Narrativa italiana Romanzi Un amore di zitella
 

Un amore di zitella Un amore di zitella

Un amore di zitella

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Iole Vergara è la zitella del paese. Lavora come dattilografa presso il Comune, abita in un condominio affacciato sul lago e la sera cena con una tazza di caffellatte. È un'esistenza fatta di abitudini, grigia e monotona, se non fosse per le chiacchiere con la collega Iride sulla prostata del segretario comunale, o per i mille pettegolezzi che s'inseguono in paese. Ma persino la timida e solitaria Iole ha un segreto, come scoprirà Iride nel ricevere il regalo di nozze della collega: si chiama Dante, e per qualche tempo al centro dei pettegolezzi ci sarà proprio il misterioso amico della dattilografa comunale.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
2.4
Stile 
 
3.5  (2)
Contenuto 
 
2.0  (2)
Piacevolezza 
 
2.0  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Un amore di zitella 2012-03-09 20:08:12 Ally79
Voto medio 
 
1.3
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
1.0
Piacevolezza 
 
1.0
Ally79 Opinione inserita da Ally79    09 Marzo, 2012
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Parole,parole,parole.(Inutili)

Iole è una zitella.(E fin qui ci bastava il titolo per capirlo.)
Manda come dono di nozze alla sua collega La divina commedia.
Firma il biglietto che accompagna il regalo “Iole e….. Dante”.
La collega ignorante come una capra non comprende si tratti di Alighieri ma pensa che Dante sia il nome del nuovo fidanzato di Iole.
Quest’ultima sta al gioco e glielo lascia credere.

ECCO VI HO RACCONTATO TUTTO IL LIBRO.(Accusatemi di spoiler se ci tenete.)
Solo che io ci ho impiegato quattro parole a dirvelo a Vitali invece sono servite CENTOSEDICI pagine.
116 pagine per narrare il nulla più assoluto!

Vitali e quindi???????
Questo è tutto???????
Mi stai prendendo in giro??????

Che non fosse un capolavoro mi era chiaro già alla ventesima pagina(forse anche prima ma stasera mi sento buona.)
Però per comprendere che fosse una storia inutile sono dovuta arrivare fino in fondo.
Mi dicevo “Ok adesso parte la storia,adesso inizierà,porta pazienza.”
La pazienza ce l’ho ancora è il libro ad essere finito.

I personaggi sono semplicemente accennati(e sono CINQUE in tutto,non un esercito),il luogo potrebbe essere ogni dove,il tentativo di ironia è patetico,l’empatia verso la zitellagine della protagonista impossibile da provare.
Lo stesso fraintendimento sul fidanzato inesistente non ha praticamente alcuno sviluppo.
L’unico approfondimento è sulla prostata sofferente del capoufficio.(Non sto scherzando.)
Ora comprenderete che pur solidarizzando profondamente con chi soffre di prostata non sono particolarmente interessata all’argomento!
Vabè dato che non voglio essere logorroica come Vitali la chiudo qui.
Non prendete questo libro.
Se anche fosse l’unico che per puro caso vi trovate in casa statene lontani.
Meglio leggere le istruzioni del sapone.(Versare 1-2 dosi sulle mani umide,lavare,risciacquare.)

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore
Un amore di zitella 2009-01-04 15:49:14 Mara
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Mara Opinione inserita da Mara    04 Gennaio, 2009
  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un amore di zitella

Iole Vergara è una zitella di "trenta e tot anni” che, sogna ad occhi aperti, mentre in sottofondo si sentono le note di "Quando, quando, quando", il cavallo di battaglia di Tony Renis al Festival di San Remo.

Una figurina perfettamente scolpita, di cui conosciamo fin nei minimi dettagli le giornate, trascinate tra la noia dell'ufficio, le serate passate davanti alla tv e i pettegolezzi del paese. Una donna che, per difendersi dalla monotonia di una vita spesa e persa nella tristezza di un’esistenza sempre uguale, arriva a costruirsi un universo d’emozioni. Una zitella che giungerà a sognare un grande amore e poco importa se sarà vero o presunto.

Un uomo misterioso che nel romanzo non appare, proprio perché non fa parte della quotidianità di Iole.

Andrea Vitali ha un talento naturale nel creare e far vivere un intero mondo, quello di Bellano, dove sono ambientati tutti i suoi romanzi.

Lo popolano personaggi ben caratterizzati, tra aneddoti divertenti e una comicità velata di malinconia.

A mio avviso, non è uno dei libri più riusciti dell'autore, la seconda parte, dall'entrata in scena del fantomatico Dante in poi, risulta poco credibile dal punto di vista narrativo.

Buona lettura:)

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
11
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'uomo dello specchio
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Donne dell'anima mia
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La donna degli alberi
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La donna da mangiare
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il libro della polvere. Il regno segreto
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La biblioteca di mezzanotte
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
L'appello
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Buonvino e il caso del bambino scomparso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
V2
V2
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Amo la mia vita
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Gli ultimi giorni di quiete
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Dimmi che non può finire
Valutazione Utenti
 
4.9 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri