Narrativa italiana Romanzi Non dirlo. Il vangelo di Marco
 

Non dirlo. Il vangelo di Marco Non dirlo. Il vangelo di Marco

Non dirlo. Il vangelo di Marco

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


“Non dirlo” è l’ordine che Gesù fa seguire a ogni miracolo che compie, la chiave del segreto di personalità che costituisce la trama della sua avventura terrena. Il Vangelo di Marco è il Vangelo d’azione, il primo, il più breve, il più imperscrutabile. Sandro Veronesi spreme fino all’ultima stilla il succo di questo testo e lo propone nella sua scintillante modernità. Scritto a Roma per i romani, il Vangelo di Marco è, nel racconto di Veronesi, una raffinata macchina da conversione. È una miniera di scoperte sorprendenti, che riportano il Cristianesimo alla sua primitiva potenza componendo il ritratto di un enigmatico eroe solitario. Sandro Veronesi ha tratto da Non dirlo un monologo teatrale: proprio come il Vangelo stesso la sua destinazione è la comunicazione orale.

Recensione della Redazione QLibri

 
Non dirlo. Il vangelo di Marco 2015-05-30 15:04:08 Mario Inisi
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Mario Inisi Opinione inserita da Mario Inisi    30 Mag, 2015
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Marco lo sceneggiatore

Un inedito Sandro Veronesi propone un saggio sul Vangelo di Marco letto senza mai porsi il Problema: cioè senza mai pronunciarsi sul contenuto e sulla sua verità. Il Vangelo viene letto come la sceneggiatura di un film d'azione, film da cui vengono sottratti tutti i contenuti cioè le parole pronunciate da Gesù e riportate soprattutto dagli altri Evangelisti. Vengono osservati solo i fatti e la loro sequenza come in un film di Tarantino: gli spostamenti, i miracoli, fino al tradimento, all'arresto, alla morte, alla sepoltura e alla resurrezione con l'apparizione alle donne di Gesù. L'ossatura del Vangelo viene analizzata passaggio per passaggio e lo sceneggiatore viene identificato: è il ragazzino di 13 anni che fugge nudo dall'orto degli olivi durante l'arresto di Gesù (come non solo Sandro Veronesi, ma molte fonti affermano).
L'abilità del ragazzino come sceneggiatore nel coinvolgere e convertire il suo pubblico viene ampiamente dimostrata. La sceneggiatura è perfetta. Ma c'è un problema che non viene affrontato apertamente e resta sullo sfondo. Un film può essere convincente ma raccontare una storia assolutamente di fantasia. Può essere coinvolgente ma non per questo convincerci della realtà dei fatti. I contenuti (quelli che sono riportati più largamente da Giovanni) non sono mai discussi o affrontati nel saggio volutamente. Il Vangelo è guardato solo come macchina da conversione. In ogni caso, anche escludendo il messaggio contenuto, il Vangelo di Marco come sceneggiatura per un film d'azione porta allo stesso nodo: vero o falso. O Gesù ha addestrato i discepoli alla perfezione, premeditando ogni cosa, anche la sua morte,scegliendo le persone più adatte a scrivere o tramandare la sua storia così come lui voleva che fosse riportata (cosa estremamente difficile vista l'accertata ottusità dei discepoli), oppure bisogna credere a quanto raccontato.
A me sembra che Sandro sia partito sposando in cuor suo la prima ipotesi. Ma poi, strada facendo, credo che si sia reso conto che era altrettanto improbabile della seconda, che si sia appassionato al personaggio Gesù, fino a desiderare o a immaginare che la sua storia potesse essere vera e non solo bella. Certo, se non fosse vera, bisogna riconoscere che Gesù è stato il più grande editor di tutti i tempi nell'intravedere nel ragazzino 13enne che si portava dietro, lo scrittore della sceneggiatura che avrebbe appassionato le teste dure dei romani, abituati a ben altri spettacoli, fino a convertirne buona parte.
In ogni caso avvicinare un Vangelo fa sorgere una marea di interrogativi cui non è facile rispondere, pur prendendolo alla larga come Sandro cioè senza entrare nel cuore dei contenuti e analizzando solo alcuni aspetti.
Per come la vedo io, il "non dirlo" aveva un significato non strategico ma di dirigere il riflettore verso le parole, quelle che soprattutto l'amico del cuore, l'Evangelista Giovanni, ha riportato nel suo Vangelo. Leggendolo si capisce perchè il miracolo era invece meglio "non dirlo".

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Altri saggi sul Vangelo. Tra i romanzi consiglio Getsemani e La gloria di Berto (anche se ne ho un lontano e bel ricordo).
Trovi utile questa opinione? 
200
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Uomini di poca fede
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Violette di marzo
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Quanto blu
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Le peggiori paure
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Le confessioni di Frannie Langton
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una donna normale
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La signora del martedì
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Nero come la notte
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il bambino nascosto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Gli informatori
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La ricamatrice di Winchester
Valutazione Utenti
 
3.6 (2)
La legge del sognatore
Valutazione Utenti
 
3.3 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri