Narrativa straniera Fantasy La casa per Ognidove
 

La casa per Ognidove La casa per Ognidove

La casa per Ognidove

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Questo romanzo costituisce il terzo capitolo de "Il castello errante di Howl". Charmain Baker vive serenamente, trascorrendo le sue giornate col naso tra i libri. Quando un bel giorno zia Sempronia dice a sua madre che Chairmain dovrà andare nella casa del prozio William, che è ammalato e dovrà assentarsi per le cure, sembra l'occasione per vivere una bella avventura lontano dalle attenzioni sin troppo oppressive della madre. Ma zio William è un potente mago, la sua casa è un labirinto magico che si sposta nello spazio e nel tempo e Charmain, che non in grado di star dietro alle faccende domestiche di una casa normale, è ancor meno preparata ad avere a che fare con una casa magica! Aprendo una porta si può passare dalla sala alla cucina, ma anche trovarsi proiettati in una terra lontana. Fin dal suo arrivo, Charmain Baker farà una serie di incontri a dir poco sorprendenti, ma la sua vita prenderà una piega inaspettata solo quando incontrerà dei personaggi che ben conosciamo: Sophie, il demone Calcifer e, sotto mentite spoglie, il terribile mago Howl!



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
2.5
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuto 
 
3.0  (1)
Piacevolezza 
 
2.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La casa per Ognidove 2022-05-23 07:31:14 FrancoAntonio
Voto medio 
 
2.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
2.0
FrancoAntonio Opinione inserita da FrancoAntonio    23 Mag, 2022
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Case magiche, Luddock e Reali poveri in canna

Chairmain è una brava ragazzina, magari un po’ scontrosa e tanto, troppo amante della lettura. Suo padre, Sam Baker, il miglior cuoco e pasticcere di High Norland e, soprattutto, sua madre mai le hanno permesso di fare qualcosa di men che rispettabile, cioè, tradotto in modo semplice, sinora lei ha sempre vissuto nella bambagia senza imparare nulla della gestione di una casa. Quindi, quando, con gran sconcerto della signora Baker, la zia Sempronia viene a riferire che Chairmain dovrà occuparsi per qualche tempo della casa del prozio William, che è malato e che dovrà essere ricoverato presso gli elfi per curarsi, la sorpresa è forte per tutti.
Chairmain prende la novità come l’occasione di uscire di casa dove si sente sin troppo protetta, tuttavia lo zio William è un potente mago e la casa è fatata. Come potrà prendersene cura, visto pure che lo zio non le ha neanche fornito le debite istruzioni: infatti appena gli arriva in casa la nipote giungono gli elfi per portarselo via?
Ben presto Chairmain scoprirà che quel luogo giace nell’abbandono più completo: infatti i coboldi, che dovrebbero occuparsene, sono in sciopero contro il Mago, quindi ovunque ci sono sacchi di biancheria da lavare, stoviglie luride accumulate in alte pile, impianti idrici non funzionanti e sporcizia ogni dove.
A complicare la faccenda c’è la natura stessa della casa: all’apparenza è fatta solo di soggiorno e cucina, ma se, imboccata una porta, si gira a destra invece che a sinistra, o si fanno alcuni passetti laterali, si finisce in un labirinto di altre stanze, bagni, corridoi, magazzini, biblioteche, laboratori, cunicoli, grotte di coboldi e altri luoghi misteriosi e inesplorati, per di più non tutti situati nel presente. In aiuto di Chairmain (o forse è l’esatto contrario?) giunge Peter che dovrebbe fare d’apprendista al mago, ma non imbrocca un incantesimo neppure per sbaglio. Come ciliegina su questa torta già troppo ricca, Charmain riceve una lettera con la quale il Re in persona, in risposta a una lettera di referenze da lei inviata, le chiede di recarsi a palazzo per aiutarlo nella gestione dell’immensa biblioteca reale.

