In silenzio si uccide In silenzio si uccide

In silenzio si uccide

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Il cadavere nudo di una ragazza con il viso truccato vistosamente e una lettera J tatuata sulla natica viene ritrovato sulla tomba di Jón Sigurðsson, eroe nazionale islandese. A un primo esame l'omicidio sembra avvenuto per strangolamento. L'autopsia, che pare confermare l'ipotesi, fornisce altre risposte: la vittima era anoressica e faceva uso di droghe, su tutto il corpo ci sono chiari segni di violenza. Come mai l'assassino ha deciso di lasciare il cadavere in un luogo così simbolico? Vuole lanciare un messaggio? Le indagini, affidate a Erlendur Sveinsson e Sigurður Óli, si prospettano lunghe e complicate, ma i due investigatori possono contare sull'aiuto di Eva Lind, la figlia di Erlendur, che frequenta le stesse brutte compagnie della vittima. In breve tempo riescono così a risalire all'identità della ragazza, Birta, che aveva solo ventidue anni. Tutte le piste conducono al sottobosco della droga e della prostituzione, un mondo in cui uomini ricchi e spietati si comportano da padroni, senza rispetto per la vita degli altri. L'assassino, però, potrebbe essere qualcuno di insospettabile… In questa sua seconda indagine, l'ispettore Erlendur, poliziotto in perenne lotta con i fantasmi del passato e con la sua inadeguatezza di padre, dovrà scavare nelle perversioni più torbide dell'animo umano, e si scontrerà con le promesse tradite di una intera generazione di giovani alla deriva, in un paese che ha sacrificato la propria identità e i propri valori.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuto 
 
3.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
 
In silenzio si uccide 2022-08-18 20:07:08 Mian88
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    18 Agosto, 2022
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un giallo sociale

Classe 1961 è Arnaldur Indridason autore islandese che ne “In silenzio si uccide” ci propone una indagine dalle tinte noir che vede quale protagonista, per la seconda volta, l’ispettore Erlendur, nostalgico che non comprende quel desiderio di uniformazione agli standard americani sposato e amato dai suoi connazionali. Perché perdere l’autenticità delle proprie radici radicandosi in quel di una dimensione dove viene prediletto il consumismo, il centro commerciale, il modo di dire della grande massa più che l’autenticità, si chiede.
Torniamo dunque in Islanda. L’indagine vede il ritrovamento del corpo di una ragazza senza vita e senza vestiti sulla tomba del Presidente Jòn Sigurosson, eroe nazionale. Il viso è estremamente truccato e la lettera J è tatuata sulla natica di questa. Da un primo esame le cause della morte sembrano essere riconducibili allo strangolamento. L’autopsia conferma le tesi iniziali degli inquirenti ma evidenzia anche un altro dettaglio: la ragazza non solo era anoressica ma faceva anche uso di droghe. Sul corpo sono molteplici i segni di violenza atti anche a comprovarne il consumo. Erlendur e Sigurrour Oli vengono investiti dell’indagine, una indagine che si dimostra lunga e complicata sin dai suoi primi albori. In aiuto allo svolgimento e risoluzione del mistero giunge anche Eva Lind che rispecchia i giovani sconfitti e disillusi e che frequenta le stesse brutte amicizie della ragazza. È così che vengono a scoprire della sua identità. La giovane si chiama Birta, aveva appena ventidue anni e non era originaria del luogo. Questo porta Erlendur e il Sigurrour Oli verso i fiori dell’ovest in una terra di piccoli villaggi di pescatori. Ma chi era davvero la donna? Perché è fuggita? Com’è entrata nel cerchio senza fine della dipendenza da droga?

Al tutto si somma la canonica scrittura rapida di Indrioason, dialoghi serrati e ben congegnati con ambientazioni nella Reykjavik di mezza estate. La sensazione è quella della claustrofobia. Con questo sole all’orizzonte che sembra sempre osservare e demarcare, che scruta e separa, che inquieta con le sue luci pallide. Ottima anche l’analisi sociale, lo svuotamento dei paesi, delle coste, la crescita sempre maggiore delle città, la civilizzazione e anche l’americanizzazione del territorio sempre più coinvolto e partecipe di una realtà non appartenente alle proprie radici.
Non forse il miglior giallo dell’autore ma, certamente, piacevole. Vince infatti non tanto per trama e intrigo dell’indagine quanto, al contrario, per contestualizzazione sociale e per contestualizzazione culturale. Molto interessanti, seppur amare, le considerazioni su quel mondo sommerso che viene riportato a galla, un mondo dove l’uomo-padrone può fare della sua vittima quel che vuole poiché alcunché della reietta interessa ad alcuno. Un mondo dove sembra vigere la regola secondo la quale se hai denaro sei padrone e puoi indiscriminatamente fare quel che vuoi. Di chi vuoi. Quando vuoi. Da considerarsi più un poliziesco che un giallo e da leggere anche per avere una panoramica a trecentosessanta gradi su quella che è la realtà non solo islandese.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La casa delle luci
Valutazione Utenti
 
2.5 (1)
Bournville
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il ragazzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Brave ragazze, cattivo sangue
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Angélique
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita in tasca
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Tasmania
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il lungo addio
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Un cuore nero inchiostro
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Oblio e perdono
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Respira
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una piccola pace
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Il lungo addio
Non aprite quella morta
Il segreto di Inga
Le ombre
Il treno per Istanbul
Agatha Raisin. Campane a morto
Il caso Agatha Christie
La casa nell'ombra
Trappola di sangue
Niente orchidee per Miss Blandish
Brave ragazze, cattivo sangue
Il verdetto
Ci vediamo stanotte
Quel che la marea nasconde
Il caso della sorella scomparsa
La ragazza di neve