Narrativa italiana Romanzi Quel che affidiamo al vento
 

Quel che affidiamo al vento Quel che affidiamo al vento

Quel che affidiamo al vento

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Sul fianco scosceso di Kujira-yama, la Montagna della Balena, si spalanca un immenso giardino chiamato Bell Gardia. In mezzo è installata una cabina, al cui interno riposa un telefono non collegato, che trasporta le voci nel vento. Da tutto il Giappone vi convogliano ogni anno migliaia di persone che hanno perduto qualcuno, che alzano la cornetta per parlare con chi è nell'aldilà. Quando su quella zona si abbatte un uragano di immane violenza, da lontano accorre una donna, pronta a proteggere il giardino a costo della sua vita. Si chiama Yui, ha trent'anni e una data separa quella che era da quella che è: 11 marzo 2011. Quel giorno lo tsunami spazzò via il paese in cui abitava, inghiottì la madre e la figlia, le sottrasse la gioia di essere al mondo. Venuta per caso a conoscenza di quel luogo surreale, Yui va a visitarlo e a Bell Gardia incontra Takeshi, un medico che vive a Tokyo e ha una bimba di quattro anni, muta dal giorno in cui è morta la madre. Per rimarginare la vita serve coraggio, fortuna e un luogo comune in cui dipanare il racconto prudente di sé. E ora che quel luogo prezioso rischia di esserle portato via dall'uragano, Yui decide di affrontare il vento, quello che scuote la terra così come quello che solleva le voci di chi non c'è più. E poi? E poi Yui lo avrebbe presto scoperto. Che è un vero miracolo l'amore. Anche il secondo, anche quello che arriva per sbaglio. Perché quando nessuno si attende il miracolo, il miracolo avviene.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 3

Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.0  (3)
Contenuto 
 
3.7  (3)
Piacevolezza 
 
3.7  (3)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Quel che affidiamo al vento 2020-04-17 15:27:17 ornella donna
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
ornella donna Opinione inserita da ornella donna    17 Aprile, 2020
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Una telefonata di speranza

Quel che affidiamo al vento di Laura Imai Messina è un libro che coinvolge le emozioni e i sentimenti. Scritto da un’autrice molto giovane, ha uno stile di narrazione che non convince del tutto e che risente della scarsa esperienza. Un testo che ha la sua forza intrinseca proprio nella storia narrata.
Esiste in Giappone un giardino in mezzo al quale è collegata una cabina telefonica dotata di un telefono che permette di chiamare coloro che non ci sono più, che non sono più accanto a noi nel vivere quotidiano. Giungono in quel luogo moltissime persone che soffrono e vivono nel ricordo di qualcuno che non è più. Come Yui, trent’anni,e un ricordo incancellabile: lo tsunami che nel marzo 2011 causò la morte della madre e della sua figlia. Il dolore è qualcosa con cui vivere tutti i giorni, senza superarlo mai. Fino a che, proprio in quel luogo carico di emotività, incontra il dottor Takeshi, anche lui con una storia tutta da ascoltare. Cosa li accomuna? Cosa rappresenta la loro conoscenza? E’ ancora possibile amare nelle loro condizioni?
Un libro che parla con conoscenza approfondita del Giappone. Ma non solo: anche di amore, di emozioni e di sensazioni. Ci consegna:
“un mondo fragile ma denso di speranza, una storia di resilienza la cui più grande magia risiede nella realtà.”
Un libro che comunque non mi coinvolto emotivamente, forse anche per le descrizioni ambientali di un mondo che conosco poco. Storia mi ha lasciato anche poco convinta e non mi ha coinvolto, non ho purtroppo provato quella magia di cui tanto si va parlando a suo proposito. Peccato! Comunque un libro che offre una via di cambiamento, di resurrezione per chi ha tanto sofferto e non nutre grandi speranze nel futuro.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
Quel che affidiamo al vento 2020-03-13 11:09:21 C.U.B.
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
C.U.B. Opinione inserita da C.U.B.    13 Marzo, 2020
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Ciao, come va?

Meraviglioso incipit, e’ un libro che al momento giusto scalda il cuore, una storia d’amore che volta le spalle al dolore del passato e soffia dalle labbra un alito di futuro.
Scorrevole ma penalizzante la penna acerba dell’autrice che manca di profondità innata e di tecnica consolidata, essa rende evanescente una vicenda che avrei voluto piu’ incisiva.