Comincia così il terzo e ultimo volume del ciclo dedicato al mago Howl e alle strampalate avventure in quel suo mondo magico. Lui, l’eponimo della serie, apparirà sotto mentite spoglie più avanti nella narrazione, assieme alla sua famiglia strampalata e al demone del fuoco Calcifer, giusto per rendere ancor più caotica la situazione, ma sin da subito le situazioni strane e scombinate si sprecano.
Più che nei romanzi precedenti si comprende che questa storia è pensata quasi esclusivamente per un pubblico giovanile. Le vicende si susseguono con lo stesso rapido ritmo con cui cambiano le scene nei film a cartoni animati. Non c’è molta attenzione ai personaggi che divengono essenziali non per come sono, ma per ciò che fanno. Anche il susseguirsi degli eventi non ha una connessione necessariamente coerente, ma, come nelle fiabe che ci si inventa per far addormentare i bambini, l’importante è che succedano più cose possibili, non importa molto se tutte logiche o conseguenziali. Anzi più strambe e (potenzialmente) comiche sono e meglio è. Ovviamente non possono mancare i “villain” di turno, nella specie rappresentati da un orrendo luddock, essere proteiforme dall’aspetto vagamente d’insetto, e dalla sua progenie, mentre ai coboldi (che somigliano molto ai puffi di Pejo) sono riservate parti più comiche e allusive (come la slitta tutta lustrini che stanno costruendo per gli elfi… immaginate a che scopo!).
Insomma ci troviamo davanti a una lunga, contorta favolona, piena di magia (anche per cucinare torte o riparare una tubatura incrinata!), personaggi strani e accadimenti surreali. Lo stile, ovviamente, è molto elementare, per adattarsi ai piccoli lettori a cui è rivolto, ma, indubbiamente ciò favorisce una scorrevolezza della lettura, anche se non è, di per sé, motivo di piacere. Per una persona adulta, infatti, il divertimento è relativo e, ogni tanto, subentrano pure alcuni momenti di noia, visto soprattutto che l’esito di tutte le vicende è abbastanza scontato. Ciononostante l’A., nei capitoli finali, si vede costretta ad un chilometrico “spiegone” per poter allacciare molti dei capi della trama che le sono restati pendenti.
Insomma il libro ha una sua ragion d’essere più che altro come chiusura del ciclo iniziato con “Il castello errante di Howl” il quale, a questo punto, si trova ad essere debitore, per gran parte della sua dignità, alla trasposizione cinematografica effettuata da quel genio dell’animazione che è il regista giapponese Miyazaky.
In definitiva è un romanzo consigliabile solo al pubblico giovanile al quale è dedicato e che ne potrà ricavare un discreto divertimento.
___________________
Una breve annotazione conclusiva: le bibliografie della Jones ci narrano che l’A. prese a inventarsi storie e a dedicarsi alla letteratura scritta frustrata dal fatto che suo padre le avesse lesinato da bambina la disponibilità di libri, ritenuti una spesa superflua. Nei suoi romanzi sarebbero stati trasfusi molti episodi e aneliti autobiografici in cui lei, per interposto personaggio, metterebbe molta parte di sé e delle proprie esperienze di vita. La bramosia compulsiva per la lettura di Chaimain e, per motivi diversi, del Re di Norland, ne sono chiara testimonianza. Da un lato non si può non provare tristezza per quella lontana bambina che desiderava tanto leggere, ma che non poteva farlo, dall’altro, egoisticamente, viene spontaneo rammaricarsi per questa carenza: la lettura stimola e accresce le esperienze e lo sviluppo della vita interiore di una persona; la sua mancanza si riflette pure in ciò che pensa, scrive e inventa. I lettori della Jones, purtroppo, soffrono di questo deficit.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Consigliato a chi ha letto...
Consigliato a un pubblico giovanile e a chi vuol scoprire le ultime avventure del mago Howl.
Trovi utile questa opinione? 
40
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Come amare una figlia
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il castello di Barbablù
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Delitti a Fleat House
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un volo per Sara
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Il caso Alaska Sanders
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Senza dirci addio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Run, Rose, Run. La stella di Nashville
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il vivo mare dei sogni a occhi aperti
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La casa di marzapane
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una stella senza luce
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Che razza di libro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le madri non dormono mai
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.5 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri

La casa per Ognidove
Miti del Nord
Un assassino alle porte
Il portale degli obelischi
Questo oscuro duetto
Lanny
Tra le braccia di Morfeo
Questo canto selvaggio
La torre del corvo
La quinta stagione
Una fiamma nella notte
La stagione delle tempeste
La signora del lago
La torre della rondine
Il battesimo del fuoco
Lascia dire alle ombre