L'uomo in fuga L'uomo in fuga

L'uomo in fuga

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

In una cinica America futuristica, Ben Richards decide di partecipare alle selezioni per l'"Uomo in fuga", un sadico, seguitissimo show dove il protagonista, braccato dai 'Cacciatori' della Rete e da chiunque lo riconosca, intasca cento dollari per ogni ora di sopravvivenza e, se allo scadere dei trenta giorni concessi è ancora vivo, un miliardo di dollari. Ben, che ha disperatamente bisogno di soldi per curare la figlioletta malata, viene giudicato idoneo e per lui comincia un incubo che si dileguerà soltanto nel colpo di scena finale. La traduzione del saggio di Stephen King "Perchè ero Bachman" è di Tullio Dobner.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 6

Voto medio 
 
3.9
Stile 
 
4.0  (6)
Contenuto 
 
3.7  (6)
Piacevolezza 
 
4.0  (6)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
L'uomo in fuga 2022-06-13 20:02:50 alessio
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
alessio Opinione inserita da alessio    13 Giugno, 2022
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Ben Richards

L’uomo in fuga è un romanzo di fantascienza scritto da Stephen King nel 1982 con lo pseudonimo di Richard Bachman.
La storia è ambientata in un’America futuristica, violenta e impassibile del 2025, le classi sociali sono prettamente due, ricco o povero non c’è via di mezzo, i livelli di inquinamento sono talmente alti che per respirare è necessario indossare dei filtri nasali, in modo tale da non incorrere a malattie mortali.
Per le persone povere trovare un lavoro stabile per avere un futuro dignitoso è un sogno praticamente irrealizzabile. Ma, nonostante le molteplici difficoltà, quello che non manca in ogni casa e la tv o meglio la tri-vu, un dispositivo simile ad un televisore in grado di proiettare immagini tridimensionali, dove vengono trasmessi ad ogni ora della giornata una serie di show d’intrattenimento e giochi in cui si vincono premi in denaro.
Fin qui si potrebbe pensare che non c’è a nulla di strano, anzi, sembra una realtà piuttosto attuale, quasi “innocente”, ma in verità in questi programmi, i giochi non sono poi così allegri, infatti i concorrenti sono proprio le persone povere, spesso malate che sono disposte a tutto, anche a mettere in pericolo la propria vita, pur di riuscire a guadagnare qualche soldo.
Tra milioni di poveri la storia si concentra su uno in particolare, Ben Richards.
Il nostro protagonista è un uomo di ventotto anni che vive nel quartiere popolare di Co-Op City insieme a sua moglie Sheila e la loro bambina di 18 mesi Cathy, che sfortunatamente è molto malata.

Dopo aver svolto differenti lavori, vive ormai in uno stato di disperata disoccupazione che non gli permette di garantire le cure adeguate a sua figlia tant’è che la moglie è costretta a prostituirsi per portare a casa qualche soldo.
Stanco e stufo di questa situazione, una mattina si dirige verso il grattacielo del Network Games Building dove decide di sottoporsi alla prova per poter partecipare a uno dei giochi proposti dalla Tri-vu.
Dopo ad una lunga serie di test, visite psicologiche e fisiche, viene selezionato per partecipare al gioco più famoso e remunerativo ma alquanto pericoloso:
Uomo in Fuga.
Lo scopo del gioco è molto semplice, deve fuggire e rimanere in vita per trenta giorni per vincere il Primo Premio: un miliardo di dollari.
Ma non è finita, il concorrente o la sua famiglia riceve 100 dollari per ogni ora che resta vivo, ha dodici ore di vantaggio, per organizzare al meglio la sua fuga, può procurarsi tutte le armi che vuole, può usare qualsiasi travestimento e spostarsi in qualunque stato, inoltre guadagna ulteriori 100 dollari per ogni Cacciatore ucciso, (spietati mercenari pronti a inseguirlo e ammazzarlo).
Come unica regola gli viene consegnata una telecamera, in modo tale da spedire alla trasmissione televisiva due cassette contenenti due brevi video, utili per lo show.

Richards non può far altro che accettare, per il bene di Cathy, per curarla, e non permettere più a sua moglie di vendere il suo corpo sulla strada.

