Narrativa italiana Romanzi Le ambizioni sbagliate
 

Le ambizioni sbagliate Le ambizioni sbagliate

Le ambizioni sbagliate

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

"Le ambizioni sbagliate", secondo romanzo di Moravia, riassume in sé le tematiche caratteristiche di tutta l'opera successiva dello scrittore romano: da un lato la ricca borghesia di Roma, dall'altro figure contrassegnate da atonia morale, snobismo, bassa avidità di denaro, piatta sensualità.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuto 
 
5.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Le ambizioni sbagliate 2013-03-24 13:54:12 Rosaliaa
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
3.0
Rosaliaa Opinione inserita da Rosaliaa    24 Marzo, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il lavoro spaventoso

Moravia non è mai stato molto clemente con questo romanzo, definendolo un “lavoro spaventoso” di oltre cinque anni, un pensum di contenuto dostoevskiano con la scrittura manzoniana. Di questo turbine di parole salva solo Andreina, che per lo meno le è servita per liberarsi de Gli indifferenti, prima di arrivare ad Agostino.
Questo romanzo, che definirei un enorme testo di teatro, è fitto fitto di dialoghi, stanze buie, poche uscite all’aria aperta e solo in tassì; è un esemplare unico nella narrativa dello scrittore, in cui non c’è il solito personaggio primadonna, ma tanti umani sfaccettati e verissimi, in cui i protagonisti non ragionano troppo ma vivono secondo la propria coscienza, e in cui c’è una donna, Andreina, costruita con una tale empatia da rimanere impareggiabile anche fra le scrittrice femmine.
Moravia, che ha la penna leggera, qui si lascia andare a un po’ di pesantezza, alle frasi lunghe e alle descrizioni corpose, ma che si incastrano a meraviglia con il procedere di questo racconto un po’ giallo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Jane va a nord
Valutazione Utenti
 
2.8 (1)
Troppo freddo per Settembre
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Fu sera e fu mattina
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Croce del Sud
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Pimpernel. Una storia d'amore
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tokyo tutto l'anno
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
La vita è un romanzo
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)
Come foglie di tè
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Annette e la signora bionda e altri racconti
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il metodo del dottor Fonseca
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il dono di Antonia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Quello che manca
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri