Terramarina Terramarina

Terramarina

Letteratura italiana

Autore

Editore

Casa editrice

È la sera della vigilia di Natale e Agata, che in paese tutti chiamano la Tabbacchera, guarda il suo borgo dall'alto: è un pugno di case arroccate sul mare che lei da qualche tempo s'è presa il compito di guidare, sovvertendo piano piano il sistema di connivenze che l'ha governato per decenni e inventandosi una piccola rivoluzione a colpi di poesia e legalità. Ma stasera sul cuore della sindaca è scesa una coltre nera di tristezza e "Lassitimi sula!" ha risposto agli inviti calorosi di quella cricca di amici che è ormai diventata la sua famiglia: è il suo quarto Natale senza il marito Costanzo, che oggi le manca più che mai. E, anche se fatica ad ammetterlo, non è il solo a mancarle: c'è infatti un certo maresciallo di Torino che, da quando ha lasciato la Sicilia, si è fatto largo tra i suoi pensieri. A irrompere nella vigilia solitaria di Agata è Don Bruno, il parroco del paese, con un fagotto inzaccherato tra le braccia: è una creatura che avrà sì e no qualche ora, che ha trovato abbandonata al freddo, a un angolo di strada. Sola, livida e affamata, ma urlante e viva. Dall'istante in cui Luce - come verrà battezzata dal gruppo di amici che subito si stringe attorno alla bimba, chi per visitarla, chi per allattarla, vestirla, ninnarla - entra in casa Tabbacchera, il dolore di Agata si cambia in gioia e il Natale di Toni e Violante, del dottor Grimaldi, di Sarino, di Lisabetta e di tutta quella stramba e generosa famiglia si trasforma in una giostra. Di risate, lacrime, amurusanze, tavole imbandite, ritorni, partenze e sorprese, ma anche di paure e dubbi: chi è la donna che è stata capace di abbandonare ai cani il sangue del suo sangue? Starà bene o le sarà successo qualcosa? Cosa fare di quella picciridda che ha già conquistato i cuori di almeno sette madri e cinque padri?



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Terramarina 2021-04-26 14:05:11 ornella donna
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
ornella donna Opinione inserita da ornella donna    26 Aprile, 2021
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Luce nuova di speranza e felicità

Dopo il successo dell’Amurusanza, Tea Ranno torna in libreria con il seguito, intitolandolo: Terramarina. Un libro che odora di fascino, di mistero e di malia che cattura intensamente.
Che cosa è Terramarina? E’
“meta di speranza, porto di felicità al quale ognuno tende”,
è dunque un luogo impreciso, in cui l’animo di ognuno di noi, tra sonno e veglia, pensa di ritrovarsi. E’:
“E’ una terra? Un’isola? Un’invenzione? Cos’è di preciso? (…) Credo sia il sogno di ognuno di noi, il nostro più grande desiderio.”
E’ il luogo in cui si trova Agata, dove:
“Vado abitando quando non sono sveglia e neppure dormo”.
E’ in crisi la bella e solitaria Agata la sera della vigilia di Natale, mentre guarda con malinconia il paese in cui abita:
“Visto da lassù , il paese pareva un grumo di case adagiato sulla mano di Dio, così le venne da pensare. Altri lo dicevano presepe, e potevano anche aver ragione, ma presepe solo col buio,si disse, alla luce dei lampioni che dava ai muri un colore di biscotto e nascondeva le brutture della modernità.”
L’amore sembra averla dimenticata, e lei si sente sola e triste. Il marito è defunto, e lei mai l’ha dimenticato. Innamoratasi di un giovane maresciallo che preferisce tornare a Torino piuttosto che vivere i suoi sentimenti. Così riflette e non sa che fare, fino a quando arriva trafelato don Bruno con un fagotto abbandonato davanti alla Chiesa. E’ una bambina e immediatamente diventa la bambina di Natale, di tutti.
Una bella favola, scritta con una prosa che alterna l’italiano con qualche incursione nel dialetto, è un libro che emoziona ed infonde speranza nel lettore. Tratta di sentimenti, di accoglienza e di solidarietà con perfezione e sapienza narrativa. Una “luce” in tanto buio odierno, un fiocco di speranza adatto ed utile in questi tempi così difficili.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il vizio della solitudine
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'uomo del porto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Urla sempre, primavera
Valutazione Redazione QLibri
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il vino dei morti
Valutazione Redazione QLibri
 
1.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
E verrà un altro inverno
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Alabama
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
A grandezza naturale
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sotto la cenere
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sanguina ancora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il gioco della notte
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Hozuki
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il valore affettivo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri