Narrativa italiana Romanzi Il padre e lo straniero
 

Il padre e lo straniero Il padre e lo straniero

Il padre e lo straniero

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Diego, impiegato ministeriale, è padre di un bambino disabile. Nell'istituto dove suo figlio è seguito, incontra Walid, elegante mediorientale che porta lí il suo Yusuf. Tra i due padri nasce un'amicizia, un giuramento di lealtà reciproca. Walid non parla mai della sua vita, ma rivela a Diego una Roma sconosciuta e segreta, risvegliando in lui desideri sopiti di felicità. Finché non scompare. Al suo posto appare un agente dei servizi segreti, che è proprio sulle tracce di Walid. E Diego è una delle tracce.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
1.8
Stile 
 
2.0  (1)
Contenuto 
 
3.0  (1)
Piacevolezza 
 
1.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il padre e lo straniero 2014-01-29 11:24:20 MatteoADP10
Voto medio 
 
1.8
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
1.0
MatteoADP10 Opinione inserita da MatteoADP10    29 Gennaio, 2014
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Romanzo ... paternale

Cataldo è noto al grande pubblico per la fortunata serie de "Romanzo Criminale", che ha saputo raccontare, tramite gli occhi di uno scrittore attento, la storia di una delle famigerate bande criminali italiane degli anni addietro. Uno dei suoi (tanti) lavori è questo romanzo che lessi per un compito scolastico e che riuscii ad interpretare talmente bene che la mia prof rimase impallidita(era una vera bastarda, ragazzi, non si aspettava questo exploit). Senza divagare, ecco la trama in due parole:

Diego e Walid sono uomini, sono sposati, ma appartengono a due culture diverse. Hanno però un'altra cosa che li lega: entrambi i loro figli sono affetti da una disabilità spiacevole. I due approcci alla figura genitoriale dei due sono però completamente opposti: Diego è frustrato, incamerato in una vita che non voleva; Walid, da buon orientale, apprezza ciò che di buono la vita gli dà e cerca di trovare un senso positivo ad ogni cosa. L'amicizia che nascerà fra i due sarà forte e intensa, tanto da indurre Diego ad una vera metamorfosi.

Il libro è stato, per me, anzitutto un lavoro scolastico, dunque ero partito con un pregiudizio stupido. Negli anni precedenti avevo letto De Carlo e mi si erano addormentati gli arti dalla noia: De Cataldo è diverso, ma si mantiene fedele al ritornello degli scrittori italiani che narrano in maniera un po' pesante, attaccandosi troppo al personaggio principale e non riuscendo ad avere una visione di insieme totale, caratteristica invece degli scrittori statunitensi. Il padre è lo straniero è un libro problematico, affetto da temi multipli che scattano dalle differenze etniche fino ad arrivare alle disabilità dei bambini. Ovviamente non può essere considerato un libro leggero. Non è stato concepito come tale.

Penso che lo stile sia abbastanza discreto, ma non mi ha lasciato molto a livello di insegnamento. Credo che ci troviamo di fronte ad un romanzo dal contenuto importante, ma dalla piacevolezza ridotta(anche se è abbastanza gradevole la fine, seppur troppo cinematografica rispetto al resto della vicenda narrata). De Cataldo dà vita ad una buona opera, ma a mio avviso troppo paternalista, che a tratti, per chi nella lettura ha poca pazienza, può portare ad una condizione psicologica estenuante(molti miei compagni di classe lessero le prime venti pagine, poi lo lanciarono contro il muro). Dunque: è un romanzo che può piacere per le sue caratteristiche? Assolutamente sì. Contrariamente, è un romanzo che incontra i consensi della maggior parte dei lettori? A mio avviso no, è un libro prevalentemente per adulti, dal taglio serio, non certo per dei diciottenni, che seppur già abbastanza maturi per comprenderne appieno i temi, non possono costituire persone in grado di crogiolarsi nei temi, seppur possano rifletterci su.

Lo consiglio a chi vuole leggere una storia seria, un qualcosa dal contenuto morale elevato. Dimenticatelo se volete rilassarvi.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Trovi utile questa opinione? 
40
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Come amare una figlia
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il castello di Barbablù
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Delitti a Fleat House
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un volo per Sara
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Il caso Alaska Sanders
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Senza dirci addio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Run, Rose, Run. La stella di Nashville
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il vivo mare dei sogni a occhi aperti
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La casa di marzapane
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una stella senza luce
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Che razza di libro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le madri non dormono mai
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.5 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Caffè corretto
L'appartamento del silenzio
Lingua madre
Per sempre, altrove
Cara pace
L'assemblea degli animali
Le madri non dormono mai
Sono mancato all'affetto dei miei cari
Divorzio di velluto
Cinquecento catenelle d'oro
Le mogli hanno sempre ragione
Ellissi
Nonostante tutte
La meccanica del divano
Conservatorio di Santa Teresa
Beati gli inquieti