Certa che tra me e questo racconto sarebbe nata un’intesa singolare, poi “da foglia cade foglia così l’Eden piombò nella doglia”, nel giro di qualche giorno tutto è stato stravolto ed i miei pensieri si sono fatti globali.
La morte ai tempi di Covid-19 e’ spietata, isolamento e solitudine sono imposizioni drammatiche che stritolano in una morsa di disperazione. Non oso immaginare l’orrore di chi se ne va da solo, ancora peggio le intere famiglie che vivranno nel rimorso di non avere assistito un congiunto che moriva soffocato, limitate al rapido estremo commiato almeno un metro più in là.
Quante volte il desiderio di parlare ancora con chi hanno amato per rimediare alle confidenze negate dall’epidemia, come e’ difficile trovare una dimensione di contatto. La preghiera aiuta i religiosi, eppure l’intercessione divina a me toglie intimita’: prego per te, non parlo con te. Dialogare pensando in silenzio e’ il metodo usato da altri, ma a me pare di essere su un palco a recitare un monologo imperfetto. Sognare sì, sognare è magnifico, ma ancora non sono capace di dirottare i miei sogni.
Poi ad ogni battito di ciglia, qualora mi distragga da questo mondo, quando mi abbandono al silenzio o sprofondo nel rumore, ogni volta che i passeri cinguettano, allora sento una voce che mi accarezza allegra con un Ciao, come va?!
E ‘ la voce di mia madre quando rispondeva alla chiamata, è limpida, squillante, reale. E’ qui, ma le mie mani non stringono il ricevitore.
Io so cosa vorrei, io vorrei un telefono in mezzo ad un prato fiorito e riparato agli sguardi con cui parlare con lei, anche se a conversare sara’ solo la brezza del mattino.

Nel nord del Giappone, ai piedi della Montagna della Balena - uno dei luoghi più colpiti dallo tsunami del 2011- un uomo collocò nel suo giardino una cabina telefonica. Al suo interno un vecchio telefono con il filo collegato a nulla, se non alle voci del vento. E’un luogo di pellegrinaggio dove si recano ogni anno migliaia di persone per parlare ai propri cari defunti, questo romanzo prende ispirazione da lì.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
150
Segnala questa recensione ad un moderatore
Quel che affidiamo al vento 2020-02-26 10:56:15 Mian88
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    26 Febbraio, 2020
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Speranza

Yuj è una speaker radiofonica la cui vita è stata spezzata da quello tsunami all’interno del quale ha perso gli affetti più cari; madre e figlia. Takeshi è un medico che a sua volta si porta dietro il fardello di una perdita, quella della moglie. Entrambi, sopravvivono. Sopravvivono in questo mondo che li ha privati dei legami più forti, delle certezze, delle solidità, delle ragioni necessarie a vivere e ad andare avanti. Un giorno come un altro, durante la diretta della trasmissione radio, Yui scopre dell’esistenza di questa cabina del vento, una cabina posta in uno splendido giardino sito sul fianco scosceso di Kujira-yama. Come resistere al richiamo? Come non recarsi in visita presso quel luogo davvero esistente anche nella realtà e che forse potrebbe rappresentare una nuova possibilità, un nuovo inizio? Il viaggio è piuttosto lungo e nel suo cammino contempla le persone che trovano conforto in quell’alzare di una cornetta. Perché alla fine tutti abbiamo qualcuno con cui vorremmo entrare in connessione, qualcuno che non è più con noi ma che con noi è come se fosse sempre, qualcuno che ci ha lasciato fisicamente seppur con una ferita lacerante nel cuore.
Tuttavia, in questo primo viaggio, Yui non riesce. Non riesce ad alzarla, non riesce a mettersi in contatto con chi ha perduto. Forse perché non è ancora pronta ad andare avanti, forse semplicemente perché non è ancora giunto il momento. È in questo primo tentativo che incontra Takeshi, che scopre di quella figlia che ha smesso di parlare nel momento in cui la madre non ha più fatto ritorno a casa. L’uomo vorrebbe aiutarle entrambe, ma come? Sarà la cabina a riaccendere i motori, a rendere possibile la rinnovata partenza.
Quelle che sono racchiuse in queste pagine non sono però solo le storie dei due protagonisti, sono tante voci, tanti cori tra loro uniti da conseguenze diverse eppure tutte accomunate da questa grande voglia di ripartire.
Perché la cabina che destina queste parole al vento è sinonimo di speranza, è sinonimo di un ponte d’argilla tra chi parte e chi resta, tra chi c’è ancora e chi non c’è più. Perché la cabina è anche sinonimo di ritrovarsi.
Al tutto si somma una penna fluida, rapida, non particolarmente impegnativa, forse ancora un poco acerba essendo l’autrice molto giovane. Ad ogni modo una piacevolissima storia che scalda il cuore e che si fa divorare.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
190
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il mistero della donna tatuata
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il morso della vipera
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Echi in tempesta. L'Attraversaspecchi
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La vita alla finestra
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il borghese Pellegrino
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il dolce domani
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La congregazione
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La strada di casa
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.5 (2)
Questa tempesta
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Giura
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'enigma della camera 622
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
3.2 (3)
La nostra folle, furiosa città
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri