Narrativa italiana Romanzi La passeggiata
 

La passeggiata La passeggiata

La passeggiata

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


E' mattina presto. C'è una spiaggia deserta e c'è il mare. Lo sfondo è magico, irreale, e ancora più magico l'incontro che avviene su quella spiaggia: un figlio e il padre morto che, per un'ultima volta, parla al ragazzo e ascolta le sue parole. Padre e figlio si dicono, finalmente, quello che non c'è mai stato tempo di dire, quello che è stato rimandato per fretta, distrazione, timidezza. Il racconto di un sogno bellissimo, di un desiderio impossibile realizzato come per sortilegio. Un libro che parla al cuore degli adolescenti e degli adulti, dei genitori e dei figli.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 3

Voto medio 
 
2.5
Stile 
 
2.3  (3)
Contenuto 
 
3.0  (3)
Piacevolezza 
 
2.3  (3)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La passeggiata 2015-01-23 10:55:09 marika_pasqualini
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
3.0
marika_pasqualini Opinione inserita da marika_pasqualini    23 Gennaio, 2015
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La passeggiata

Credo di poter paragonare questo libretto di circa 100 pagine ad una poesia. Non è romanzo e nemmeno racconto. è una poesia per il padre, per dirgli quanto gli manca, quanti gesti insignificanti eppure importanti hanno fatto in modo di creare un legame indissolubile ed eterno. La passeggiata è immaginaria, certo, ma quello che porta nel cuore è vero e assoluto. Amore. Amore per i nostri famigliari, quelli stretti, quelli che si meritano tutta la nostra vita, le nostre lacrime e le nostre gioie, che non ci sono più ma che vivono accanto a noi in ogni momento della giornata. e li possiamo sentire. Loro si fanno sentire. Queste poche righe lette in poco meno di un'ora fanno venir voglia di alzare quell'aggeggio tante volte inutile per chiamare mamma o papà, dirgli che gli vogliamo bene e se possiamo passare da casa loro per un abbraccio. Quante lacrime si versano poi, quando loro non ci saranno più.
è un libro molto semplice, ma che arriva dritto dove deve arrivare, giù nel profondo degli affetti più stretti. non sarà scritto in chissà quale stile, ma a parer mio, questo libro è stato pubblicato per voglia, non per fare successo...

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
a chi ha perduto qualcuno...
Trovi utile questa opinione? 
50
Segnala questa recensione ad un moderatore

La passeggiata 2007-11-27 17:12:30 Luca
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Opinione inserita da Luca    27 Novembre, 2007

Discreto

Quello di krakert mi sembra un giudizio troppo critico. Certo, non si tratta di un capolavoro della letterattura e io stesso non ne sono rimasto entusiasta (l'ho letto perchè mi è stato prestato e perchè si finisce in 50 minuti), ma... chi compra un libro di Moccia sa quello che di deve aspettare...

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
La passeggiata 2007-11-25 16:49:17 krakert
Voto medio 
 
1.3
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
1.0
Piacevolezza 
 
1.0
krakert Opinione inserita da krakert    25 Novembre, 2007
  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il peggio della letteratura

Ecco un ottimo esempio di come la letteratura diventi orrore quando segue solamente le logiche commerciali. Classico caso di un autore che ha venduto tanto e che quindi viene invitato a scrivere qualsiasi porcheria perchè comunque si venderà. Un racconto imbarazzante, pieno di luoghi comuni, adatto a pubblico di Maria de Filippi.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Fine
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
L'inverno più nero
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli estivi
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I baffi
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il vento selvaggio che passa
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I segreti del professore
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Tutto chiede salvezza
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il regno delle ombre
Valutazione Redazione QLibri
 
1.8
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Il signor Cardinaud
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Insegnami la tempesta
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Desiderio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La notte della svastica
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri