Narrativa straniera Gialli, Thriller, Horror Penelope Poirot fa la cosa giusta
 

Penelope Poirot fa la cosa giusta Penelope Poirot fa la cosa giusta

Penelope Poirot fa la cosa giusta

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice


Con il sangue che le scorre nelle vene, Penelope Poirot sprizza talenti: la vocazione per risolvere misteri, la propensione a vivere artisticamente, il palato fine e la penna feroce di una critica gastronomica perfetta. La passione, si sa, quando arde divora, e Penelope Poirot è provata nello spirito quanto ammorbidita nel corpo; stile Botticelli, dice lei, stile krapfen, pensa e non dice Velma Hamilton, la sua nuova, perplessa segretaria. E il momento di cambiare, di partire: c'è una clinica salutistica, nelle colline del Chianti, che promette di depurare corpo e mente. Ha un bel sapore gotico, avvolta così dai rampicanti, stemperato dalla luce dorata che occhieggia dalle persiane. A cena il cibo è mesto, ma il bellissimo giardiniere sa come fartelo dimenticare. La donna alta e misteriosa scatena rivalità, odio e simpatia; la famosa scrittrice il desiderio insopprimibile di rubarle il marito. Penelope non rinuncia al tacco dodici e alla volpe bianca neppure quando trascina Velma ad abbandonare ogni principio in osteria, e basta una pasticca alla violetta per coprire un altro vizio clandestino. Poi, nelle sedute libido-dinamiche, scavano tutti insieme buche immaginarie per disseppellire i segreti. Operazione non priva di rischi: certi segreti, allo scoperto, esplodono. C'è odore di gelo nell'aria di novembre, e il delitto, quando accade, è sulla neve bianca. Neve che cade imperterrita sull'assassino, sulle prossime prede, sulla nuova trappola.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
3.0  (2)
Contenuto 
 
3.0  (2)
Piacevolezza 
 
3.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Penelope Poirot fa la cosa giusta 2017-08-24 06:54:19 ornella donna
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
ornella donna Opinione inserita da ornella donna    24 Agosto, 2017
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Sherlock Holmes e Penelope Poirot: chi fa la cosa

“E’ proprio nei momenti di abbandono che la capacità di ragionare dà le sue prove migliori, assurgendo a livello di intuizione”.
Sono le parole del fido Watson, il collaboratore del detective Sherlock Holmes, non può fare a meno di notare che il rigore di un freddo ed astratto ragionamento logico deve trovare un compromesso con l’intuitività e col senso comune se vuole commisurarsi con la realtà dell’esperienza vissuta: e forse è per questo, per venire incontro alla realtà sensibile, che il cristallino intelletto di Holmes va leggermente “corretto” con un pizzico di stupefacenti. A questo principio si affida anche Penelope Poirot, discendente del leggendario Hercule Poirot, una simpaticissima quanto intrigante signora inglese di quasi mezza età, protagonista de Penelope Poirot fa la cosa giusta, romanzo di Becky Sharp (nome d’arte di Silvia Arzola), dal sapore fortemente gotico e di preziosa fattura narrativa e linguistica. La Poirot, alla quale piace “annebbiare” l’ingegno con un bicchierino tracannato di tanto in tanto, è convinta che per risolvere un giallo ci voglia soprattutto suggestione: un fiuto quasi animale, l’infallibile capacità della sensibilità di captare i segni di un delitto:
“oltre alla silhouette a forma di pera, il prozio le aveva trasmesso una qualche eredità genetica: un talento nel risolvere oscuri crimini o perlomeno la facoltà di giudicare misteri letterali.”
Che il fiuto non le manchi non è strano: di mestiere fa la critica gastronomica, ha alle spalle una lunga carriera da buongustaia che le ha depositato quei chili di troppo direttamente sul girovita Ed è proprio per perdere questi chili che l’elegante signora inglese, coi suoi bauli di vestiti, il suo collo di volpe, sui suoi tacchi a spillo, si reca nel cuore della Toscana, a Villa Onestà, insieme alla sua segretaria Velma Hamilton, una non più giovane e quasi zitella donna anche lei inglese. E’ all’interno della villa,una sorta di clinica della salute in un parossistico stile new age, che, in un clima di sottilissima quanto esilarante ironia, s’inscena una concatenazione di intrallazzi amorosi e misteri che condurranno al fantomatico e immancabile delitto. Sin da subito si respira un’aria inquieta che fa di Villa Onestà una versione ironica e postmoderna del sanatorio di lusso della Montagna magica: sulla scena si muovono vari personaggi, come la scrittrice di romanzi gialli Elisabeth e suo marito Achille, il “vero” scrittore, e ancora il medico direttore della clinica, avvenente ed inquietante padrone di casa e una piccola folla di massaggiatori, giardinieri, cuochi ed ospiti variopinti. L’autrice tesse la trama da sapiente conoscitrice del genere, del quale sono spesso presenti molti elementi caratteristici: tra di essi la collaborazione tra la detective e la sua aiutante, come nei romanzi di Conan Doyle; e anche una parte della narrazione sotto forma di diario memorialistico composto dalla collaboratrice Velma, come nei Delitti della Rue Morgue di Edgar Allan Poe. L’irruente Penelope Poirot è convinta, come lo era anche il detective Auguste Dupin, che per risolvere un caso non si debba applicare un ragionamento troppo analitico, astratto, seguendo un’idea fissa che ci si era proposti. Bisogna,
“restare a distanza, mantenere una visione d’insieme, non andare mai troppo a fondo”,
e solo allora attendere con pazienza che l’intuizione e il senso comune colgano quegli elementi necessari alla risoluzione. Elementi che emergono dal contesto, come nel romanzo della Sharp, rendendo l’effetto suspense ancora più riuscito. Elementi che, per colpa del caso, potrebbero anche non presentarsi mai. Chi lo sa se Penelope Poirot riuscirà, con suo grande intuito e con un pizzico di fortuna, a fiutare e, infine, a fare la cosa giusta.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
40
Segnala questa recensione ad un moderatore

