Sopravvissuti Sopravvissuti

Sopravvissuti

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Ringil l’eroe del massacro di Gallows Gap, Archeth l’ultima della sua razza e Egar Dragonbane un nomade delle steppe un tempo guerriero. Antisociali, antieroici e decisamente arrabbiati, questi veterani della guerra che combattono senza macchia e senza paura per un mondo che non tornerà, stanno per essere chiamati a lottare per un mondo che gli ha preso tutto e che non gli ha dato nulla. Qualcuno pagherà per questo. Sesso, violenza e profanità si mescolano, con una straordinaria nota di humor, in un capolavoro del genere fantasy.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
4.6
Stile 
 
4.5  (2)
Contenuto 
 
5.0  (2)
Piacevolezza 
 
4.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Sopravvissuti 2012-07-30 07:36:32 Amarilli73
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Amarilli73 Opinione inserita da Amarilli73    30 Luglio, 2012
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Non è un fantasy per anime sensibili

Dimenticate la Compagnia dell’Anello, dimenticate le epopee con eroi ventenni vincenti e sfrontati, dimenticate le guerriere indomabili di cui tutti si innamorano, dimenticate la lotta del bene contro il male, perché questo libro sovverte tutti gli schemi del fantasy classico.

Sono passati nove anni dalla battaglia epica: i tre compagni di spada nel frattempo sono invecchiati, e hanno perso le illusioni di un tempo.

Ringil, il fu eroe di Gallows Gap, sopravvive grazie al ricordo di ciò che è stato, vendendo storie ai viaggiatori, con la sua terribile spada Amica dei Corvi appesa al camino della locanda. E’ fuggito al nord, via dai fasti e della fama: anche se di origini nobili, è tollerato a mala pena dalla sua stessa famiglia, perché si ostina a preferire i maschi come compagni di letto. Anche Egar, già Rovina del Drago, conduce una vita grama: ha accettato, suo malgrado, di diventare capo del clan paterno di nomadi delle steppe, ma il suo cuore è rimasto là, sul campo di battaglia; Lady Archeth, infine, l’ultima discendente del Popolo Nero, non se la passa meglio, costretta a servire un imperatore dispotico, destreggiandosi in una corte che è un covo di serpi corrotte, di sacerdoti fanatici e di schiave dalle carni bianche.

Il destino beffardo li riunirà di nuovo, perché Ringil, pur essendo un reietto, è l’unico che può rintracciare una giovane cugina, venduta per debiti e abbandonata da tutti.

Tuttavia, per Morgan, non sempre la sorte aiuta gli audaci. E, a volte, i peccati e i fantasmi del passato sono così opprimenti, da non meritare redenzione.

Atmosfere cupe e dolenti, e tuttavia bellissime. C’è un sole che muore tra nuvole a brandelli, che hanno il colore dei lividi, e ogni sera dolorosa si porta via qualcosa.

Alcune descrizioni mi hanno ricordato i paesaggi del ciclo di Dune di Frank Herbert e i romanzi di Paul Anderson (non a caso è sua la citazione iniziale del libro). Stile a volte secco, a volte vivido come la pittura di un affresco. Una volta superata l’ambientazione dei primi capitoli, la lettura ti travolge e ti rapisce, tanto che in certi momenti ti sembra quasi di sentire la bocca impastata di polvere, e il puzzo di sudore del cavallo.

Qualcuno ha già definito The Steel remains crudo; io direi crudele, una crudeltà che striscia, fino a un finale superbo e maledetto.

Davvero non è un fantasy per anime sensibili, però lo consiglio di cuore.

L’autore tira dritto, senza concedere nulla. Non ci sono buoni, non ci sono cattivi. Solo creature varie, con tutte le loro debolezze e le loro meschinità. Se si deve morire, si muore nel sangue, e non ci sono amici, e non ci sono vecchie alleanze, e non ci sono vecchi amanti che possano fermare la spada: perché, come dice Ringil, caustico e terribile, “Anch’io ho conosciuto la Bellezza, ma è una cosa che non mi ha mai fermato”.

Trovi utile questa opinione? 
170
Segnala questa recensione ad un moderatore
Sopravvissuti 2012-06-03 06:47:42 NobilisGughy
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
NobilisGughy Opinione inserita da NobilisGughy    03 Giugno, 2012
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

UN FANTASY ORIGINALE, UNICO E SFACCIATAMENTE REALE

Sopravvissuti è un romanzo che si fa largo a gomitate nella calca di pubblicazioni degli ultimi anni, come un impetuoso soffio di vento refrigerante e inatteso. Tematiche spiazzanti, filtrate attraverso un linguaggio crudo, triviale e uno stile narrativo dedito tanto all’azione convulsa della battaglia quanto al monologo interiore. Corruzione, omosessualità, commercio di schiavi, discriminazione di genere, tossicodipendenza… temi che sfiorano corde profonde e si snodano di fronte al lettore mediante le gesta di personaggi che spiccano per spessore psicologico.

Richard Morgan narra la storia di tre veterani di guerra: Ringil Eskiat (invincibile guerriero distintosi con onore in battaglie passate, ma ripudiato dalla nobile famiglia a causa della sua omosessualità), Lady Archeth (ultima rappresentante di delle due razze principali del mondo di Morgan, al servizio di un imperatore che disprezza) ed Egar (nomade del popolo Majar dalle vedute troppo ampie, combattuto tra amore e repulsione per la sua terra di origine).

Un fantasy adulto e reale, dove i confini morali sono fuggevoli e tutto è ribaltabile. Ma principalmente un fantasy dove gli eroi dovranno prima di tutto affrontare se stessi, in un mondo che non sembra avere più bisogno di loro.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
41
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'orizzonte della notte
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Five survive
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Compleanno di sangue
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La prigione
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Day
Day
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Morte nel chiostro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Pesci piccoli
Valutazione Utenti
 
4.1 (4)
Cause innaturali
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Tutti i particolari in cronaca
Valutazione Utenti
 
3.9 (3)
Dare la vita
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'età fragile
Valutazione Utenti
 
3.2 (3)
Il rumore delle cose nuove
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

La moglie del califfo
Redemptor
Il regno delle ceneri. I libri di Ambha
Arianna
La dea in fiamme
Shorefall
Se Mefistofele sbaglia Faust
Half Lost
The witch's heart. La leggenda di Angrboda
La repubblica del drago
L'ultima missione di Gwendy
La piuma magica di Gwendy
Raybearer
La guerra dei papaveri
Half wild
The Quick