Narrativa italiana Romanzi Il cieco di Ortakos
 

Il cieco di Ortakos Il cieco di Ortakos

Il cieco di Ortakos

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

È la storia di un uomo che nasce cieco e ritrova la vista solo un mese prima di morire, per assistere al finale della sua esistenza e raccontarsi. Damianu Isperanzosu è il cieco del paese barbaricino di Ortakos. Un'infanzia e un'adolescenza dure e segnate dalla menomazione, ma poi la sua vita diventerà un'esperienza di riscatto e quasi di sogno. L'amore di una donna, il desiderio di un figlio esaudito quando non sembrava più possibile: la durezza del mondo di Niffoi si apre a una tonalità dolce e quasi fiabesca.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il cieco di Ortakos 2020-05-27 15:29:35 archeomari
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
archeomari Opinione inserita da archeomari    27 Mag, 2020
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Nessuno ama la vita quanto non vedente che la odi

Questo libro contiene due racconti, uno più lungo che gli dà il titolo ed uno molto breve, “Pasodoble”. Entrambi uniti dall’ambientazione - Ortakos, Barbagia, in Sardegna- e dalla condizione di cecità che accomuna i protagonisti, uno cieco dalla nascita e l’altro che perde la vista da adulto.
Salvatore Niffoi ha pubblicato numerosi romanzi presso Adelphi, Feltrinelli, Giunti, tradotti in numerose lingue e ha vinto il Campiello nel 2006 con “La vedova scalza”.
La sua scrittura è un fluire musicale di italiano e sardo (citando anche versi di poeti sardi), ricca di onomatopee come se lo scrittore volesse suggerire suoni, voci della sua terra, una Barbagia ancestrale dove si impara presto che i dolori non guardano in faccia a nessuno e colpiscono ricchi e poveri in uguale misura.
I due racconti sono entrambi in prima persona, tranne l’ultimo paragrafo de “Il cieco di Ortakos”, dove la parola passa ad un altro personaggio che non vi rivelo.

“Il mio nome è Damianu, Damianu Isperanzosu, su mastru tzecu de Ortakos (...) Vi racconterò tutto della mia vita, senza tralasciare niente. E se sarò bravo, forse riuscirò a farvela sentire e vedere, sì, vedere, proprio io che l’ho vissuta chiuso dentro un bozzolo come una larva di cristiano”.
Suo padre è un ubriacone e un uomo violento con la giovane moglie e l’unico figlio che non ha mai accettato per via del suo handicap, mentre la mamma Paulina rimane l’unico punto di riferimento del povero Damianu. Per fortuna alcuni conoscenti gli permetteranno di studiare come professore a Bologna e di tornare ad Ortakos, riscattandosi e dimostrando che i veri ciechi sono quelli che non sanno vedere l’amore attorno e non quelli che materialmente non vedono con gli occhi. Anche la storia di Paolo detto Pasodoble insegna verità profonde, anche se la sua storia è simile ed opposta a quella di Damianu.

Storie affascinanti, profonde, mitiche come la terra di Barbagia, regione storica della Sardegna, dalla natura ancora selvaggia, dai colori e dai profumi inconfondibili.
NB.
Niffoi si diverte ad usare i nomi antichi dei luoghi, infatti troviamo Karalis anziché Cagliari e Ortakos ... e Ortakos chiedo a qualche QAmico sardo non sono riuscita ad identificare il nuovo toponimo barbaricino.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Altri libri di Niffoi
Trovi utile questa opinione? 
150
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il suo freddo pianto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tre gocce d'acqua
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il rogo della Repubblica
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'inverno dei Leoni. La saga dei Florio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Yoga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il grido della rosa
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una rosa sola
Valutazione Redazione QLibri
 
1.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I demoni di Berlino
Valutazione Utenti
 
4.8 (2)
L'uomo del bosco
Valutazione Utenti
 
2.8 (1)
Il vizio della solitudine
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri