Narrativa italiana Romanzi Vita mortale e immortale della bambina di Milano
 

Vita mortale e immortale della bambina di Milano Vita mortale e immortale della bambina di Milano

Vita mortale e immortale della bambina di Milano

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Immaginate un bambino sognatore, sempre affacciato alla finestra. La nonna sfaccenda in cucina, e ogni tanto butta un occhio a guardarlo. Lui invece fissa sedotto il balcone del palazzo di fronte, dove la bambina dai capelli neri danza la sua danza temeraria. Per un amore così, un ragazzino ardimentoso può spingersi a prodezze estreme, duelli all'ultimo sangue, addirittura a parlare l'italiano. Sarà la nonna – che per lui ha un'adorazione smisurata – a vegliare sulle sue millanterie, seduta nel cantuccio della cucina. Lei non ha dimestichezza con le parole, ma non difetta di fantasia. Quando, forte della sua lunga vedovanza, gli racconta della fossa dei morti, scolpisce immagini indelebili nella mente del nipote. Da bambini si può essere tutto. L'esploratore o il mozzo, il naufrago o «il caubboi», Ettore o Ulisse. Da bambini ci si può innamorare guardando il balcone tutto celeste del palazzo davanti, o credere di aver trovato la fossa dei morti proprio dietro l'aiuola del cortile, da dove si sentono salire inequivocabili tonfi sinistri. Un libro irresistibile, tagliente come le spade della fantasia nascoste sotto il letto, prezioso come un gioiello di famiglia, in cui la scoperta dell'amore e la scoperta della morte si inseguono segnando la fine dell'infanzia. O, chissà, prolungandola al punto che ci si attarda nei giochi e, come teme la nonna, non si cresce più.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
4.6
Stile 
 
4.5  (2)
Contenuto 
 
5.0  (2)
Piacevolezza 
 
4.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Vita mortale e immortale della bambina di Milano 2022-09-07 14:58:04 Mian88
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    07 Settembre, 2022
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Mimì e la sua Milanese

«Scoprii in quella circostanza che la bambina dei miei pensieri e sospiri si chiamava a quel modo oscuro – la milanese – e aveva attirato, oltre alla mia attenzione, anche quella di molti altri compagni. Non solo. Era di dominio pubblico che, quando c’era il sole, la guardavo scimunito dalla finestra o passavo molto temo sotto il suo portone. Vero? Mi chiusi nel mio solito mutismo, ma prima gli dissi: vafanculostrunznunmeromperocàazz, che era la formula necessaria quando nessuno pareva adatto a capire quale persona speciale fossi e che grandi cose avrei fatto.»

Napoli. Mimì, presuntivamente diminutivo di Domenico, fa capolino tra le pagine con i suoi nove anni e la sua fantasia. La vede per la prima volta in un giorno come tanti danzare. È lì, davanti al balcone di casa sua, che danza. Danza con la grazia che i suoi occhi sanno vedere e parla in un modo incantevole ed elegante di un italiano non intriso di carenza campana. Se ne innamora, ora e subito. Subito ed ora. È la sua musa, la sua fata. Deve salvarla, proteggerla, tutelarla. Si ripromette di salvarla anche dopo la sua morte esattamente come provò a fare Orfeo con Euridice (Mimì ha l’obiettivo di non girarsi, però, fino all’ultimo). Il bambino è ossessionato dall’idea della morte, forse a causa della nonna vedova dopo due anni di matrimonio che gli parla della fossa dei morti ove i defunti sono soliti raccogliersi, forse per quei miti che lo incuriosiscono. E questa è una parte anche estremamente interessante, infatti, il lettore è coinvolto dalle dinamiche dei giochi tra bambini, da questa fascinazione e anche dalla figura stessa della nonna che conquista e scalda il cuore con la sua perfezione nell’imperfezione. Ma si sa, la vita non è perfetta e ci sarà un evento scatenante che porterà alla conclusione dell’infanzia del protagonista ma che troverà, di poi, fondamento e spiegazione solo nell’età adulta quando egli sarà un giovane studente universitario di Lettere antiche.

«“[…] lo feci con passione senza pretese, sapendo ormai che quel poco di veramente vivo che facciamo vivendo resta fuori dalla scrittura […]”.»

Tanti sono i temi trattati da Starnone tra queste pagine. Temi che riguardano l’amore e i legami familiari, temi che rimandano a Lacci. Ma tra i protagonisti indiscussi vi è certamente la morte. Morte che accompagna tutte le pagine, morte che accompagna la nostra vita come una consapevolezza pari a una spada di Damocle.
È nella semplicità che vince “Vita mortale e immortale della bambina di Milano”. Mimì è un bambino come tanti, con una infanzia normale, come tutti. E poi c’è quel bisogno di vita ed esistenza, quel bisogno di pienezza dato dalle esperienze vissute quasi per casi e caso. “La milanese” per il giovane è il primo amore. È emozione pura, ingenua, elementare, atavica come ogni esperienza giovanile sa essere. Molto più difficile è per lui “capire” ciò che si vuole e… lasciare andare.
La morte non tarda a farsi attendere, è uno spettro sempre presente che non teme di abbracciare la sua vittima e la vita chiede che si facciano i conti con questa. Non se ne può fare a meno. Anche quando si cerca di evitare che sia così, anche quando si cerca di fare in modo di eludere il dato, la realtà. Ed è qui che subentra il mito, la letteratura.
Alcuni passaggi in napoletano non sono semplici da leggere se non si è del luogo ma lo stile e il contenuto sanno trattenere il lettore senza troppe difficoltà.
Ed è la stessa chiave metaletteraria la chiave di lettura di questo piccolo ma consistente romanzo. Perché lì dove finisce la vita, la speranza, l’idea di sopravvivenza, ecco che subentra l’arte, la parola, l’attimo. L’emozione.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
Vita mortale e immortale della bambina di Milano 2022-01-12 18:41:07 Mario Inisi
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Mario Inisi Opinione inserita da Mario Inisi    12 Gennaio, 2022
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Mia nonna

Il libro mi è piaciuto più di altri più famosi di Starnone. Bella la descrizione dei giochi, dei dialoghi e delle dinamiche infantili e anche il rapporto con la nonna. Il finale secondo me è interessante e anche inaspettato, mentre il rapporto con la fidanzata mi ha riportato a Lacci. Mi sembra anche che la bambina e la nonna che niente hanno a che fare tra loro si sovrappongano inaspettatamente nel finale in modo curioso come se il cuore o la fantasia potessero mettere insieme due persone amate facendone un unico fantasma.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Del nostro meglio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La vita intima
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La libreria dei gatti neri
Valutazione Redazione QLibri
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Caminito. Un aprile del commissario Ricciardi
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Un giorno come un altro
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Bell'abissina
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Quel tipo di ragazza
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Schiava della libertà
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ombre
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
I ragazzi di Biloxi
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
La vendetta del ragno
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Piccole cose da nulla
Valutazione Utenti
 
3.5 (3)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Del nostro meglio
La vita intima
Ombre
Sarò breve
La vita in tasca
Tasmania
Erosione
La città e la casa
Sangue di Giuda
La sottile differenza
Cosa è mai una firmetta
L'altra linea della vita
Ufo 78
Avere tutto
La cosa buffa
Le perfezioni