Narrativa straniera Romanzi storici Il concerto dei pesci
 

Il concerto dei pesci Il concerto dei pesci

Il concerto dei pesci

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

I pesci possono cantare? Si può restare fedeli alle radici quando la vocazione artistica spinge a varcare i propri confini? Alle soglie del XX secolo l'Islanda si affaccia alla modernità di un mondo globalizzato: Reykjavík si appresta a diventare una capitale dominata dai mercanti, ma ai suoi margini, nel borgo di Brekkukot, l'ipocrisia e l'arroganza della borghesia emergente restano fuori dalla casupola di torba del vecchio Björn, un pescatore stagionale che resiste alla logica mercantile con illuminata testardaggine. Fedele alla ruvida, ma generosa etica tradizionale, Björn offre ospitalità a un campionario di personaggi stravaganti nel suo sottotetto: qui vedrà la luce anche il piccolo Alfgrímur, abbandonato dalla madre e destinato a seguire sul mare il "nonno adottivo". Ma è cantando ai funerali nel cimitero sotto casa, che il giovane deciderà di dedicarsi alla musica, alla ricerca "di un'unica nota pura", un ideale unisono fra talento artistico e limpidezza di cuore. Avviato agli studi, Alfgrímur si troverà diviso tra l'idillico microcosmo della sua infanzia e il richiamo di un mondo complesso, ambiguo e attraente, incarnato dalla enigmatica figura di Garoar Hólm, il cantante lirico celebre in tutto il mondo che in patria nessuno ha mai sentito cantare. Laxness guarda con ironia e nostalgia al mondo della sua infanzia, in un romanzo di formazione di un'artista e di un'intera nazione, sospesa fra tradizione e innovazione.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il concerto dei pesci 2019-01-03 16:47:36 Emilio Berra TO
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Emilio Berra  TO Opinione inserita da Emilio Berra TO    03 Gennaio, 2019
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Voci d'Islanda

"Può anche essere che il mondo ti dia tutto il meglio di cui dispone: gloria, potere, onore, che altro c'è? Forse palazzi e parchi? O vedove allegre? E poi?"

Laxness è l'unico scrittore d'Islanda ad aver ricevuto il Nobel per la Letteratura (nel '55). "Il concerto dei pesci" però è successivo all'ambìto riconoscimento. La curiosità di leggere i testi che l'hanno preceduto è forte.

Questo 'romanzo di formazione' ci conduce ad inizio '900 in un'Islanda ancora depositaria della propria antica cultura, che tuttavia inizia ad avvertire i sussulti della modernizzazione.
Fra coloro che vivono immersi nella tradizione e con valori di grande dignità c'è il giovane protagonista : la sua vita è semplice nella casetta di torba con le margherite fiorite sul tetto. Il procedere quotidiano s'immerge nell'affascinante armonia della natura.
Un ambiente quasi fiabesco "nelle fredde sale azzurre dei monti islandesi", un luogo dove "soave canta il cigno per l'estate intera" e "gli spiriti risorgono dall'oblio".
"C'è solo un lavoro indegno, ed è il lavoro malfatto".

Nella vicina città, però, irrompe il 'progresso' : la la mentalità borghese e il mondo degli affari paiono inarrestabili. Volendo, il romanzo si presta quindi anche a un approccio di critica sociologica.
Ma i significati vanno oltre e possono essere molto più ampi, tanto più quando giunge nella terra natìa un cantante d'opera diventato famoso nel mondo: personaggio enigmatico e misterioso.
L'atmosfera si colora di essenze pirandelliane.
Un libro bello e interessante, anche se qualche benché lieve sforbiciata, a mio avviso, sarebbe stata utile.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...

letteratura nordica
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Ricordatemi come vi pare
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La donna che fugge
Valutazione Utenti
 
3.9 (3)
T
T
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
I giorni di Vetro
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Ti ricordi Mattie Lantry
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Un animale selvaggio
Valutazione Utenti
 
3.1 (4)
Ambos mundos
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Ci vediamo in agosto
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il mantello dell'invisibilità
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'orizzonte della notte
Valutazione Utenti
 
4.2 (5)
Chi dice e chi tace
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Sabotaggio
Nuove abitudini
Linea di fuoco
L'ufficio degli affari occulti
Il mago
La moglie del lobotomista
La guerra di H
Il canto di Calliope
L'aria innocente dell'estate
Max e Flora
Rincorrendo l'amore
Giochi proibiti
Il canto di Mr Dickens
I Netanyahu
Oblio e perdono
Belle Greene

Copyright 2007-2024 © QNetwork - Tutti i diritti sono riservati
P. IVA IT04121710232