione è che l’autrice si appassioni alla sua storia solo alla fine. Le ultime 8 pagine sono bellissime, direi perfette. Il resto secondo me andava riscritto dopo aver trovato il passo del racconto in quelle bellissime pagine. Comunque io sono dell’idea che se un romanzo ha dieci pagine davvero belle vale la pena di leggerlo anche solo per quelle.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
150
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il settimo peccato
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
A bocce ferme
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sbirre
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Le sorelle Donguri
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il purgatorio dell'angelo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Ogni respiro
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ospite
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ogni coincidenza ha un'anima
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Del resto e di me stesso
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Hippie
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I soldi sono tutto
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il basilico di Palazzo Galletti
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri