Narrativa straniera Fantascienza Il cacciatore di androidi
 

Il cacciatore di androidi Il cacciatore di androidi

Il cacciatore di androidi

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice


Nel 1992 la Guerra Mondiale ha ucciso milioni di persone, costringendo l'umanità ad andare nello spazio. Chi è rimasto sogna di possedere un animale vivente, e le compagnie producono copie incredibilmente realistiche: gatti, cavalli, pecore... Anche l'uomo è stato duplicato. I replicanti sono simulacri perfetti e indistinguibili, e per questo motivo sono stati banditi dalla Terra. Ma a volte decidono di confondersi tra i loro simili biologici e di far perdere le proprie tracce. A San Francisco vive un uomo che ha l'incarico di ritirare gli androidi che violano la legge, ma i dubbi intralciano spesso il suo crudele mestiere, spingendolo a chiedersi cosa sia davvero un essere umano.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
3.5  (2)
Contenuto 
 
4.5  (2)
Piacevolezza 
 
5.0  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il cacciatore di androidi 2012-01-29 10:20:45 antonelladimartino
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
antonelladimartino Opinione inserita da antonelladimartino    29 Gennaio, 2012
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Chi siamo?

Sì, il film è diverso: ha una trama semplice e lineare e include elementi appartenenti ad altre opere di Dick. Il libro invece, dalla struttura molto complessa, si differenzia da altre opere dello stesso autore per l’atmosfera cupa e la mancanza di ironia. La domanda sottintesa, che tormenta i personaggi e guida la narrazione, riguarda la nostra essenza: chi siamo?

Il protagonista principale del libro, Rick Deckard, è uno sbirro senza fascino, un piccolo borghese che nutre banali ambizioni sociali, incastrato in un matrimonio infelice. Un uomo comune, insomma. Il suo lavoro è dare la caccia agli androidi che diventano pericolosi per la società. Gli androidi o replicanti che dir si voglia sono organismi “non vivi” perché mai nati, dalle capacità razionali elevate, ma poveri di emozioni.

All’inizio Deckard teme di confondere androidi e umani schizoidi, ma nel corso della storia ci accorgiamo che la differenza è sempre impalpabile: tra memorie fasulle degli androidi ed emozioni fasulle negli umani (che utilizzano macchine che regolano l’umore) non è facile distinguere un cacciatore da una preda.

Chi siamo? Nel corso della narrazione scopriamo le differenze più significative: una di queste è l’amore per gli animali. Gli animali sono diventati ormai una rarità sulla terra, quindi il loro valore, economico e affettivo, è cresciuto a dismisura. Gli androidi non riescono ad amare gli animali, gli umani autentici invece li amano, li desiderano, li usano come testimonianza dello status sociale raggiunto. Ma anche questa differenza si rivela inquietante: l’amore è interessato, si mescola troppo all’ambizione sociale. Un animale finto assomiglia alla nostra borsa firmata fasulla, quindi gli animali ci rendono differenti, ma non migliori degli androidi.

Chi siamo? Un’altra differenza, che torna anche nel film, è la durata della vita: un androide vive (ammesso che questa sia vita) soltanto quattro anni. La Rachel del libro, l’amante androide dello sbirro, dice che “è la cosa che impedisce agli umani di scappare e andare a vivere con un androide”.

Chi siamo? La scatola empatica del libro, un dispositivo che unisce gli uomini in un’esperienza collettiva di tipo mistico, nel film non c’é, ed è un peccato, perché la capacità di utilizzarla è un’altra importante differenza.

L’unico personaggio che nel libro conserva un briciolo di umanità “concreta” è John Isidore, un uomo malato, un “cervello di gallina” dalle capacità cognitive molto scarse, che oltre ad amare gli animali si innamora di una androide e usa la scatola empatica. Alla fine della storia, Isidore viene privato di tutto: gli androidi uccidono gli animali, lo sbirro uccide gli androidi e la scatola empatica si rivela una truffa. E Deckard? A lui rimane una moglie contenta di rivederlo, una tazza di caffè e un rospo artificiale: l’esistenza tipica di un americano medio.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Fantascienza di qualità.
Trovi utile questa opinione? 
40
Segnala questa recensione ad un moderatore

Il cacciatore di androidi 2010-06-10 19:50:20 piero70
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
piero70 Opinione inserita da piero70    10 Giugno, 2010
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Ho visto cose...

"ho viste cose, che voi umani non potreste immaginarvi.
Navi da combattimento in fiamme al largo dei bastioni di Orione
e ho visto i raggi B, balenare nel buio vicino alle porte di Tannhäuser.
E tutti quei momenti andranno perduti nel tempo,
come ... lacrime ... nella pioggia.
È tempo ... di morire."
Lo so...nel libro non c'è. Fa solo parte del film, ma questa frase è legata indissolubilmente all'opera di DIck.
Un libro visionario. La fine della stessa umanità che ormai non fa altro che vivere...senza più emozioni, nè stati d'animo. Routine e basta.
L'unica cosa che conti è la proprietà di un animale "vero" che diventa un vero e prorpio status symbol.
Ciònonostante alcuni sentimenti sono prepotenti nel protagonista. Pietà e comprensione verso l'attaccamento alla vita degli androidi che lui deve ritirare.
Un libro che lascia l'amaro in bocca, ma una pietra miliare della letteratura.
Da leggere assolutamente. Anche senza la splendida colonna sonora di Vangelis!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
30
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Odio volare
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il detective selvaggio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il mistero degli Inca
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La follia Mazzarino
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Instinct
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Marie la strabica
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una perfetta bugia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La bella sconosciuta
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il confine
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il tempo dell'ipocrisia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La maledizione delle ombre
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti di QLibri