Narrativa straniera Romanzi storici Il ballo delle pazze
 

Il ballo delle pazze Il ballo delle pazze

Il ballo delle pazze

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Parigi, 1885. A fine Ottocento l'ospedale della Salpêtrière è né più né meno che un manicomio femminile. Certo, le internate non sono più tenute in catene come nel Seicento, vengono chiamate "isteriche" e curate con l'ipnosi dall'illustre dottor Charcot, ma sono comunque strettamente sorvegliate, tagliate fuori da ogni contatto con l'esterno e sottoposte a esperimenti azzardati e impietosi. Alla Salpêtrière si entra e non si esce. In realtà buona parte delle cosiddette alienate sono donne scomode, rifiutate, che le loro famiglie abbandonano in ospedale per sbarazzarsene. Alla Salpêtrière si incontrano: Louise, adolescente figlia del popolo, finita lì in seguito a terribili vicissitudini che hanno sconvolto la sua giovane vita; Eugénie, signorina di buona famiglia allontanata dai suoi perché troppo bizzarra e anticonformista; Geneviève, la capoinfermiera rigida e severa, convinta della superiorità della scienza su tutto. E poi c'è Thérèse, la decana delle internate, molto più saggia che pazza, una specie di madre per le più giovani. Benché molto diverse, tutte hanno chiara una cosa: la loro sorte è stata decisa dagli uomini, dallo strapotere che gli uomini hanno sulle donne. A sconvolgere e trasformare la loro vita sarà il "ballo delle pazze", ossia il ballo mascherato che si tiene ogni anno alla Salpêtrière e a cui viene invitata la crème di Parigi. In quell'occasione, mascherarsi farà cadere le maschere...



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
3.1
Stile 
 
3.0  (2)
Contenuto 
 
3.5  (2)
Piacevolezza 
 
3.0  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il ballo delle pazze 2021-09-16 12:30:31 sonia fascendini
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
sonia fascendini Opinione inserita da sonia fascendini    16 Settembre, 2021
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Una follia

Libro interessante, a volte crudo, alte volte inquietante nelle verità che ci racconta. La vicenda si svolge in u manicomio nella Parigi di fine ottocento. Quello che succede dentro l'ospedale è il riflesso di quello che accade fuori: ciò che è diverso, che non si riesce a controllare o modificare va contenuto in qualche modo. Così il manicomio diventa un luogo per nascondere le figli o le mogli che potrebbero provocare imbarazzo. Non un luogo di cura, ma un posto dove tenere il diverso, l'eccentrico, il ribelle. Ma non solo perché non farne oggetto di osservazione: a livello scientifico, invitando a vedere esperimenti scientifici ben oltre il limite del cattivo gusto e a volte della crudeltà. Ma no, andiamo oltre e organizziamo un ballo in maschera, sperando che una di queste donne abbia una crisi isterica e offra divertimento alla buona società.
Libro interessante, che pur romanzato, offre comunque molti spunti di riflessione, primo fra tutti quello di ricordare ancora una volta quanto è importante nascere nel periodo storico giusto.

Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il ballo delle pazze 2021-06-12 12:51:31 Mian88
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    12 Giugno, 2021
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Salpêtrière

«È una responsabilità che le sopraffà, una ribalta che le turba. In quelle donne che la vita non ha mai messo in luce, un interesse così poco consueto ha un effetto che sconvolge. Di nuovo.»

Luci e ombre si celano dietro la storia della Salpêtrière, quella casa di cura, quel gruppo ospedaliero, quel manicomio nato nel diciassettesimo secolo e destinato a ospitare tutte coloro che non rappresentavano la volontà comune, coloro che andavano ordine l’ordine precostituito, che erano titolari di un pensiero diverso da quello delineato dalla maggioranza. Sorto come luogo finalizzato ad accogliere i reietti, i barboni, le prostitute, i delinquenti di bassa lena, si trasforma ben presto in quella struttura per malate mentali atto a ricevere, isteriche, alienate, donne scomode per la loro condotta alla società maschile.

«I sogni sono pericolosi, Louise, soprattutto quando dipendono da qualcun altro.»

Quattro le storie che si intrecciano: quella di Eugénie, di Therese, di Luise e Geneviève. Donne con vite diverse e storie diverse ma che sono simbolo di ribellione a quel volere altrui che le esclude, che è espressione di razzismo e discriminazione ma anche di crudeltà gratuite. Donne che hanno pagato per quel desiderio di ambizione di chi, in quelle strutture, riteneva di poter trovare quella fama e quel successo che avrebbe fatto passare alla Storia.

«Preferisce credere che Blandine ci sia, che la accompagni, che vegli su di lei. Credere significa già aiutarsi.»

E non importa se per quella fama e quel successo sono altri a pagare. E non importa se per quel successo occorre dare spettacolo con ipnosi, elettroshock e “cure” disumane. Non importa di quel da queste verrà pagato.
Un romanzo corale che porta l’attenzione del lettore su una pagina del nostro passato sulla quale più volte ci siamo interrogati ma che ancora oggi chiede di essere conosciuta, compresa, analizzata. Per capire, per andare oltre il pregiudizio, per tenere conto di quell’anima che viene esposta a un ballo di follia che è metafora, simbolismo, apoteosi. Un titolo che si interroga altresì sui legami, le speranze, i desideri, le atrocità, le sconfitte, il vivere.

«Poche cose fanno male come veder invecchiare i propri genitori, constatare che quella forza, un tempo incarnata da persone che pensavamo immortali, ha lasciato il posto a una fragilità irreversibile.»

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Gelosia
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Su un letto di fiori
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.4 (2)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
3.8 (3)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (2)
L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri