Famiglia Famiglia

Famiglia

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Famiglia e Borghesia sono i due capitoli che compongono questo libro della Ginzburg scritto nel 1977, ora riproposto in una nuova edizione. Due storie di smarrimento e di crisi familiare in cui i personaggi che annodano e dipanano i loro destini sembrano trascinati da una casualità capricciosa che inventa incontri sorprendenti, amicizie scontrose, fragili amori, tenaci avversioni. Come avviene nelle sue pagine migliori, Natalia Ginzburg segue gli arabeschi di queste esistenze incrinate con uno stile distillato, in un sommesso ma implacabile controcanto che reinventa la musica banale e terribile della vita.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Famiglia 2016-02-17 10:03:51 lapis
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
lapis Opinione inserita da lapis    17 Febbraio, 2016
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Dissoluzione della famiglia borghese

Datati 1977, i due racconti che compongono questo libro, Famiglia e Borghesia, sono in qualche modo uniti da una coerenza tematica e dalla medesima modalità, sottile e impalpabile, di rappresentare la vita per come è.

Fin dalle prime pagine ci rendiamo conto di essere immersi in una narrazione frammentaria, che si compone di accadimenti modesti e discontinui, registrati quasi con oggettività, e di dettagli sparsi e apparentemente banali, un cappotto malridotto, una frangia nera, una brutta lampada di carta. Piccoli gesti e particolari che vanno a comporre un vissuto grigio e vagamente desolante, di strani affetti, ostinate avversioni e ordinarie consuetudini. Non c'è nemmeno una vera e propria dimensione psicologica: i rapporti umani non sono analizzati, i sentimenti non vengono confessati e non sono mai rivelate le reali motivazioni di certe azioni. Tutta la storia si fonda sulle relazioni tra i personaggi che però sembrano interagire mossi non dalla propria forza di volontà ma da qualcosa di simile all'inerzia, che li trascina in un mondo di ipocrisia, rassegnazione e infelicità.

Eppure proprio da questa miseria fatta di piccoli frammenti quotidiani emerge con forza il disgregarsi della famiglia borghese italiana, lo sfacelo dei legami tradizionali e l’incapacità di affrontare i sentimenti che caratterizza un’intera generazione. Questa scrittura apparentemente impersonale, che si avvolge su un intreccio quasi inconsistente, nasconde in verità una vena quanto mai accorata e critica: tolta la famiglia, quel che rimane sotto gli occhi è solo la vita che si rivela nella sua malinconica inutilità. E non c'è alternativa o riscatto, su tutto incombe lo spettro della morte, distratta e irrisolta, che sigla la sua resa.

E noi lettori non possiamo fare altro che lasciarci trasportare da questa narrazione povera e disordinata, che sembra a tratti priva di un filo conduttore e di un messaggio. Forse perché per apprezzare questo testo non ci è richiesto di capire e interpretare ma solo di osservare, senza giudicare, la realtà, facendoci permeare dalla nostalgia e dalla lievità di queste pagine, e riflettere sui momenti di felicità o quantomeno di serenità della vita, che appaiono tali solo quando sono passati e non rimane che “un mucchietto di impressioni minime, struggenti ma leggere”.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
200
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

In tua assenza
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La banda dei colpevoli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La mappa nera
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La quarta profezia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita paga il sabato
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (2)
Obscuritas
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli avversari
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Le sorelle Lacroix
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultimo figlio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Questo post è stato rimosso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
I killeri non vanno in pensione
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Voci in fuga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Domani e per sempre
Nova
Sonetaula
L'alba sepolta
Caffè corretto
L'appartamento del silenzio
Lingua madre
Per sempre, altrove
Il Duca
Cara pace
L'assemblea degli animali
Le madri non dormono mai
Sono mancato all'affetto dei miei cari
Divorzio di velluto
Cinquecento catenelle d'oro
Ritratto di donna