Ultima notte a Manhattan Ultima notte a Manhattan

Ultima notte a Manhattan

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

Manhattan, alla fine degli anni Cinquanta, è all’apice del suo fulgore, il posto ideale per chi ha grandi ambizioni o vuole soltanto cambiare vita. Joe Keneally è un giovane senatore che mira alla presidenza. Walter Withers, invece, a New York ci è tornato. Ha lavorato a lungo per la Cia e adesso è un investigatore privato in una grande agenzia di sicurezza. Le loro parabole si intersecano quando a Withers viene chiesto di fare da scorta durante un party a Madeleine Keneally, l’affascinante e ricca moglie del senatore, la «principessa d’America» che sembra destinata a diventare First Lady. Un compito di routine, all’apparenza. Ma nello stesso albergo alloggia anche la giovane e bella amante del senatore. E il mattino dopo la ragazza viene trovata morta. Un suicidio, all’apparenza. L’unico a non crederci è Walter Whiters. Withers sa, per esperienza, che avvicinarsi troppo alla verità è pericoloso, in certi casi. Per salvarsi, e salvare chi ama, dovrà affrontare i suoi vecchi datori di lavoro e soprattutto l’Fbi di J. Edgar Hoover, che sono decisi a fermare l’ascesa di Keneally. E cosí si ritrova – lui, un maestro nell’incastrare gli altri – a essere, per la prima volta, in trappola.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuto 
 
5.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Ultima notte a Manhattan 2021-02-03 14:37:05 cesare giardini
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
cesare giardini Opinione inserita da cesare giardini    03 Febbraio, 2021
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Spionaggio ed agguati nella New York del dopoguerr

Ecco un autore di grande spessore, che relega, devo dirlo a malincuore, i miei tre giallisti preferiti (James Patterson, John Grisham e Jeffery Deaver) in secondo piano. James Patterson, lo stakanovista della produzione letteraria poliziesca, il narratore (lui e la sua équipe) di storie vendute a centinaia di milioni di copie. John Grisham, il signore del legal thriller, sempre preciso e documentato, forse un po’ noioso, certo, ma la colpa, si fa per dire, è degli argomenti che tratta: hanno un certo fascino, ma non promettono quei colpi di scena che solleticano l’emotività del lettore. Jeffery Deaver, infine: basta citare l’impareggiabile coppia investigativa Lincoln Rhime e Amelia, ed è detto tutto. Ma Don Winslow, a mio parere, è di un’altra categoria: oltre che scrittore, è regista, attore, consulente a vario titolo, è stato addirittura investigatore privato e, per qualche anno, guida nei safari africani. Insomma, uomo dai mille mestieri, aperto alle novità, dotato ( ma ne riparlerò) di una scrittura brillante, vivace, ironica, una scrittura che fa sentire il lettore parte dell’azione, immerso nelle situazioni ambientali più svariate (compresi suoni, colori, luci), tanto da renderlo quasi partecipe della narrazione e parte integrante.
Il romanzo è tutto da godere, a cominciare dal periodo in cui si svolge. Siamo nella New York degli anni ’50, una città che, finita la guerra, sta rinascendo, piena di vita e di rinnovati entusiasmi. Protagonista è Walter Withers, ex spia della CIA ed ora investigatore per una compagnia privata la Forbes & Forbes: l’incarico è quello di sorvegliare e proteggere la bella ed affascinante moglie, Madeleine, di un senatore, Joe Keneally, in corsa per la presidenza degli Stati Uniti. Al bravo Walter ne capitano di tutti i colori: integerrimo nel suo lavoro, uomo dal cuore tenero e dalla mira infallibile, deve destreggiarsi tenendo d’occhio, oltre a Madeleine, che deve occultare una sua precedente passione (con tanto di lettere compromettenti) per un noto poeta ubriacone, M Guire, un tipo underground alla Bukowski per intenderci, anche una strepitosa bionda scandinava, spia sovietica e amante del probabile futuro presidente Accade un imprevisto: la bionda viene assassinata: la polizia di New York indaga sull’incolpevole Walter, l’ultimo, pare, ad averla incontrata. Il romanzo, da qui in poi, si fa avvincente: il nostro è braccato e deve sfuggire a deviati e collusi (con i russi) servizi segreti della CIA, all’FBI ed al suo temibile e infido capo Edgar Hoover, alla polizia di New York ed a scagnozzi vari in un susseguirsi di agguati e colpi di scena, finchè riuscirà a consegnare al vero “Vecchio” della CIA il materiale compromettente che incastra il senatore e che svela i pericolosi e inopportuni rapporti con la bionda spia di Mosca, Marta. Come premio, Walter avrà, forse, un incarico come agente della CIA in Indocina: nell’attesa, si godrà un meritato riposo con la sua bella, una cantante jazz tutta pepe e dai gusti particolari.
La storia, in estrema sintesi è questa, ma sono le atmosfere di una New York rinata che incantano e che Don Winslow descrive con rara maestria. Godetevi ad esempio la frenesia che coglie la città la notte dell’ultimo dell’anno (il 1958), il trambusto del traffico, la corsa agli ultimi regali, oppure la lunga descrizione del Village: suoni, luci, colori, sapori (“…una granita italiana in una giornata calda, spaghetti in salsa marinara, pane imburrato, espresso forte, vino rosso dolce…”) rendono il quartiere unico nel suo genere, un’esplosione di vita e di personaggi (gli italiani sono più volte citati) tale che il lettore sembra quasi farne parte e viverne in prima persona la vivacità e le emozioni. E che dire della minuziosa cronaca di un incontro di football americano, incontro vissuto da Walter in compagnia del già citato McGuire. C’è poi, per non trascurare nulla, una visita di Walter ai genitori. Si discute, tra l’altro, sul comunismo, allora in auge oltreoceano, e sui suoi rapporti con il cattolicesimo: la domanda di Walter da che parte sarebbe stato Gesù se fosse vissuto a quei tempi fa riflettere, e pone interrogativi inquietanti.
Scrittura brillante e coinvolgente: stringata e incisiva nelle azioni concitate, precisa e documentata, con un pizzico di nostalgia, nella descrizione degli ambienti cittadini. Il tutto con piglio ironico, quasi volesse rassicurarci che sembra tutto vero ma forse non lo è. A tal proposito, illuminante è la definizione dello scrittore da parte di Janet Maslin, del “ New York Times”: “Don Winslow nella sua scrittura fonde mirabilmente il grave con il giocoso, l’incubo con la speranza riuscendo ad essere contemporaneamente irriverente ed assolutamente serio”.


Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Altri romanzi di Don Winslow
Trovi utile questa opinione? 
50
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il vizio della solitudine
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'uomo del porto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Urla sempre, primavera
Valutazione Redazione QLibri
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il vino dei morti
Valutazione Redazione QLibri
 
1.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
E verrà un altro inverno
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Alabama
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
A grandezza naturale
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sotto la cenere
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sanguina ancora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il gioco della notte
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Hozuki
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il valore affettivo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri