Sagittario Sagittario

Sagittario

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Sagittario, scritto nel '57, è un romanzo breve di Natalia Ginzburg, dove ritroviamo l'arte della nota scrittrice d'intessere una narrazione discorsiva e semplice con fatti rivelatori che portano allo scoperto la forza e la disperazione del vivere.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuto 
 
3.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Sagittario 2016-02-06 15:25:05 Mario Inisi
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Mario Inisi Opinione inserita da Mario Inisi    06 Febbraio, 2016
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Però è ariete

In questo romanzo la Ginzburg ci presenta sua madre. La madre di Natalia non è cattiva, non è calcolatrice, non è subdola, ma gli altri difetti ce li ha tutti: invadente, ingenua, impulsiva, impicciona, rompiscatole, superficiale e così si potrebbe andare avanti all’infinito. La consolazione per le lettrici-sagittario è che il titolo non viene dal suo segno zodiacale ma dal nome del locale che avrebbe voluto aprire con la sua amica. Nemmeno a dire che l’amica, lei sì sagittario, se l’era andata a scegliere nel mazzo. Mentre la madre di Natalia, è un personaggio buffo da commedia, quasi caricaturale, la sorella Giulia, silenziosa e malinconica le fa da contraltare. La madre è raccontata in prima persona da Natalia con affetto e ironia.
Bello il finale con l’ultima frase dedicata alla sorella e riportata come pensiero di quella madre superficiale per tutto il racconto, finale escluso. Il finale rende il racconto meno sciocco dandogli un retrogusto malinconico e uno spessore.

Adesso mia madre capiva il senso di quel sorriso. Era il sorriso di chi vuol essere lasciato in disparte, per ritornare a poco a poco nell'ombra.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Doris Lessing
Trovi utile questa opinione? 
150
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

In tua assenza
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La banda dei colpevoli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La mappa nera
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La quarta profezia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita paga il sabato
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (2)
Obscuritas
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli avversari
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Le sorelle Lacroix
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultimo figlio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Questo post è stato rimosso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
I killeri non vanno in pensione
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Voci in fuga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Domani e per sempre
Nova
Sonetaula
L'alba sepolta
Caffè corretto
L'appartamento del silenzio
Lingua madre
Per sempre, altrove
Il Duca
Cara pace
L'assemblea degli animali
Le madri non dormono mai
Sono mancato all'affetto dei miei cari
Divorzio di velluto
Cinquecento catenelle d'oro
Ritratto di donna