Narrativa italiana Romanzi Le ripetizioni
 

Le ripetizioni Le ripetizioni

Le ripetizioni

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Mario è un uomo che inventa storie, modifica la realtà, non è interessato alla verità, né sulle cose né sulle persone. Mario sfugge, per indolenza, all'obbligo di capire che tutti ci lega e tutti ci frustra. Vuole sposare Viola ignorandone la doppia, forse tripla vita. Anni prima è stato lasciato da Bianca, subito prima che nascesse Agnese, che forse è sua figlia o forse no. Tuttavia, se Bianca, spuntando dal nulla dopo anni, chiede aiuto, Mario subito accorre, disponibile ad accollarsi la paternità. È succube di Santiago, un ragazzo dedito a pratiche sessuali estreme, e affida alle fotografie la coerenza e consistenza della propria vita. Se dei giorni della vita di Mario possiamo dire – quasi sempre è il 17 giugno –, degli spazi in cui Mario si muove non siamo certi. La ripetizione è l'unica realtà di Mario. Con una scrittura avvolgente, sensuale e che procede per variazioni capitolo dopo capitolo, pur conservando un incalzare ipnotico, Giulio Mozzi in questo suo romanzo guida il protagonista, e chi legge, attraverso avventure in parte reali e in parte – ma la cosa è sempre indecidibile – del tutto immaginarie, portandoli a sfiorare le vite strane e misteriose di personaggi senza nome – il Grande Artista Sconosciuto, il Terrorista Internazionale, il Martellatore di Monaci, il Capufficio – che Mario contempla come enigmi incomprensibili e rivelatori.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
2.5
Stile 
 
4.5  (2)
Contenuto 
 
3.5  (2)
Piacevolezza 
 
1.0  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Le ripetizioni 2021-09-16 07:19:37 Antonella76
Voto medio 
 
2.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
1.0
Antonella76 Opinione inserita da Antonella76    16 Settembre, 2021
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Disturbato e disturbante

Ma cosa ho letto?...
Questo libro è un buco nero che ti risucchia nel suo vortice di buio, violenza, perversione (reato), oscenità, ma anche di arte, poesia, letteratura, cultura...
È un libro disturbato e disturbante, eppure mi è piaciuto moltissimo.
Mi è piaciuto e mi ha disgustato.
E questa cosa mi fa stare male, mi fa sentire in qualche modo "sbagliata".

Giulio Mozzi ci ha messo 23 anni per scriverlo, e probabilmente per chiudere un cerchio.
Io pochi giorni per leggerlo e venirne fuori smarrita.
Le ultime due pagine, credetemi, sono la cosa più raccapricciante che io abbia mai letto.

È sempre un 17 Giugno, data che si ripete e che ci mostra Mario, il protagonista, in un determinato momento della sua vita, o forse dovremmo dire delle sue vite... perché ne ha tante, tutte separate l'una dall'altra.
C'è Mario che sta per sposare Viola (che, a sua volta, vive una doppia vita).
C'è Mario che sta con Bianca, dalla quale... forse...ha avuto una figlia, Agnese.
C'è Mario servo e schiavo di Santiago, uomo dalle sadiche ed estreme pratiche sessuali.
E ancora Mario amico di Gas (grande artista sconosciuto) con cui discetta di arte e letteratura, e Mario figlio amorevole che si prende cura dei genitori anziani.

Ma Mario è soprattutto un uomo passivo, che non compie nessuna scelta, che non si evolve col tempo, un uomo che rimane incastrato nella ripetizione dei giorni, del tempo che passa.
Un uomo privo di ricordi, e quei pochi che ha sono pure sbagliati.

Una scrittura pazzesca, un periodare lungo, pieno di dettagli, di proposizioni incisive in cui sembra di perdersi, ma che, alla fine, risulta quasi ipnotico.
La cosiddetta trama c'è, ma non è lineare, ci sono solo dei quadri, delle situazioni che non necessariamente si intrecciano con il resto, a volte lo fanno, a volte semplicemente stanno lì o si sovrappongono ad altre, lasciando comunque dei buchi che rimangono tali, dei vuoti che non saranno mai colmati.
Ma ci troviamo di fronte ad una frammentarietà che affascina.

È una lettura complessa, di cui io, probabilmente, non ho neanche compreso tutti i rimandi.
Ma ne ho percepito la grandezza.

È un romanzo brutale sul male dell'essere umano, che è costantemente intorno e dentro di noi (anche quando è solo immaginato).
Forse per questo è tanto indigesto e mette a disagio.

Mozzi è stato coraggioso a scriverlo, noi però ancora più coraggiosi a leggerlo, va detto.
Non sono sicura che lo Strega sia il posto più adatto per un libro così, ma è sicuramente un libro che merita attenzione.

(P.s. Il capitolo "La lettera" merita un plauso speciale... davvero bellissimo.)

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Consigliato a chi ha letto...
Solo per stomaci forti
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
Le ripetizioni 2021-08-28 16:27:40 silvia71
Voto medio 
 
2.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
1.0
silvia71 Opinione inserita da silvia71    28 Agosto, 2021
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Anime distopiche

Il diciassette giugno segna tanti momenti salienti della vita di Mario, una data che scandisce ripetizioni di volti, luoghi e situazioni.
Mario, diviso tra più rapporti amorosi. Mario diviso tra anima e corpo, lacerato tra diverse e contrastanti declinazioni della parola “amore”.
Più storie si intersecano attorno al filo conduttore della corporeità, dell'uso e dell'abuso del corpo, strumento esso per dare e ricevere piacere e sofferenza.

Un percorso a ostacoli tra normalità e follia, vestiti degli abiti di persone perbene, ma pervasi da turpitudine e ossessioni. Così appaiono i protagonisti del romanzo, figure sfuggenti, invischiate in situazioni di perversione che mascherano voragini emotive e affettive.

Un romanzo composto da una sequenza di capitoli brevi dedicati in via alternata a ciascun protagonista che fluiscono in maniera circolare faticando a trovare una conclusione. Un contenuto destabilizzante attende il lettore, intrappolandolo in un gioco di specchi, dove distinguere il reale dall'illusorio diventa arduo.
Il registro stilistico è cerebrale, arzigogolato, insistente e ridondante per rendere volutamente l'effetto del doppio, del ripetuto, del lato nascosto da captare e svelare.
La parte più cupa, tenebrosa e disturbante si genera dalle continue e dettagliate immagini di pratiche sessuali estreme e da immagini di violenze deprecabili.

Un lavoro in cui si riconosce la capacità dell'autore nel costruire un castello di dolore e tristezza, toccando temi crudi e forti in maniera a volte diretta a volta mitigata dal dubbio, tuttavia si tratta di una lettura complessa che non concede sconti alla sensibilità del pubblico.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Foundryside
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La voce dell'acqua
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
M. Gli ultimi giorni dell'Europa
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Cena di classe
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Bersaglio. Alex Cross
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Sarti Antonio e l'amico americano
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il sale dell'oblio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il lampadario
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Carne e sangue
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
In tua assenza
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Lo sparo
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri

La città e la casa
Sangue di Giuda
La sottile differenza
Le perfezioni
Domani e per sempre
In tua assenza
Nova
Sonetaula
L'alba sepolta
L'anno capovolto
Caffè corretto
L'appartamento del silenzio
Mordi e fuggi. Il romanzo delle BR
Lingua madre
Per sempre, altrove
Il Duca