Narrativa italiana Romanzi Il sogno di una cosa
 

Il sogno di una cosa Il sogno di una cosa

Il sogno di una cosa

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Concepito e scritto nel 1948 e 1949, cioè prima di Ragazzi di vita e di Una vita violenta, Il sogno di una cosa viene pubblicato solo nel 1962. Così si trova a essere, al tempo stesso, romanzo d'esordio e di conclusione, cartone preparatorio di una stagione narrativa e ripensamento finale sulla validità di quell'esperimento. Tre ragazzi friulani alla soglia dei vent'anni vivono la loro breve giovinezza e affrontano il mondo: la miseria delle origini, la fuga in Jugoslavia, le lotte contadine, l'emigrazione..., ma anche l'amicizia, l'amore, la solidarietà. Si comincia con l'ebbrezza di una festa, si finisce con la tristezza di una morte: «la meglio gioventù» è già conclusa.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0  (2)
Contenuto 
 
5.0  (2)
Piacevolezza 
 
4.5  (2)
 
Il sogno di una cosa 2016-05-10 01:40:57 Bruno Elpis
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Bruno Elpis Opinione inserita da Bruno Elpis    10 Mag, 2016
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Gioventù dell’altra riva del Tagliamento

I sogni del dopoguerra e un Friuli georgico impregnano le atmosfere de “Il sogno di una cosa” di Pier Paolo Pasolini.

Nella prima parte (1948) prevale la storia collettiva di tre giovani (“Da Ligugnana, Rosa e San Giovanni, che erano i loro paesi, senza sapere l’uno dell’altro, Nini Infant, Milio Bortolus e Eligio Pereisson…”) che emigrano – chi in Jugoslavia (“Così si spinsero lungo la spiaggia, a cercare un posto dove fare il bagno senza pagare”), chi in Svizzera (“Siamo arrivati in Svizzera di notte”) – alla ricerca di un benessere più illusorio che reale (“Io ero ormai annoiato di Anna Marì”).

Nella seconda parte (1949) affiorano le vicende individuali dei protagonisti sullo sfondo delle sommosse popolari (“I dimostranti cominciarono a dilagare in lunghe e disordinate colonne”) orchestrate dalle sezioni del partito (“Erano tutti in piazza, intorno al palazzetto dei conti Spilimbergo… che erano un osso duro”). In questo contesto sboccia l’amore acerbo e infelice di Cecilia (“Come un angioletto, con quelle due treccione che le incorniciavano la faccia da pecorella”) per Nini.

Neorealismo letterario, nostalgia per la terra friulana, interesse per gli entusiasmi giovanili e ideali socio-politici si fondono in un assolo armonioso, non esente da inflessioni poetiche (“Subito dietro cominciavano i magredi del Tagliamento e, ancora più dietro, il vuoto del greto del fiume, grande come un lago, contro le ombre delle montagne”).

Giudizio finale: pre-eretico e pre-corsaro, corale, bucolico.

Bruno Elpis

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Ragazzi di vita
Trovi utile questa opinione? 
220
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il sogno di una cosa 2014-06-03 07:55:23 Stefanocarrera
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Stefanocarrera Opinione inserita da Stefanocarrera    03 Giugno, 2014
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Uno splendido viaggio tra le nostre radici.

Scritto nei primi anni della carriera artistica dell'intellettuale italiano Pier Paolo Pasolini, e pubblicato solo in un secondo momento, sul finire della sua vita narrativa, "Il Sogno di una Cosa" propone alcuni dei temi fondamentali della poetica dell'autore nato a Bologna.
Storia di terre friulane all'indomani del secondo conflitto mondiale, il romanzo narra dell'amicizia fra tre giovani provenienti da paesi vicini, tra sagre di paese, sbornie, povertà e fame, dove la campagna nord-italica copre un ruolo principe, con i suoi colori, i suoi ritmi, i suoi valori.
I personaggi, concreti al punto da spingere a vere lacrime e veri sorrisi, si muovono nell'eterna ciclicità delle stagioni, tra ingenuità, dolcezza e genuina voglia di stare insieme, dipingendo il quadro di un vivere ormai perduto, basato su un sentimento di comunità oggi dimenticato.
Ed è così che nella sincera crudezza della vita contadina, la splendida prosa pasoliniana da forma a vicende semplici che parlano della vita di molti, tra sogni giovanili e amicizie cementate nel vino, utopie socialiste e galera, lacrime amare e sorrisi guasconi, amore sognato e amore consumato, malattia letale e indomita speranza.
Il lettore, soprattutto il giovane, viene posto d'innanzi ad un'obbligatoria analisi di coscienza e ad un involontario e struggente confronto, dal quale questo non può non uscire arricchito di un sapere e di un sentire ormai perduti, che si applicano alle speranze immemori dell'età più dolce, oggi come ieri.

Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La casa delle luci
Valutazione Utenti
 
2.5 (1)
Bournville
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Brave ragazze, cattivo sangue
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Angélique
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita in tasca
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Tasmania
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il lungo addio
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Un cuore nero inchiostro
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Oblio e perdono
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Respira
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una piccola pace
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Il male che gli uomini fanno
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Sarò breve
La vita in tasca
Tasmania
Erosione
La città e la casa
Sangue di Giuda
La sottile differenza
Cosa è mai una firmetta
L'altra linea della vita
Avere tutto
La cosa buffa
Le perfezioni
Domani e per sempre
In tua assenza
Nova
Sonetaula