Penelope Poirot fa la cosa giusta 2017-07-20 13:38:33 Chiara77
Voto medio 
 
2.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
3.0
Chiara77 Opinione inserita da Chiara77    20 Luglio, 2017
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Penelope e Velma sulle colline del Chianti

In cerca di una lettura frizzante e piacevole mi sono imbattuta in questo libro dalla copertina molto accattivante. Ho letto la sinossi e mi sono aspettata il meglio: un giallo impreziosito da ironia e una protagonista arguta e simpatica. Purtroppo le mie aspettative sono state in buona parte disilluse.
Ci troviamo a Londra, alla fine degli anni '90 e una donna di circa trent'anni, rimasta orfana dei nonni che l'hanno cresciuta, sta cercando una prima occupazione. La “zitella” si chiama Velma Hamilton ed ha origini italiane: diventerà l'improbabile segretaria di Penelope Poirot, nipote del celebre personaggio letterario e critica gastronomica, che però si autodefinisce “artista”.
Velma e Penelope partono alla volta dell'Italia, della Toscana in particolare, per trascorrere qualche giorno in una clinica salutistica diretta da Alex Cosser, un medico altoatesino con carisma e fascino da vendere. A questo punto si dipanano le fila di un mistery un po' annacquato e, secondo me, non particolarmente avvincente.
La scrittura di Silvia Arzola, questo il vero nome della scrittrice, è elegante e ricercata; l'idea da sviluppare nel romanzo era ottima, ma alla fine non sono rimesta pienamente soddisfatta dalla lettura.
Il carattere e l'interiorità delle protagoniste potevano essere indagati più a fondo: si fanno solo brevi accenni al loro passato, al vissuto che le ha rese come sono.
In conclusione, un libro per trascorrere qualche ora sotto l'ombrellone, personalmente però l'ho trovato poco coinvolgente come giallo, non sono riuscita a cogliere l'ironia dell'autrice e ho trovato le due protagoniste troppo evanescenti. Siamo ben lontani dal modello letterario a cui si fa esplicito riferimento nel titolo.
In sintesi: superficiale ma ben confezionato.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Assolutamente musica
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Lo stato dell'unione. Scene da un matrimonio
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una vecchia storia. Nuova versione
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La palude dei fuochi erranti
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il treno dei bambini
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La bambina del lago
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il pittore di anime
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Rosamund
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
I testamenti
Valutazione Utenti
 
3.6 (2)
L'istituto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Impossibile
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultima notte di Aurora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti di QLibri