Narrativa straniera Romanzi storici Il canto di Penelope
 

Il canto di Penelope Il canto di Penelope

Il canto di Penelope

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice


Dall'Ade, dove può finalmente dire la verità senza temere la vendetta degli dèi, Penelope, moglie di Odisseo, racconta la sua storia. Figlia di una ninfa e del re di Sparta, da bambina rischia di essere affogata dal padre, turbato da una profezia. Sposa di Ulisse, subisce le angherie dei suoceri, vede scoppiare la guerra di Troia a causa della sciocca cugina Elena, e dopo anni di solitudine deve respingere l'assalto dei Proci. Al ritorno di Odisseo assiste angosciata alla vendetta che colpisce le ancelle infedeli e perciò impiccate; e la morte di quelle fanciulle che le erano amiche la perseguita anche nell'Ade. Il romanzo riscrive il mito greco attingendo a versioni diverse da quelle confluite nell'Odissea, secondo un punto di vista femminile.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.5  (2)
Contenuto 
 
3.5  (2)
Piacevolezza 
 
3.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il canto di Penelope 2019-04-30 14:21:56 Mario Inisi
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Mario Inisi Opinione inserita da Mario Inisi    30 Aprile, 2019
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Più intelligente che bella

La storia di Penelope è stata riscritta in modo molto carino, soprattutto nella prima parte del libro. Dopo la partenza di Ulisse, la storia diventa meno originale, nonostante le trovate. Anche il coro non mi ha entusiasmato. Ma la prima metà del romanzo è molto convincente, fresca e offre una versione di Penelope tenera e un Ulisse credibile e affascinante. Certo la proverbiale intelligenza di Penelope ci perde nella versione della Atwood. Di lei si può dire che era più intelligente che bella e bella lo era molto poco. Forse era una brava persona, ma soprattutto per mancanza di opportunità. Il problema è che calcare certi luoghi comuni come l'Elena bella e seducente e la Penelope brutta e piagnona poi rende i personaggi troppo caricaturali.Comunque, nella prima parte si sente solo la freschezza della narrazione e la lettura è piacevole. Non mi hanno convinto nemmeno i discorsi dei proci e i resoconti da osteria delle avventure di Ulisse. L'idea non era brutta, ma andava pensata meglio e resa in modo più originale. Anche il rapporto d'amore tra la famosa coppia appare basato soprrattutto sulla mancanza di alternative per Penelope. In epoca post Guttenberg la lingua lunga di Ulisse non avrebbe compensato le sue gambe corte e la tendenza a non tornare a casa.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore

Il canto di Penelope 2019-04-17 07:36:43 martaquick
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
martaquick Opinione inserita da martaquick    17 Aprile, 2019
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

LA VERSIONE DI PENELOPE

Molto piacevole questo breve romanzo / racconto di Margaret Atwood che prende in mano la storia di Odisseo dal punto di vista di sua moglie Penelope.
Come sappiamo dagli insegnamenti scolastici Odisseo (cioè Ulisse) ha fatto un lunghissimo viaggio che ha coinvolto sirene, magia e mostri sovrumani ed è passato alla storia. Ma cosa sappiamo della moglie Penelope?
Lei era a casa da brava ad aspettare il ritorno del marito, tesseva la tela che disfava ogni notte per ingannare i pretendenti alla sua mano. Ma aldilà di tutto questo chi era veramente?
La Atwood con un divertente approfondimento ci descrive i vent'anni di Penelope, in una patria che non era la sua circondata da persone che non erano la sua famiglia, denigrata in quanto donna, madre di un figlio che non conosce il padre.
Penelope però dimostra negli anni di avere tenacia anche sopportando le disgrazie della sua vita, la morte dei suoceri che la costringe a prendere in mano l'economia del suo territorio e l'organizzazione della servitù e del commercio.
Molti anni dopo la partenza di Odisseo alla Corte iniziano ad arrivare dei pretendenti per la mano di Penelope perché tutti danno per morto il marito; la moglie devota però inventa degli inganni per evitare di dover scegliere un uomo e prega per il ritorno del marito.
In poche parole Penelope diventa una padrona di casa che sa il fatto suo, in qualche modo se la cava con i pochi mezzi a disposizione pur essendo una donna, che in quel periodo storico sappiamo com'erano considerate.
Il titolo del romanzo, il canto di Penelope , non è in particolare riferito a quest'ultima ma alle sue dodici ancelle che negli anni la aiutano ad scoraggiare i pretendenti inventando false storie sul suo conto e che ogni notte la aiutano a disfare la tela; quando finalmente Odisseo torna a casa le impicca tutte brutalmente non sapendo la realtà dei fatti e nemmeno curandosi di chiedere chiarimenti alla moglie. La scrittrice inserisce delle brevi poesie che sono il canto delle povere ancelle morte.
L'epilogo divertente che inventa la Atwood, tipico della sua irriverenza e originalità, lo adatta ai giorni nostri in un'aula di tribunale in cui le ancelle accusano Odisseo e lui si difende sostenendo le sue giuste accuse.
La povera Penelope dall'aldilá osserva la causa, piange le sue ancelle e ancora aspetta il marito anche in paradiso.

Trovi utile questa opinione? 
160
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Lena e la tempesta
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Canta, spirito, canta
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
Un caso speciale per la ghostwriter
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Ogni riferimento è puramente casuale
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Alba nera
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Chiedi alla notte
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Cose più grandi di noi
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Cronaca nera
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Mars room
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
La macchina del vento
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La gabbia dorata
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Le cose che bruciano
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri