Narrativa straniera Romanzi storici Il taccuino perduto
 

Il taccuino perduto Il taccuino perduto

Il taccuino perduto

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

È la fine del 1906 a Versailles quando un ragazzo di diciassette anni si imbatte in Marcel Proust, che per ora è solo uno scrittore che si è rifugiato al Grand Hotel per dedicarsi ai suoi appunti, almeno fino al momento in cui il suo prezioso taccuino non scompare. Di Nöel, il protagonista di questa storia, non c'è traccia da nessuna parte, eppure per molto tempo fu la compagnia prediletta da Proust, l'abile risolutore di enigmi complicati. Si deve a lui il ritrovamento di un taccuino indispensabile per scrivere un certo romanzo. Tra malintesi e ricerche misteriose, Leprince costruisce un romanzo che è al tempo stesso una detective story, la storia di amicizia, e soprattutto è un omaggio all'autore della Recherche da parte di uno scrittore che conosce ogni piega dell'opera, della lingua e, come il protagonista di queste pagine, sembra capace di ridere e scherzare con un amico d'eccezione.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuto 
 
3.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il taccuino perduto 2016-09-01 00:48:46 Bruno Elpis
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Bruno Elpis Opinione inserita da Bruno Elpis    01 Settembre, 2016
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Viveva seguendo un tempo proprio

Pierre-Yves Leprince immagina che Noël, un ragazzino che presta servizi di fattorino presso l’albergo di Versailles ove provvisoriamente alloggia Marcel Proust, ritrovi Il taccuino perduto (“Quel taccuino… contiene lo schema del mio articolo”) dall’autore de “La recherche du temps perdu” (“Noi viviamo seguendo il tempo dell’orologio, lui viveva seguendo un tempo proprio, scavava e dilatava le ore…”).
Tra apprendista detective e scrittore si crea un’empatia molto intensa, corroborata da comuni interessi (“Avete studiato musica con Gustave Charpentier… la Luisa”), propensioni naturali (“Il dono più grande che ci sia: preoccuparsi delle proprie azioni e non delle apparenze, della realtà che ci circonda e non di se stessi”) e affinità (“Capite che apparteniamo alla stessa famiglia, quella degli investigatori?”).

L’albergo diviene teatro di indagini condotte dall’insolito binomio (“Caro il mio piccolo Mercurio dai piedi alati, siamo fattorini, messaggeri e osservatori in cerca di misteri da risolvere”): dopo il ritrovamento del taccuino, occupano il campo il caso della borsa smarrita che sfocia in un uxoricidio (“Dramma della gelosia a Versailles, il signor Cornard strangola la moglie”), il caso delle donne inglesi che proclamano “la visione della donna triste” (ndr: Maria Antonietta), la nuova sparizione del taccuino e l’omicidio del cameriere Joseph.

Mentre Marcel P. e discepolo sono impegnati nella loro amicizia e nelle investigazioni, l’autore del romanzo per bocca di Noël indaga sui misteriosi orientamenti sessuali di Proust (“Esistono anche diversi tipi di amicizia, la nostra non sarà fatta di confidenze ma di riflessioni”): la narrazione si nutre del clima ambiguo dell’albergo, ove il personale di servizio non disdegna concessioni a clienti facoltosi, e lambisce pratiche sessuali di ogni gusto – come quelle di Daniel detto Il frusta, la preghiera in ginocchio, l’impiccagione interrotta - per formulare un’ipotesi “innocente” e originale circa la sfera sessuale del grande scrittore. Con uno scopo dichiarato (“Il lettore avrà capito che questo libro è un omaggio travestito da romanzo poliziesco”) e nella consapevolezza che ci “si sforza di assomigliare agli altri, ma assomigliamo sempre e solo a noi stessi”.
Giudizio finale: lepido, dimostrativo, morbosamente indagatore.

Bruno Elpis

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
150
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

In tua assenza
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La banda dei colpevoli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La mappa nera
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La quarta profezia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita paga il sabato
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Obscuritas
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli avversari
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Le sorelle Lacroix
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultimo figlio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Questo post è stato rimosso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
I killeri non vanno in pensione
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Voci in fuga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

La regina d'oro
Il botanico inglese
I demoni guerrieri
Storia di un fiore
Il prodigio
Notti al circo
La città fra le nuvole
La custode dei peccati
Barbablù
L'infermiera di Hitler
La saga di Vigdis
Partenza in gruppo
Il disertore
L'arte dell'henné a Jaipur
Il libro dei bambini
L'alba del mondo