Narrativa straniera Fantasy Un assassino alle porte
 

Un assassino alle porte Un assassino alle porte

Un assassino alle porte

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

Da anni, l'Impero governa col pugno di ferro, proibendo la scrittura e punendo chiunque non si assoggetti alla sua rigida disciplina. Negli ultimi tempi, però, la morsa di oppressione si è fatta ancora più stringente. Molti pensano sia una reazione volta a soffocare la ribellione nel sangue. In realtà, dietro quel cambiamento si cela la lunga mano del Signore della Notte, un essere tanto antico quanto potente, che sfrutta l'Imperatore per trovare i frammenti della Stella, un manufatto magico che, se riassemblato, consentirebbe ai suoi ginn d'invadere il mondo, seminando il caos. Elias e Laia sono tra i pochi a conoscere la verità e, per sventare quel piano malvagio, sono pronti a tutto, anche a rinunciare al loro amore. La missione, infatti, impone loro di separarsi. Laia deve andare a Marinn, per radunare un esercito che combatta l'Impero al fianco della resistenza, mentre Elias è stato scelto per aiutare la Traghettatrice di Anime, custode dei defunti. Da quando il Signore della Notte fomenta guerre e tumulti, gli spiriti sono inquieti e rischiano di distruggere il confine che separa il regno dei vivi da quello dei morti. A Elias si prospetta quindi una scelta impossibile: accettare il suo destino e non rivedere mai più la donna che ama, o seguire il cuore e lasciare che tutti ne paghino le conseguenze...



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
5.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Un assassino alle porte 2022-04-18 07:41:36 FrancoAntonio
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
3.0
FrancoAntonio Opinione inserita da FrancoAntonio    18 Aprile, 2022
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La vendetta del Ginn

Terzo e penultimo capitolo della saga di Elias Veturius, Laia di Serra e Helena Aquilla.
Laia, con l’aiuto di Elias è riuscita a liberare il fratello Darin dalle terribili prigioni di Kauf, ma il prezzo da pagare è stato altissimo: una scia infinita di morti e, tra questi, pure Elias, avvelenato dalla madre, che si è dovuto accordare con la Traghettatrice di Anime per restare ancora sulla terra, in un'esistenza sospesa nella Foresta del Crepuscolo. Però dovrà imparare da lei a guidare i fantasmi dei defunti a “passare oltre”, perché non infestino i viventi. Per farlo dovrà arrendersi alla magia di Mauth, dimenticare la sua natura umana e abbandonare Laia di cui è perdutamente innamorato.
Laia, invece è giunta nel regno di Marinn dove spera di convincere il fratello a produrre le armi nel famoso e indistruttibile acciaio di Serra. Ma è solo la prima tappa, poiché il suo compito è quello di guidare la Resistenza e sconfiggere il subdolo e insidioso Signore della Notte, che vuole vendetta su tutti i Dotti per il loro tradimento di oltre mille anni fa.
Nel frattempo in tutto l’impero imperversano i Marziali che sterminano senza pietà le popolazioni di Dotti, rei di aver fomentato una rivolta, e pure di Tribali, il popolo che ha cresciuto Elias ora nemico dell’Impero. La terribile Comandante Keris Veturia, sua madre, trama per detronizzare l’imperatore Marcus e non si ferma di fronte a ogni bassezza e tradimento della sua gente. Helena, ormai per tutti l’Aquila Sanguinaria, dovrà difendersi dalla sua ex istruttrice all’Accademia di Rupenera, dall’imperatore (che la odia, le ha sterminato la famiglia, continua a infierire sulla sorella, ora divenuta sua moglie, ma che, tuttavia, non può fare a meno di lei per restare sul trono), dai numerosi nemici che premono ai confini dell’impero e dal subdolo e insidioso Signore della Notte. Il re dei Ginn, infatti, cerca di recuperare l’ultimo frammento della Stella magica che consentirà di liberare il suo popolo dalla prigionia nella Foresta del Crepuscolo e dar inizio alla vendetta finale sugli umani.

Da questi pochissimi accenni sui primi capitoli del libro, si comprende come di carne al fuoco, in questo terzo volume, ce ne sia tanta, forse troppa, soprattutto perché, man mano che si procede nella lettura, aumentano i fili narrativi da seguire e le sempre più complicate trame che essi intrecciano. e nessuno di essi viene riannodato. La magia, quasi assente nel primo libro e poco presente nel secondo, diviene predominante e prevaricante in questo. Come un fiume in piena che ha rotto gli argini, ogni gesto, ogni vicenda è pesantemente influenzata da questo o quell’intervento magico. Nessuno dei personaggi principali è esente dal possedere qualche potere “soprannaturale” e l’esoterismo di fondo trabocca e pervade ogni cosa rendendo ogni passaggio che faccia appello alla sola logica della realtà, opinabile e nebuloso. Ciò, in aggiunta al fatto che, appunto, le varie avventure che si sviluppano divengono, pagina dopo pagina, più intricate e caotiche, rende l’intera narrazione abbastanza confusa e ambigua. Probabilmente, ma non mi sono preso la briga di controllare, anche le semplici concatenazioni temporali sono scarsamente rispettate, ma rese elastiche per assecondare il narrato.
Detto ciò sull’impianto generale del libro, per quanto attiene alla sua vera essenza non si può non notare, una volta di più, che questa è una storia di profughi, di donne violate, di bambini uccisi, per il solo gusto di farlo; una storia di dolore e sangue, di città date alle fiamme, di capi resi folli dal potere, di crudeltà incarnata in esseri che si dicono umani ma che, nella sostanza, sono carenti di ogni brandello di umanità. Insomma è una storia che pur essendo ambientata in un mondo totalmente inventato sa troppo di realtà per essere veramente piacevole. È una storia che, purtroppo, sembra l’immagine, solo un po’ deformata da uno specchio concavo, di quello che leggiamo ogni giorno sui giornali, al punto da ingenerare il sospetto che si tratti quasi di una mimesi letteraria del nostro Mondo, di una sorta di metafora (biografica?) del nostro quotidiano.
Dal punto di vista stilistico, osservo che tutte le vicende sono narrate sulla medesima nota monocorde: tragica, dolente e straziante. Un romanzo ideale, a mio avviso, dovrebbe avere un andamento ciclico, anzi, sinusoidale, con momenti di tensione e pathos alternati da tregue, parziali risoluzioni di conflitti, ove consentire al lettore di rifiatare, crearsi delle aspettative per un esito positivo o, comunque, maturare attese. Qui, invece, come in una ininterrotta valanga, non ci sono pause e non esiste un vero climax: ogni capitolo, ogni paragrafo è fradicio di sangue, patimenti e strazio esattamente come il precedente. Anche le poche parentesi parzialmente positive sono immediatamente offuscate da contemporanei disastri. Ma una corda se è troppo tesa rischia di spezzarsi e una narrazione se è troppo affannata dopo un po’ fa perdere la compartecipazione, l’empatia del lettore che diventa refrattario ad ogni nuova sventura. Ho notato, poi, che i personaggi principali, pur con le loro incertezze e titubanze, sono graniticamente delineati, in un modo, forse, eccessivamente schematico.
Nel complesso, però, si tratta di un romanzo angoscioso e straziante, sì, ma che vale la pena di leggere. Il fatto stesso che abbia sentito la necessità di spendere tante parole per evidenziarne i lati negativi testimonia il fatto che, accettati quelli che per me potrebbero essere difetti, sostanzialmente è un’ottima storia, innovativa nell’ambito del genere letterario fantasy; una saga che apre nuove strade all’immaginazione. Notevole, tra l’altro, che si sia voluto abbandonare il manicheismo tipico di questo filone narrativo: nessuno, qui, è totalmente buono o totalmente perfido. Anche i “vilain” di turno hanno il loro lato amorevole che, prima o poi, viene rivelato. Insomma, come dicevo, un buono specchio di quello che è la realtà e, forse pure, un’allegoria che potrebbe esserci di ammonimento nel momento stesso in cui ci mostra, senza veli e ingrandito come sotto un microscopio, il lato oscuro che alligna in ciascuno di noi.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Più che consigliato, questa lettura necessaria per chi conosce già i primi due romanzi della saga. Non può essere letto in modo separato, perché troppi sono i rimandi e le concatenazioni con le vicende che precedono. Complessivamente è una saga che merita di essere letta, ma, a mio giudizio, solo da un pubblico adulto,
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Foundryside
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La voce dell'acqua
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
M. Gli ultimi giorni dell'Europa
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Cena di classe
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Bersaglio. Alex Cross
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Sarti Antonio e l'amico americano
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il sale dell'oblio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il lampadario
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Carne e sangue
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
In tua assenza
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Lo sparo
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Foundryside
Il cielo di pietra
Il segreto della Regina Rossa
Il cielo oltre la tempesta
L'impero di sabbia. I libri di Ambha
La casa per Ognidove
Miti del Nord
Un assassino alle porte
Il portale degli obelischi
Questo oscuro duetto
Lanny
Tra le braccia di Morfeo
Questo canto selvaggio
La torre del corvo
La quinta stagione
Una fiamma nella notte