Lanny Lanny

Lanny

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Un paese non lontano da Londra, case circondate dal bosco e immerse nel costante mormorio della natura. Qui risiedono molte famiglie che si sono trasferite dalla metropoli; e qui vive Lanny, un bambino soave e incantevole, vivace e radioso, che sembra avere con l'ambiente attorno a sé una connessione misteriosa, profonda e felice. Lanny si aggira nel bosco cantando melodie inafferrabili, parla con tutto quello che lo circonda, crea dal nulla linguaggi e visioni, reinventando il mondo ogni giorno. Il padre e la madre lo guardano come un folletto uscito da una fiaba, rapiti dai suoi guizzi continui, il cuore colmo del desiderio di averlo sempre vicino. «Lanny odora di pino e di altre cose belle. Ti prego non crescere tanto da non potermi più dare questi abbracci, mio piccolo mostro geotermico» ripete la madre a se stessa. Un giorno Lanny sparisce nel nulla. Il paese, la polizia, la televisione, la stampa, si uniscono nella ricerca. Il sospetto e l'ansia lacerano la famiglia, si teme sia successo qualcosa di tremendo. Nell'aria e nella terra, tra foglie e radici, si muove una creatura antica: è l'essenza stessa della natura, e guarda le cose e gli uomini nell'eterno flusso del tempo, il tempo che distrugge e rigenera ogni forma di vita, e osserva attratta e incuriosita Lanny, il bambino incantato.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
3.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Lanny 2022-03-06 14:14:54 Mian88
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    06 Marzo, 2022
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Fanghiglio Frondoso e Lanny

«Arrivò il suono di un canto,
Caldo di fiato creaturale,
E lui si è accoccolato contro di me,
Mi si è appollaiato in grembo,
Mi si è stretto al collo.»

“Lanny” di Max Porter, edito da Sellerio, è prima di tutto sperimentazione. Tanto narrativa quanto dal punto di vista del contenuto. Sin dalle prime pagine colpisce, scuote, disorienta per essere un esercizio di stile perfettamente riuscito, un gioco letterario e artistico, un tuffo pieno e completo nella creatività. Basti pensare a chi apre le danze della narrazione e più precisamente Fanghiglio Frondoso, albero secolare del villaggio, che tutto ascolta e tutto custodisce. Irriverente, malizioso e arguto nel suo narrare per mezzo di una parola che va fuori dagli schemi già solo per il suo proporsi. A seguirlo nel narrare Lanny, un bambino che a sua volta assorbe e fa proprio il pensiero altrui, un giovane puro che parla la lingua più antica, quella della natura, facendola sua, rendendola propria. Scoperte, novità, assenza di confini muovono Lanny a differenza degli adulti che non possono essere padroni delle proprie azioni e non possono salire sul parco della vita perché manovrati da schemi e da un burattinaio più grande che insieme al tempo che fugge e rifugge ne scandisce le azioni e ne delinea le scelte e conseguenze. Ma Lanny scompare. Cosa è successo e perché? Cosa ne è stato del piccolo? La ricerca ha inizio. Cosa ne sarà di lui?

«Siamo piccole scintille arroganti in uno schema grandioso.»

Avvicinarsi a un libro con queste caratteristiche, con queste capacità significa in primo luogo scegliere di mettersi alla prova e abbracciare un universo fatto di decostruzione in primis grafica. Quello che avviene è infatti un gioco decostruttivo di quella canonica forma grafica che non è però un qualcosa di fine a se stessa quanto un qualcosa di appartenente a un disegno più grande. E se in una prima parte del libro a stupire sono il narratore albero con le sue tante ramificazioni nodose e l’alienazione del giovane umano protagonista, nella seconda è il caos ad affastellare le pagine adesso prive dello spirito del bosco ma anche della purezza di Lanny. Il villaggio a sua volta è preda di voci che non hanno un io protagonista distinto e indiscusso quanto circolano sparsi tra voci che si sovrappongono.
Infine, la terza parte. Forse quella meno postmoderna, quella meno artistica nella struttura e nella prosa, ma comunque sempre estremamente visionaria. “Lanny” è un libro certamente ecologico, un libro che fa da inno alla simbiosi tra uomo e natura ma è anche un volume dalle tinte fiabesche che scuotono e restano, che nella sua frammentazione linguistica porta a una ricerca. Non solo dal punto di vista delle “sorti” del ragazzo quanto anche nella capacità e difficoltà di entrare in storie altrui con un ritmo costante che mai accelera ed immagini che sembrano acquarelli, che sembrano annacquate e diluite con troppa acqua. A far da padrona, la Natura. A concludere il quadro i sensi di colpa anche e non solo dei genitori.
Non è un libro semplice, “Lanny”. È uno scritto che solo in parte coinvolge ed entra in empatia, è un libro che in parte tiene a distanza, è un libro in cui si alterna anche una struttura narrativa teatrale, è un libro in cui a vincere è certamente la curiosità e la maestria dello scrittore nel riuscire a stimolare e a spronare a non fermarsi, a non limitarsi alle apparenze ma ad andare oltre. Perché alla fine un po’ tutti vorremmo riuscire a vivere con quella che è l’innocenza degli occhi di un bambino mixato alla capacità di credere davvero e senza dubbio nella forza delle idee. Uno scritto adatto a chi vuol sperimentare e mettersi alla prova.

«La memoria ondeggia come un timone difficoltoso, poi si solleva di schianto e prende il vento.»

Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Come amare una figlia
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il castello di Barbablù
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Delitti a Fleat House
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un volo per Sara
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Il caso Alaska Sanders
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Senza dirci addio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Run, Rose, Run. La stella di Nashville
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il vivo mare dei sogni a occhi aperti
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La casa di marzapane
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una stella senza luce
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Che razza di libro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le madri non dormono mai
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.5 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri

La casa per Ognidove
Miti del Nord
Un assassino alle porte
Il portale degli obelischi
Questo oscuro duetto
Lanny
Tra le braccia di Morfeo
Questo canto selvaggio
La torre del corvo
La quinta stagione
Una fiamma nella notte
La stagione delle tempeste
La signora del lago
La torre della rondine
Il battesimo del fuoco
Lascia dire alle ombre