Narrativa straniera Fantasy Gli scomparsi di Chiardiluna. L'Attraversaspecchi
 

Gli scomparsi di Chiardiluna. L'Attraversaspecchi Gli scomparsi di Chiardiluna. L'Attraversaspecchi

Gli scomparsi di Chiardiluna. L'Attraversaspecchi

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Secondo volume della saga dell'Attraversaspecchi (dopo il primo, "Fidanzati dell'inverno"). Sulla gelida arca del Polo, dove Ofelia è stata sbattuta dalle Decane perché sposi suo malgrado il nobile Thorn, il caldo è soffocante. Ma è soltanto una delle illusioni provocate dalla casta dominante dell'arca, i Miraggi, in grado di produrre giungle sospese in aria, mari sconfinati all'interno di palazzi e vestiti di farfalle svolazzanti. A Città-cielo, capitale del Polo, Ofelia viene presentata al sire Faruk, il gigantesco spirito di famiglia bianco come la neve e completamente privo di memoria, che spera nelle doti di lettrice di Ofelia per svelare i misteri contenuti nel Libro, un documento enigmatico che nei secoli ha causato la pazzia o la morte degli incauti che si sono cimentati a decifrarlo. Per Ofelia è l'inizio di una serie di avventure e disavventure in cui, con il solo aiuto di una guardia del corpo invisibile, dovrà difendersi dagli attacchi a tradimento dei decaduti e dalle trappole mortali dei Miraggi. È la prima a stupirsi quando si rende conto che sta rischiando la pelle e investendo tutte le sue energie nell'indagine solo per amore di Thorn, l'uomo che credeva di odiare più di chiunque al mondo. Sennonché Thorn è scomparso...



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 4

Voto medio 
 
4.1
Stile 
 
4.3  (4)
Contenuto 
 
4.0  (4)
Piacevolezza 
 
4.0  (4)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Gli scomparsi di Chiardiluna. L'Attraversaspecchi 2022-06-14 16:37:14 FrancoAntonio
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
FrancoAntonio Opinione inserita da FrancoAntonio    14 Giugno, 2022
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Gli intrighi alla corte di Faruk

Ofelia, finalmente, è stata presentata alla corte dell’Arca del Polo per ciò che è: la fidanzata dell’intendente, il freddo e determinato Thorn del clan dei Draghi. L’aver smesso i panni del domestico Mime, però, l’ha ancor più esposta agli agguati e alle minacce della selva di cortigiani maliziosi e feroci che si accalcano, servili, attorno allo spirito di famiglia, il Sire Faruk. L’entourage dell’immortale è composto principalmente dal clan dei Miraggi, i creatori delle illusioni che tutto ammantano a Città-cielo, la reggia. Ciò nondimeno le loro minacce sono estremamente reali, quando non mortali. Però, adesso, dopo la strage che ha sterminato il clan dei Draghi, comincino a scomparire pure i Miraggi, uno dopo l’altro.
Ofelia, intanto, ha attirato le attenzioni di Faruk che, sotto l’apparente, perenne imperturbabilità e noia, pare attratto e affascinato dalla ragazza: la nomina vice-narratrice e poi le conferisce altri incarichi di ancor maggiore responsabilità. Forse, proprio per questo, lei comincia a ricevere sempre più minacce di morte, simili a quelle inviate ai Miraggi scomparsi. Ma anche Thorn è aggredito e attaccato. Berenilde, sua zia, ormai è al termine della gravidanza e quello che, dopo trecento anni, sarà il primo erede diretto di Faruk, sta per nascere. Tuttavia ciò è un ulteriore motivo di timori per la loro incolumità. Lentamente e inesorabilmente le vicende cominciano a scivolare verso insospettati esiti.

Questo è il secondo volume della tetralogia dell’Attraversaspecchi, tuttavia quando sono arrivato alla conclusiva pagina 563 (quindi, ad oggi, in totale 1067) non ho ancora deciso se la saga della Dabos soddisfi o no le mie aspettative.
La narrazione procede implacabile come un’indolente via crucis — forse, ancor più lenta di quanto già non lo fosse nel primo volume — nella quale i protagonisti, Ofelia soprattutto, ma pure Thorns, sono sottoposti a ogni genere di angherie, ma come se ciò rappresentasse solo il normale evolversi delle vicende, l’ordine delle cose in quel mondo; senza, cioè, che ciò susciti particolare empatia. Quindi il lettore, quantomeno questo lettore, deve lottare perché la sua attenzione resti collegata alla narrazione e non erri vagando in giro. Se dovessi paragonare questa storia a una partita a scacchi, allora direi che nel primo libro l’A. si è limitata a tirar fuori i pezzi dalla scatola e a illustrarne le caratteristiche e le mosse che ci si aspetta da loro. In questo, dopo essersi presa molto tempo per sistemarli sulla scacchiera, ha cominciato a muoverli sul tavoliere, ma con una iniziale pigrizia e indecisione. Qualcuno di loro è già caduto, è vero, ma ancora non si comprende che tipo di partita ci verrà mostrata, né le evoluzioni che potrà mai prendere.
Solo nelle ultime cento pagine, circa, sembra che la storia ingrani una diversa marcia e divenga qualcosa di più di un resoconto di intrighi tra cortigiani e patemi d’animo di una giovane piuttosto confusa e impacciata. Ma la fine del volume è lì, vicina, che incombe. Ed è proprio giunti alle ultime righe che mi viene spontaneo chiedersi: quanto può permettersi di influire, sul giudizio complessivo di un’opera letteraria, la sua conclusione? In definitiva, per avere un buon romanzo, in particolare un romanzo fantasy, è indispensabile che tutto il libro sia avvincente, appassionante e coinvolgente; oppure è sufficiente che, con l’ultimo (unico?) ben studiato climax, l’autore intrappoli il lettore alla storia, un po’ come un tonno imprigionato nell’angusta camera della morte di una vasta tonnara, di cui non si vedono le lontane paratie? Non mi sono saputo rispondere.
Comunque, se il finale deve ritenersi parte essenziale, trascinante e qualificante di tutta la costruzione letteraria che lo precede, quello che giustifica il narrato pregresso, allora “Gli Scomparsi di Chiardiluna”, dovrebbe rientrare tra i buoni libri, quelli che meritano di essere ricordati e consigliati. Se così non fosse, beh, allora, il giudizio sarebbe decisamente meno positivo.
Lo stile dell’A. è scorrevole, ma non riesce a suscitare soverchie emozioni, in alcuni capitoli è leggermente soporifero, in altri lievemente banale, altrove anche un po’ irritante. La trama è incerta se imboccare decisamente la direzione del feuilleton sentimentale — ove l’ambientazione fantastica fa solo da fondale e giustificativo delle varie situazioni — oppure diventare un romanzo di formazione (della protagonista) o, ancora, suggerire complesse implicazioni cosmologiche, morali e “teologiche” o, infine, trasformarsi in un thriller ove il criminale (che potrebbe pure essere il “Dio” di quel mondo parallelo!) è ancora da scoprire e inchiodare alle sue responsabilità.
Giunti a metà della saga i personaggi secondari sono ancora poco caratterizzati, mentre i principali sono bloccati entro attributi piuttosto schematici e angusti, per i quali il rispettivo aspetto fisico ne è la sintesi e l’epitome apparente: Ofelia, insicura e maldestra, ha sciarpa e occhiali “animati” che ne manifestano gli stati d’animo; Thorn, nella sua asocialità quasi autistica, è magro e dinoccolato come un ragno e con occhi grigi, gelidi come l’inverno; la zia Roseline, formalista e vagamente bacchettona mostra sempre i denti cavallini pronti a emettere risate imbarazzate; Berenilde austera e severa, è ammantata nella sua algida bellezza regale; Faruk, torbidamente apatico, è perennemente avvolto nei suoi lunghissimi capelli argentei che lo chiudono come in un sipario (o sudario?) che ne cela l’animo.
Per gran parte del libro il principale (o unico?) punto di vero interesse è concentrato in quelli che vengono definiti frammenti: i sogni ove Ofelia si immedesima nel giovane Faruk (o Odino?) e ci mostra in confusi e difficilmente decifrabili squarci di storia, chi siano realmente gli spiriti di famiglia, come tutto è iniziato e chi sia il misterioso e dittatoriale “Dio” che li controlla. Poi, quando, con un inaspettato cambio di direzione, la storia diviene una specie di thriller poliziesco, la nostra prospettiva muta, ma senza che ci venga tolto il dubbio che, nel terzo libro, lo scenario sia ancora diverso da quelli ipotizzati.
Insomma il romanzo resta enigmatico, sui contenuti, sui fini e sulle qualità letterarie in generale. Una cosa è certa: chi si è trovato a intraprendere questo cammino di lettura difficilmente potrà fermarsi a metà: nel bene e nel male la curiosità suscitata, ormai, lo costringe a giungere sino al quarto volume. Ma conviene entrare in questa “trappola per topi curiosi”? Non ho una opinione certa al proposito.

___________
Mi prendo la libertà di chiudere con una nota di pesante biasimo nei confronti dell’editore che si è permesso di scrivere, nella sinossi in quarta di copertina, una brevissima frase che svela il finale del volume, spogliando così il lettore dallo stupore della scoperta. Non si fa!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
"Fidanzati dell'Inverno", primo libro della saga.
Trovi utile questa opinione? 
30
Segnala questa recensione ad un moderatore
Gli scomparsi di Chiardiluna. L'Attraversaspecchi 2021-04-10 17:32:12 Cathy
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Cathy Opinione inserita da Cathy    10 Aprile, 2021
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Partita a dadi

Finalmente il dado è tratto: Ofelia ha scoperto la verità sulle ragioni del suo fidanzamento con Thorn e la sua presenza sull’arca del Polo ed è pronta a prendere il suo posto a corte, sotto la protezione del sire Faruk, in attesa che la celebrazione del matrimonio consenta al suo promesso sposo di acquisire il potere di "leggere" il libro di Faruk, vera e propria ossessione dello spirito di famiglia del Polo che nessuno, finora, è mai riuscito a soddisfare. Anche se la verità sembra significare la fine di ogni speranza di un rapporto sereno con Thorn, che le ha mentito fin dall’inizio, Ofelia è incuriosita dalla possibilità di "leggere" un oggetto tanto antico e misterioso e soprattutto ansiosa di trovare il proprio posto a corte, un posto che non si limiti a quello di “fidanzata dell’Intendente”. Per affermare se stessa e i propri talenti Ofelia è disposta a barcamenarsi fra gli intrighi, gli inganni e le illusioni della corte, ma la situazione si complica quando la ragazza inizia a ricevere lettere minatorie che tentano di allontanarla dal Polo, minacciando la sua stessa vita, e, nel frattempo, una serie di misteriose sparizioni si verificano una dopo l’altra a Chiardiluna, sede dell’ambasciata.
Il secondo volume della quadrilogia dell’Attraversaspecchi conferma pienamente tutti gli aspetti positivi già emersi durante la lettura di "Fidanzati dell’inverno": l’enigmaticità dei personaggi, che rende molto difficile, se non impossibile farsi un’idea chiara di loro e dei loro scopi fin quasi alle ultime pagine; la conseguente imprevedibilità degli eventi, che aprono strade sempre nuove e inaspettate, stimolando senza sosta l'interesse, l'attenzione e la curiosità del lettore e spingendolo a interrogarsi di continuo su ciò che legge. Si potrebbe dire che la fruizione del romanzo è tutt'altro che passiva e che si partecipa agli eventi, alle indagini, ai pericoli insieme a Ofelia nel senso più autentico e pregnante dell'espressione. Al tempo stesso, in "Gli scomparsi di Chiardiluna" iniziano a delinearsi con maggior chiarezza quelli che sembrano essere gli elementi portanti della saga della Dabos: il libero arbitrio e il rapporto tra umano e divino, temi che senza dubbio spiccano per l’originalità in un fantasy contemporaneo. Ogni uomo, afferma Thorn, avrebbe il diritto di giocarsi a dadi la propria vita e di lasciare che sia il caso, il destino o la propria abilità a plasmare il futuro. Qualcuno, però, molto tempo prima, gli ha rubato i dadi e si è arrogato il diritto di decidere al posto suo. Vale la pena di lottare per restituire i dadi all'umanità intera?
Se nel romanzo, in generale, si può dire che regni l'ambiguità, quasi una caratteristica necessaria del mondo della Dabos, c'è un personaggio fondamentale sul quale invece "Gli scomparsi di Chiardiluna" getta finalmente una luce chiarificatrice, anche se la sensazione è che non tutte le carte siano state ancora scoperte: si tratta di Thorn ed è uno squarcio che rivela tutto il fascino poetico, malinconico e un po' struggente di questo personaggio. Con la sua freddezza da ghiacciolo e l'ossessione per i numeri, la precisione e la razionalità, Thorn non è certo un tipo sentimentale e sembra, nonostante la buona volontà, scarsamente capace di provare un caldo sentimento per Ofelia o di amare qualcuno in generale. Eppure lo squarcio che qui si apre su di lui, la sua storia personale e i suoi reali obiettivi mostra che sotto la spessa coltre di ghiaccio vibra qualcosa di intenso. Sarà sufficiente a recuperare i dadi e a far innamorare Ofelia? La risposta, forse, nel prossimo volume.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
Gli scomparsi di Chiardiluna. L'Attraversaspecchi 2020-09-26 12:27:53 Tomoko
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Tomoko Opinione inserita da Tomoko    26 Settembre, 2020
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L’avventura di Ofelia continua..

Ed eccoci al secondo capitolo della saga dell’Attraversaspecchi.
Avevamo lasciato Ofelia ne “i fidanzati dell’inverno” a conoscere un po’ modi ed usanze della nuova arca dove dovrà abitare: il Polo arca del Sire Faruk, il signore delle menti.
Nel “Scomparsi a Chiardiluna” Ofelia dovrà proprio affrontare sire Faruk che la nominerà “vicenarratrice” e successivamente ad dover scoprire chi fa sparire dal nulla alcune persone d’alto ceto sociale della corte.
Se nel primo Libro ci sono alcuni elementi lievemente accennati, nel secondo libro invece si comincia a capire il mondo che compone le arche e qui il lettore si porrà alcune domande tanto da indurre il lettore a divorare questo secondo libro pieno di colpi di scena fino all’ultimo capitolo e aprire il terzo, cosa che io ho fatto immediatamente perché la saga promette dei piacevoli ed interessanti risvolti.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Fidanzati d’Inverno
Harry Potter
Twilight
Hunger Games
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore
Gli scomparsi di Chiardiluna. L'Attraversaspecchi 2020-05-26 16:59:11 Mian88
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    26 Mag, 2020
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Qual è la vera domanda? Quale la sua risposta?

Abbiamo lasciato Ofelia, la giovane animista attraversaspecchi, in attesa di conoscere sire Faruk, lo spirito del Polo, che potrebbe donarle protezione e tutela ora che a maggior ragione la sua posizione di straniera e futura sposa di Thorn si fa sempre più pericolosa. Tanti sono i nemici di quest’ultimo ma tanti sono anche i nemici che ella involontariamente – o per riflesso – si è creata. La protezione dello spirito è dunque di fondamentale importanza tanto quanto lo è per lui la lettura del Libro e la spiegazione di quell’enigma a cui cerca soluzione e che potrebbe essere risolto soltanto tramite la penetrazione nel testo sacro stesso. Nel mentre tra la zia Roseline e la zia Berenilde è nata una sincera amicizia, un’amicizia che si consolida ulteriormente in questi ultimi mesi di gravidanza e che le vede anche unirsi e spalleggiare i due protagonisti principali in quei giorni sempre più rischiosi e critici che si susseguono al Polo. La nomina di Ofelia viene a vice-narratrice della corte di Faruk, non favorisce la sua posizione, anzi, la aggrava, ma le rende anche possibile constatare con mano di quelle oscurità, di quella corruzione di anime e di quelle moltitudini di illusioni che regnano indiscusse a Città-cielo.
La stessa situazione di Thorn si fa sempre più delicata. Più di proteggere la sua compagna, più cerca di tutelarla dai pericoli, più lei riesce a cacciarsi nei guai. Più svolge i suoi doveri con lealtà e senso del dovere e della giustizia e più viene additato nel peggiore dei modi e screditato da chi lo circonda. Dovrà inoltre svolgere un’indagine dalla quale dipendono gli equilibri e che lo vedrà cercare di porre chiarezza su misteriose scomparse di uomini di alto rango della Corte che non saranno altro che il primo anello di una lunga catena che nasconde dietro la facciata un disegno più grande.
Tanti saranno gli avvenimenti che si susseguiranno tra Miraggi, Decaduti, minacce alla propria incolumità e un arcano affatto scontato – e che qui per ovvie ragioni non vi anticipo ma – che renderanno questo secondo capitolo tanto avvincente quanto appassionante è stato il primo. Se infatti con il precedente capitolo siamo rimasti colpiti da una trama ancora non completamente sviluppata, da protagonisti forti e ben caratterizzati e da atmosfere vivide e ben descritte (che ricordano alla lontana le potteriane), qui ci ritroviamo di fronte non solo a tutti questi elementi ma anche a quel qualcosa in più perché il disegno continua a prendere forma, a delinearsi, a maturare e con lui continua a svilupparsi l’intrigo che ci avvince e spinge e che ci conduce per mano nella sua riscoperta. La curiosità è tanta per una saga che per ora dimostra di essere costruita in modo molto solido. Dal punto di vista sentimentale qualche piccolo passo si muove tra i due eroi ma sempre restando nella purezza del sentimento e senza mai eccedere se non nel classico tira e molla di chi ancora non è certo del proprio cuore. E se nella prima parte resterete sorpresi delle molteplici vicende e dalla rapidità degli eventi, nell’ultima sezione sarà concentrata tutta l’adrenalina e tutta l’azione che porterà alla svolta. Passo al terzo. E ho già ordinato “Echi in tempesta”, il quarto e ultimo volume della saga, che uscirà il primo luglio.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Come amare una figlia
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il castello di Barbablù
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Delitti a Fleat House
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un volo per Sara
Valutazione Utenti
 
3.4 (2)
Il caso Alaska Sanders
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Senza dirci addio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Run, Rose, Run. La stella di Nashville
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il vivo mare dei sogni a occhi aperti
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La casa di marzapane
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una stella senza luce
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Che razza di libro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le madri non dormono mai
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.5 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri

La casa per Ognidove
Miti del Nord
Un assassino alle porte
Il portale degli obelischi
Questo oscuro duetto
Lanny
Tra le braccia di Morfeo
Questo canto selvaggio
La torre del corvo
La quinta stagione
Una fiamma nella notte
La stagione delle tempeste
La signora del lago
La torre della rondine
Il battesimo del fuoco
Lascia dire alle ombre