Narrativa straniera Romanzi storici E' tempo di ricominciare
 

E' tempo di ricominciare E' tempo di ricominciare

E' tempo di ricominciare

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice


È il 1949. La guerra è finita. I nazisti sono stati sconfitti. Come molte altre città, Amburgo è ridotta a un cumulo di macerie e in parecchi si ritrovano senza un tetto sulla testa. Fra questi, Henny, che ha finalmente accettato di sposare Theo e continua a cercare la cara Ka?the, che risulta ancora dispersa nonostante l'amica sia sicura di avere incrociato il suo sguardo, la sera di San Silvestro, su quel tram... Nel frattempo, mentre Lina e la sua compagna Louise aprono una libreria in città, Ida si sente delusa dal modesto ménage coniugale con il cinese Tian, pur avendo mandato all'aria il suo precedente matrimonio per stare con lui, e ricorda con nostalgia la sua giovinezza di rampolla di una famiglia altolocata. Sono in molti ad aver perso qualcuno di caro, e sono in molti ad attendere il ritorno di qualcuno, giorno dopo giorno, alla finestra. Ma per i sopravvissuti tornare a casa non è facile, si ha paura di cosa si potrebbe trovare, o non trovare più.Gli anni passano, i figli delle protagoniste crescono e anche loro hanno delle storie da raccontare. Sullo sfondo, la ripresa dell'economia tedesca e le rivoluzioni sociali che hanno scandito gli anni Cinquanta e Sessanta: lo sbarco sulla Luna, la costruzione del Muro di Berlino, il riarmo e la paura del nucleare, l'arrivo della pillola anticoncezionale, l'irruzione della televisione nella vita quotidiana delle famiglie, l'inizio dei movimenti studenteschi e la musica dei Beatles. Dopo "Figlie di una nuova era", il secondo capitolo di questa trilogia che racconta la vita di quattro amiche nella Germania del Novecento.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuto 
 
3.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
E' tempo di ricominciare 2019-10-15 19:31:18 68
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
68 Opinione inserita da 68    15 Ottobre, 2019
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Leggerezza inconsistente

Amburgo,1949, gli esiti della Guerra nella pulizia in atto, un giorno forse il rullo dei tamburi cesserà per lasciare spazio a qualcosa di nuovo, ad una generazione destinata a vivere una pace duratura.
C’ è chi spera nel ritorno dei sopravvissuti, chi ancora crede di avere riconosciuto un viso su un tram, chi fugge da un passato che l’ ha respinto, chi vorrebbe formare una nuova famiglia, chi è infelice in quella attuale, chi semplicemente ha ricominciato una nuova vita o sta per farlo, chi custodisce gelosamente i propri segreti, chi si accorge che è tutto così diverso da come se l’ era immaginato.
Talvolta ritorna un senso di leggerezza dimenticato, ad alcuni invece la guerra pare appena finita,
Bonn diviene la capitale di uno stato con una costituzione ancora provvisoria, la Repubblica Federale Tedesca.
La trilogia che racconta le vite di quattro amiche nell’ Amburgo di inizio novecento in questo secondo volume attraversa gli anni ‘50 e ‘60 per spingersi oltre i confini nazionali ed assumere contorni planetari, tra cambiamenti epocali, politici, economici, culturali e di costume.
Anne, Kathe, Lina ed Ida si sono finalmente ritrovate per tornare a vivere, assaporando un rinnovato gusto famigliare, l’ essere genitori, la realizzazione professionale, incanalando avvenimenti pubblici e privati in un’ idea di stabilità duratura.
Rimane ancora il ricordo del passato, la persecuzione, la guerra, una lunga prigionia e si prolunga la paura di vivere, con l’ idea che la vita facile e le cose belle facciano dimenticare la memoria dei morti, quelle stesse cose che cominciano a riacquistare un senso e che è legittimo ricercare, immaginando un futuro migliore.
Nuovi protagonisti, relazioni clandestine, amori impossibili, vite interrotte, un tuffo nel presente, tra viaggi e ritorni, ansie e complicazioni, in un nuovo mondo che disconosce e condanna l’ omosessualità ma che si apre ad un neocolonialismo filo americano, all’ interno di una dimensione strettamente privata.
In questo contesto pregi e difetti del testo emergono inesorabilmente. Potremmo considerarla una storia al femminile, tra protagoniste acclarate e nuovi ingressi, scritta e trattata con la piacevole scorrevolezza di una semplice lettura di intrattenimento, per lo più a lieto fine, dove tutto comunque si aggiusta.
Ma se lo scopo è altro, la rappresentazione di una società e di un mondo infranti e da ricostruire, di un popolo chiamato ad un riscatto ed a fare i conti con il peso della propria storia, un viaggio nelle radici e profondità storico-politico-sociali del ‘ 900, ne saremmo inevitabilmente delusi.
Il periodo trattato vive in funzione delle protagoniste e non viceversa senza averne i requisiti e lo sguardo sul reale manca di una visione prospettica, sia intima che oggettiva.
Tutto pare accadere inesorabilmente in un tempo indefinito ed indefinibile ed in un destino parallelo allo scorrere degli anni.
Le vite si allungano, i protagonisti invecchiano, nascite e morti si susseguono, mentre gli anni ed un elenco di accadimenti raccontano i cambiamenti epocali, persino le atrocità paiono edulcorate, e la trama raccolta in una sospensione temporale lontana da qualsiasi respiro di incertezza e, se non strettamente in ambito famigliare e personale, mai realmente viva e sentita.
Ed anche l’ idea di una prospettiva al femminile, che ne svisceri contenuti e complessità, decade, poca reale profondità ed introspezione, parecchia materia in superficie per un racconto semplicemente lineare, lenta e progressiva navigazione con poco vento alla stessa velocità di crociera.





Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Assolutamente musica
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lo stato dell'unione. Scene da un matrimonio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La notte più lunga
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Una vecchia storia. Nuova versione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La palude dei fuochi erranti
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il treno dei bambini
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La bambina del lago
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il pittore di anime
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Rosamund
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
I testamenti
Valutazione Utenti
 
3.6 (2)
L'istituto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Impossibile
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti di QLibri