Riuscirà Richards a vincere il Primo Premio?

Inseguiamo il protagonista nei suoi vari spostamenti, si percepisce molto l’ansia che prova, e tutti gli stati d’animo, ben descritti i luoghi e le scene, scopriamo pian piano tutto il marcio che logora l’America, le bugie, le manipolazioni mediatiche e la miseria.


E sono proprio le manipolazioni mediatiche a plagiare le menti dei ricchi, modificando le fotografie dei soggetti facendoli apparire come individui spietati, malvagi e disumani, in modo tale da portare ancora più odio verso i concorrenti.
Ben appare come un angelo della morte pronto a mietere le sue vittime e con una moglie che appare come un’insulsa sciattona.
Come per le immagini anche i video che Richards invia vengono modificati per dare un messaggio differente, tutto per nascondere la verità che Ben Richards cerca ogni volta di rivelare.

Nonostante la trama avvincente e l’idea originale questa storia non mi ha colpito ed entusiasmato secondo le mie aspettative, non ho trovato quei colpi di scena che avrei voluto o immaginato di trovare, ho riscontrato che alcune scene siano un po’ surreali e la prima parte del libro l’ho trovata un po’ lenta e a tratti noiosa.
Sulla parte finale del libro le aspettative sono state in parte riscattate, interessante il finale poco adatto ai deboli di stomaco, dove personalmente lo avevo immaginato diversamente.
Bella l’idea di strutturare il romanzo di 101 capitoli intitolati come un conto alla rovescia, da “meno 100…” a “…000”.
Da questo libro è stato tratto un film, L'implacabile, con protagonista Arnold Schwarzenegger, di cui ne suggerisco la visione.

Buona lettura.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
40
Segnala questa recensione ad un moderatore
L'uomo in fuga 2020-05-14 07:32:20 Tomoko
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Tomoko Opinione inserita da Tomoko    14 Mag, 2020
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Presente distopico

Quale libro migliore da leggere se non l’uomo in fuga in questo periodo dove siamo tutti costretti a casa?!
Per evadere un po’ da questa realtà ho deciso di leggere questo libro di circa 200 pagine che contiene molti argomenti di cui parlare.
Ci troviamo in un presente distopico, dove c’è molta povertà e le classi sociali sono ben suddivise tra loro. Siamo nel 2020 e la Tri-vu per deliziare il suo pubblico ha molti giochi a premi, tra i quali il macinadollari e l’uomo in fuga.
Il nostro protagonista Richards, per aiutare la figlia malata e la moglie, decide di presentarsi al Games Building per partecipare a un gioco a premi.
I concorrenti vengono sottoposti a scrupolosi esami medici e test psicologici e solo pochi di questi vengono ritenuti idonei per i giochi.
Richards viene selezionato per il gioco “uomo in fuga”. Da qui inizia il suo incubo dove dovrà scappare da tutti perché tutti possono denunciarlo. Se verrà trovato verrà giustiziato. Per ogni ora in cui riuscirà a sopravvivere intascherà un maggiore numero di nuovi dollari.
C’è di più oltre all’uomo in fuga, qui stephen King ci vuole trasportare in un mondo inquinato, dove è meglio guardare la Tri-vu così che il governo possa inculcarti ciò che vuole, mentre i libri vengono considerati come materiale per anticonformisti.
Mi ha ricordato un po’ “la lunga marcia” sempre di Stephen King, i protagonisti non sono nè eroi nè antieroi, solo che nell’ “uomo in fuga” non ti aspetteresti mai nessuno degli eventi e quindi sei costretto a divorare il libro fino al finale.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
La lunga marcia, battle Royale
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
L'uomo in fuga 2016-04-21 14:42:32 sonia fascendini
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
sonia fascendini Opinione inserita da sonia fascendini    21 Aprile, 2016
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

reality da paura

In questo volume del 1982 Stephen King ipotizza di aver superato di alcuni decenni la boa degli anni 2000 e di aver abbondantemente superato anche la boa della correttezza, del buon gusto e anche della decenza. In un'America dominata dalla televisione che qui diventa Tri-vu ogni cosa è portata all'eccesso. L'inquinamento ha superato ogni limite tollerabile, il controllo dello stato sulla popolazione è completo, le differenze tra ricchi e poveri sono abissali. Ma al centro di tutto c'è la tri-vu : "Ogni appartamento ne ha uno, non si sa se è consentito spegnerla". A farla da padrone dentro la magica scatola sono i reality ed i giochi a premi. Gli autori raggiungono vette di crudeltà insormontabili, gli spetttatori sono anestetizzati e richiedono sempre di più, i concorenti dal canto loro hanno solo questa opportunità per mantenere la loro famiglia.
Tra questi il gioco peggiore è "l'uomo in fuga". La sceneggiatura è molto semplice: il concorrente viene braccato e se preso ucciso da una serie di cacciatori. Il pubblico se lo incontra può fare la spia e ricevere in cambio una taglia. Il premio più alettante rimane però quello di assistere in diretta all'esecuzione. Con King seguiamo la fuga di Richard ventottenne con una figlia ammalata che decide di sacrificarsi per lasciare in eredità alla famiglia il premio di partecipazione al gioco. In un crescendo di tensioni ne condividiamo i piani, le preoccupazioni per la famiglia, le delusioni per le strategie fallite, esultiamo per i suoi successi e condividiamo ed applaudiamo alla sua mossa finale.
Libro che in alcune parti fa sentire i suoi anni. Questa futura America surreale è comunque resa molto bene. Lucide e chiare sono anche le emozioni del protagonista, le sue motivazoni e quelle di chi lo aiuta e di chi invece lo tradisce. Considerando il livello basso a cui sono arrivati oggi i reality un libro di questo tipo oggi fa più rabbrividere di quanto lo avrebbe fatto al momento in cui è uscito.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore
L'uomo in fuga 2015-08-27 10:32:24 Bruno Izzo
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Bruno Izzo Opinione inserita da Bruno Izzo    27 Agosto, 2015
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Conflitto d’interessi.

In un futuro quasi prossimo, o in un presente già attuale, il potere politico ed economico in un’ipotetica società comprende anche il dominio totale dei mezzi di comunicazione di massa: ne consegue un vero e proprio conflitto d’interessi.
Privo di un minimo di controllo, di censura, d’informazione imparziale, il potere politico diventa allora assoluto, svolge opera di persuasione occulta e d’influenza subliminale, trasforma ed elabora la cronaca e le notizie a proprio uso e consumo, deteriora l’umanità, la libertà di scelta e di conoscenza, la consapevolezza dei cittadini, trasformandoli in semplici, obbedienti, consumatori di beni e di servizi, del tutto asserviti e plagiati dal potere centrale, che quotidianamente e metodicamente, compie un vero e proprio lavaggio del cervello, utilizzando ai propri esclusivi fini il potere dei media.
Quest’appena descritta non è, come si potrebbe credere, la succinta descrizione della società a suo tempo profetizzata da Orwell nel suo “1984”, e nemmeno un sunto della spinosa questione se non vi sia conflitto pericolosissimo per la libertà, rischiosa contrapposizione quando chi detiene una leadership politica risulta, putacaso, anche un imprenditore principe dei media, se questo particolare inficia o influenza il consenso politico in maniera più o meno occulta.
Trattasi invece dello scenario in cui è ambientato “L’uomo in fuga” di Stephen King, uno dei romanzi “minori” dello scrittore del Maine, a suo tempo edito con lo pseudonimo di Richard Bachman. Considerata l’epoca non sospetta in cui fu scritto, presenta un’ambientazione alquanto originale, singolare e nello stesso tempo difforme dagli scenari classici delle più conosciute opere kinghiane. In questo romanzo King immagina che, nell’ordine delle cose appena descritto, le autorità utilizzano il mezzo principe, la televisione, come un vero e proprio persuasore occulto, propugnando agli spettatori l’equivalente moderno del “panem et circenses” dei tiranni romani. Pertanto, a fianco all’onnipresente e martellante pubblicità che invita all’acquisto e al consumismo sfrenato e ossessivo, visti come unica ragione di vita, sono propinati spettacoli via via sempre più crudi, assurdi, sanguinari ma che appunto, essendo l’equivalente moderno dei cristiani sbranati vivi dai leoni nel Colosseo, stimolano e appagano esclusivamente gli istinti più bassi e triviali della massa che fa audience, accattivandosene l’attenzione e la simpatia, permettendone il controllo e lo sfruttamento.
Ben Richards, il protagonista, ha conservato ancora una parvenza di dignità e di capacità di giudizio, ma i casi sventurati della vita, una figlia gravemente ammalata, la disperazione della disoccupazione, una moglie costretta a prostituirsi per garantire, in qualche modo, la sussistenza della famiglia, lo spingono a partecipare al più cruento dei giochi del network dominante, ed anche quello più ricco in montepremi: “L’uomo in fuga”, appunto. Braccato non solo dai cacciatori di taglie professionisti al soldo del potere costituito, ma in pratica da tutti gli abitanti del pianeta in possesso di un apparecchio televisivo, Ben deve riuscire a non farsi trovare per un periodo sufficientemente lungo e per incrementare il montepremi e per rimanere in vita, giacché il gioco, efferato e crudele, non prevede regole e tutti i mezzi sono leciti. Ma lo sono soltanto ed esclusivamente per i cacciatori, perché, con stupefacente ed agghiacciante abilità, i media manipolano fatti e notizie trasformando l’innocente Ben nel classico mostro in prima pagina, trasformando un’efferata caccia all’innocente in una santa opera di giustizia collettiva.
Il finale non è hollywoodiano, a conclusione felice: ma nello stile del primo King, quello di “Cujo” e “Carrie”, avrà un epilogo tragico e catartico. Ben Richards scoprirà le magagne del potere, classicamente finirà per trasformarsi da preda in cacciatore e il suo sacrificio, forse, non sarà stato vano, permetterà la diffusione, in qualche modo, di brandelli di quello che è il bene supremo dell’umanità: la verità.
Scritto sulla falsariga di un altro romanzo bachmiano quale “La lunga marcia”, a questo assomiglia per il genere, la fantasy fiction, e per le caratteristiche comuni dei protagonisti.
Il Garraty de “La lunga marcia” è, come il Richards de “L’uomo in fuga” un eroe controcorrente, un banale protagonista del quotidiano che, in un sussulto di dignità, prova a riscattare, in un anelito di libertà, la propria umanità brutalizzata e standardizzata da una tecnologia crudele e assurda che non è, come da presupposti, al servizio del benessere dell’umanità, ma è strumento fine e aberrante dello sfruttamento dell’uomo sull’uomo.
Di King si ritrovano le atmosfere, la maniacale descrizione dei personaggi e degli intrecci, l’interiorizzazione totale nelle vicende e nei pensieri, ancora però abbozzati, ancora non compiutamente e magistralmente espressi, come da lì a poco farà lo scrittore del Maine con le opere della raggiunta maturità.
Perché “L’uomo in fuga” è, per King, un banco di prova, un esercizio di scrittura, un saggio delle sue capacità artistiche; esso può leggersi secondo ottiche diverse, si possono riconoscere temi cari al King uomo e scrittore.
Lo Stephen King cresciuto ed allevato dalla sola madre, che compenserà questa privazione creandosi una propria, solida famiglia con la moglie Tabitha ed i tre figli, si ritrova nell’amore che Ben Richards porta ai propri cari; l’animo democratico di King che si sdegna per la manipolazione della verità emerge nella sottile denuncia allo stile americano di vita, troppo legato ed influenzato dal potere dei media.
Ma soprattutto emerge, inarrestabile, la gran voglia di scrivere, il desiderio fortissimo di King di mettere in ogni caso nero su bianco, di sfornare storie per il piacere prima di tutto suo e poi del suo pubblico, che è il motivo fondamentale, la molla principale che proietta letteralmente King come un uomo in fuga verso il meritato successo.
Di cui tuttora gode presso generazioni di lettori in tutto il mondo che la sera, dopo gli impegni quotidiani, preferiscono senz’altro la compagnia di un libro del Re del Maine alla dose, sempre uguale, di scempiaggini trasmesse dagli ubiquitari ed onnipresenti network.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Stephen King e Richard Bachman
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
L'uomo in fuga 2013-11-17 13:16:37 Ettore
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Ettore Opinione inserita da Ettore    17 Novembre, 2013
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Cercano l'uomo che si nasconde

Non sono un fan di King. Potrei dilungarmi molto sulle motivazioni che non mi fanno apprezzare lo scrittore, ma la domanda a cui mi sento di rispondere (soprattutto per correttezza ai lettori di questo commento) è questa: se non mi piace King, perché allora leggo i suoi romanzi?
Perché, che mi piaccia o meno, King è un grande inventore di trame, ed è per questo che mi sono trovato molte volte a leggerlo come se soggiogato da un incantesimo, che infine però si infrange.
Le sue trame sono sempre intriganti, ma "L'uomo in fuga" è riuscito anche a sorprendermi per la sua piacevolezza. Forse perché ha dalla sua la brevità, mentre i must di King, da "It" a "Shining", sono dei mattoni che, a mio dire, sono privi di ritmo e di contenuti che giustificano così tante pagine.
"L'uomo in fuga" è un lavoro sia semplice che ambizioso. Un mondo dispotico in cui le persone sono ipnotizzate dalla televisione onnipresente, che trasmette programmi dove i più poveri e malmessi si giocano la vita per denaro, e che vengono spinte a ignorare il degrado sociale e ambientale in cui vivono.
Nel romanzo, Richards, protagonista indiscusso, a causa del suo dramma personale prova a partecipare in uno dei giochi, ritrovandosi però nel più pericoloso: l'uomo in fuga.

Il romanzo è scorrevole, intelligente, e non osa mai troppo, riuscendo probabilmente a piacere a chiunque. Forse però proprio questa particolarità non me l'ha fatto godere appieno, perché il protagonista (voce del romanzo) non riesce a essere né un eroe né un anti-eroe, e tutti i suoi dialoghi sono pieni di morale posticcia - eroica - condita da un linguaggio scurrile per poter sporcare un po' il personaggio - anti eroe -.
Inoltre un'altra mia critica va ad alcuni commenti che ho letto nel web: trovo inutile paragonare questo romanzo a quello di Orwell. King non riesce minimamente ad avvicinarsi al dramma sociale e psicologico, alla terribile intelligenza politica di 1984.

Per me "L'uomo in fuga" è stata una piacevole lettura, da week-end, con un finale non troppo scontato, anche se a tratti comico.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Romanzi di King, letteratura dispotica.
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
L'uomo in fuga 2008-08-14 16:13:46 fabiomic75
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
fabiomic75 Opinione inserita da fabiomic75    14 Agosto, 2008
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

King è King!

Ancora una conferma del fatto che King in quanto a idee e capacità descrittiva non è veramente secondo a nessuno. Il racconto è ambientato in un America futuristica dove le persone ridotte alla miseria più assoluta possono scegliere se mettere a repentaglio la propria incolumità fisica in alcuni reality show in cambio di ricchi premi in denaro. Il più importante di questi "spettacoli" è appunto "L'uomo in fuga" a cui sceglie di prendere parte il protagonista del romanzo la cui moglie è costretta a battere per comprare le medicine alla figlia neonata malata. Egli dovrà riuscire ad evitare la morte sfuggendo per un intero mese ai "cacciatori della rete". La trama è piuttosto avvincente e angosciante in certi tratti soprattutto grazie alle già citate capacità di king alias bachman. Consigliato agli amanti del genere.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
La lunga marcia
Trovi utile questa opinione? 
20
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Come amare una figlia
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il castello di Barbablù
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Delitti a Fleat House
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un volo per Sara
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Il caso Alaska Sanders
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Senza dirci addio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Run, Rose, Run. La stella di Nashville
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il vivo mare dei sogni a occhi aperti
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La casa di marzapane
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una stella senza luce
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Che razza di libro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le madri non dormono mai
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.5 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Gli eredi di Stonehenge
In tre contro il delitto
Un sacrificio accettabile
Il castello di Barbablù
Run, Rose, Run. La stella di Nashville
Girl in snow
Avversario segreto
L'ermellino di porpora
Otto perfetti omicidi
Città in fiamme
Lupa nera
Prede
Il cercatore di tenebre
La solitudine del ghiaccio
Il dottor Bergelon
Il mistero della signora scomparsa