Narrativa italiana Romanzi La meccanica del divano
 

La meccanica del divano La meccanica del divano

La meccanica del divano

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Tra gli anni sessanta e gli anni venti del secolo in corso, la classe operaia italiana si è via via accomodata sui divani fabbricati da Natalino Manucci. È lui l’uomo nuovo, è lui il boss dei divani. È partito dal basso, dalla modesta bottega di un tappezziere pugliese e adesso è uno degli imprenditori più ricchi al mondo nel settore arredamento. Ad aiutarlo nel suo sogno americano Made in Puglia sono intervenuti il miracolo economico e i numi tutelari del Capitale: i prototipisti del settore e un coro di amministratori delegati di holding sparse in tutto il globo. L’invidia se li mangia sani sani a Nuccio e Michele, due giovani operai che negli anni ottanta decidono di diventare come lui. I loro strumenti? Obbedienza prona alle leggi del Capo, sfruttamento di manodopera cinese e un’inesauribile voglia di sesso. Con uno stile unico, comico e provocatorio, che impasta dialetto pugliese, gergo aziendale e linguaggio dei social, Francesco Dezio torna alla letteratura postindustriale con la prima rappresentazione tragica del lavoro.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuto 
 
5.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
 
La meccanica del divano 2022-03-20 20:08:01 Mian88
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
3.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    20 Marzo, 2022
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il totemico divano

Ci sono autori che da sempre hanno tematiche a loro care. Francesco Dezio è uno di questi e lo dimostra il fatto che da sempre con i suoi lavori ha scosso e portato a riflettere sul mondo del lavoro. Questo è un tema che non manca di essere affrontato nemmeno nell’opera “Nicola Rubino è entrato in fabbrica”. Questa volta, però, Dezio costruisce il suo lavoro come un’antica tragedia greca all’interno della quale viene a essere tratteggiato un romanzo corale fatto uomini che alternano successi ad altrettante rovinose cadute. A far da protagonista è poi il mercato. Sì, il mercato. Perché? Perché partendo dalla descrizione del boom degli anni ’60 si arriva a trattare la crisi degli anni Duemila e da qui sopraggiunge il nostro presente fatto di altrettante digressioni e disillusioni. Il mercato, nello specifico, è governato da una serie di meccanismi e polifonie in cui i soggetti finiscono con l’incedere credendo di esserne anche autori e determinatori. Che si tratti di CEO, influencer o vip di turno.
Uno scenario progressista e in movimento che si contrappone a una realtà statica del passato, a un mondo che talvolta sembra schiavo dei propri meccanismi ma che non migliora nella dimensione attuale in quanto è questo stesso che non riesce a stare al suo passo. Il cambiamento è così rapido da sfuggire al suo stesso autore.
Ecco che ci troviamo in Puglia, in un paesino chiamato Infernominore, località amena teatro e scenario delle vicende in cui Natalino Manucci, partito come tappezziere si risveglia con una Holding quotata in borsa a New York e la pia illusione di un sogno di ricchezza abbordabile a tutti. Un sogno di ricchezza che fa gola ai suoi ex operai che convinti dall’ipotesi di un guadagno facile e un successo assicurato si buttano nella dimensione imprenditoriale. E poco importa se per raggiungere i propri obiettivi sia o meno necessario sfruttare il prossimo, rendere schiavo il proprio dipendente.
Un sogno di ricchezza che diventa utopia per Nuccio Forleo e Michele Persico, ma c’è davvero possibilità per tutti o forse dietro lo scenario rappresentato si cela invece una maschera in cui il sistema fagocita e inghiotte sacrificando il pesce piccolo ma non lo squalo di turno?
A far da sfondo il mondo operaio, una dimensione non identitaria ma nemmeno collettiva perché le nuove dinamiche e i nuovi scenari hanno portato a una frammentazione e alla perdita di capacità contrattuale e contrattazionale.
Cambia il mondo e con questo mutare muta anche la dimensione del lavoratore che oggi è preda di una dimensione ipocrita di benessere diffuso e alla portata, ipotetica nel concreto ma non nell’affermato, del tutti. Mera illusione, utopia. Utopia, ancora, che si infrange e lascia disillusi e amareggiati. Senza conforto o possibilità di riscatto. In una realtà di mera corruzione. Tu lavoratore osi lamentarti? E che problema è, esiste la delocalizzazione. Paesi lontani a costi inferiori di manodopera ma anche di costi delle materie prime.
Una panoramica completa quella proposta ne “La meccanica del divano” dove non mancano nemmeno analisi economiche, riflessioni, evoluzioni, impostazioni neoliberiste, realtà sindacale e il suo indebolimento ma anche know-how. Il divano, quindi, diventa simbolo e riprova di una dimensione borghese e totemica, un simbolo che è oggetto di comodità e risultato di una narrazione nichilista.

«Magari un’altra volta. Volevamo qualcosa di diverso, che attizzasse il pubblico. Quella roba non fa più notizia. Comunque ha ragione, per noi rappresenta un punto di svolta. Da lei – non foss’altro che per aggiornare le notizie che riguardano il profilo aziendale – attendevamo invece indicazioni sul suo successore. Tutta la stampa si interroga. Sarà maschio o femmina?» p. 170

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La casa delle luci
Valutazione Utenti
 
2.5 (1)
Bournville
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il ragazzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Brave ragazze, cattivo sangue
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Angélique
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita in tasca
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Tasmania
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il lungo addio
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Un cuore nero inchiostro
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Oblio e perdono
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Respira
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una piccola pace
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Sarò breve
La vita in tasca
Tasmania
La via del miele
Erosione
La città e la casa
Sangue di Giuda
La sottile differenza
Cosa è mai una firmetta
L'altra linea della vita
Ufo 78
Avere tutto
La cosa buffa
Le perfezioni
Domani e per sempre
In tua assenza