La cittadella La cittadella

La cittadella

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

La cittadella, forse il più bel libro di Cronin, è ormai un classico della letteratura moderna, tragico e intenso, pieno di senso morale e di impegno civile, vivo e attuale. Cronin parla dell'ingiustizia della società, della miseria corruttrice e dell'arroganza del potere attraverso la storia del dottor Manson. Il suo piccolo grande mondo racchiude i sentimenti della gente che lavora e che soffre, sullo sfondo di una regione brulla e inospitale come il Galles del Sud. Sono gli anni in cui lo sforzo di industrializzare e modernizzare la Gran Bretagna avveniva tra molte contraddizioni sociali. Ma l'indignazione per la disuguaglianza e la prepotenza non diventa mai declamazione retorica e trova il suo autentico respiro in una vicenda ricca, affascinante, umanissima.


Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0  (2)
Contenuto 
 
4.0  (2)
Piacevolezza 
 
4.0  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La cittadella 2020-04-14 21:46:38 Bruno Izzo
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Bruno Izzo Opinione inserita da Bruno Izzo    14 Aprile, 2020
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

The good doctor

Questo è un romanzo che racconta di un medico, che parla dell’esercizio della professione sanitaria, che descrive casi clinici, riferisce di camici bianchi e stetoscopi, per di più sapientemente ritratti da uno scrittore che sa perfettamente di cosa sta parlando, è stato un medico egli stesso.
Si realizza così il connubio perfetto: un buon libro, scritto bene da un bravo scrittore, oltretutto uno scrittore padrone della materia che tratta.
Non è cosa così scontata: un conto è informarsi, un altro è vivere realmente, sulla propria pelle, una particolare esperienza dell’esistenza.
Non solo, ma dati i tempi di ambientazione, si parla dell’epoca pionieristica della medicina, quanto malati e malattie sono gestite direttamente dal rapporto umano, non ancora mediato da macchine, analisi, indagini: una medicina d’ascolto, quindi, con tutte le conseguenze, anche emotive, che ne possono derivare, e che si prestano magnificamente a essere narrate.
Una medicina d’ascolto, dunque, abbiamo detto…l’ascolto richiede attenzione, e questa richiede predisposizione.
La predisposizione pretende empatia, ma non tutti ne sono all'altezza.
Soprattutto, per taluni l’empatia è una merce, non una qualità.
In estrema sintesi, questa l’essenza de “La cittadella” di Archibald Cronin, che parla dei mali, non necessariamente solo di quelli del corpo, di come s’insegna debbano essere considerati, di come sono curati, anche di come non sono sanati, ma soprattutto con che cuore, con che orecchio sono ascoltati i sintomi che dovrebbero aiutare il medico a capire.
Troppi medici, però, non ascoltano: sono sordi, liquidano i sintomi, non avvertendoli come segnali.
Ascoltano rumori, non la musica; i rumori li provoca il corpo, ma la musica viene dall'anima, ciò che differenzia un medico dal buon medico, è lo spartito che decide di seguire.
Il romanzo piace non soltanto perché è un libro scritto bene, e con competenza specifica, piace ed è un romanzo attuale, moderno, coinvolgente, perché Cronin, attraverso la storia professionale e umana del giovane protagonista, un medico scozzese che opera in Galles sul finire del secolo scorso, ci offre un agglomerato, una vera e propria cittadella d’insegnamenti etici, morali, virtuosi.
Racconta di comportamenti esemplari e irreprensibili, di attività rette, nobili, dabbene, ma fa ancora di più.
Indica chiaramente che il vivere con stile buono, leale, integro e degno, è e deve essere insito nella natura umana di per sé, l’unico che ci permette di definirci uomini, e uomini degni, degni cristiani.
Tuttavia, in chi sceglie di esercitare un’attività di guarigione fisica e morale, tali qualità vanno espresse all'ennesima potenza, con spirito di disciplina il medico deve imporselo, deve avere coscienza piena dell’onere e dell’onore che gli viene concesso con l’esercizio della sua scienza.
Lo impara a proprie spese il protagonista, l’esistenza del medico scozzese Andrew Manson è una vera e propria nascita, caduta e redenzione.
Intraprende con entusiasmo la professione medica, la esercita dapprima con abnegazione e spirito empatico di dedizione ai suoi pazienti.
Si perde poi per strada e intraprende una carriera di puro arricchimento, di egoismo e avidità di guadagno, all'opposto della carità e filantropia del suo precedente agire.
Ritrova infine se stesso e i suoi ideali medici, etici, scientifici, anche se a caro prezzo, si riscatta rimettendosi in carreggiata con umiltà e nuova responsabile consapevolezza.
Comprende cioè che la responsabilità dell’uomo e del professionista consiste appunto nel termine stesso, RESPONSE – ABILE, cioè capace di fornire risposte, ma non puoi rispondere se non ascolti attentamente la domanda nella sua interezza.
Torna a esercitare la professione, quindi, con dedizione e spirito di solidarietà con i suoi pazienti, come solo un medico, e un bravo medico, sa fare.
Perciò è un romanzo attuale, nonostante il decorso del tempo, un romanzo che spiega con chiarezza e onestà che un medico non è un guaritore, uno sciamano o uno stregone.
Nemmeno un manipolatore di sostanze o intrugli, neppure un guaritore, meno che mai un Dio.
Un medico è semplicemente un uomo alla sua massima capacità di ascolto, di compartecipazione, di empatia.
Lo suggerisce perfettamente, una volta di più, purtroppo o per fortuna, la cronaca d’oggi.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Cronin, certo; e a quanti, come me, ringraziano rispettosamente in questi giorni tutti i nostri operatori della Sanità.
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
La cittadella 2018-10-29 07:40:17 Niki
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Niki Opinione inserita da Niki    29 Ottobre, 2018
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Ascesa di un medico di provincia

Romanzo di quelli che piacciono a me: corposo, denso di avvenimenti, con una bella scrittura coinvolgente; uno di quei libri che mi tengono incollata alle pagine e che non vedo l’ora di riprendere in mano per vedere cosa succederà. Lo consiglio a chi ama i classici e le scritture articolate. Il protagonista è il dottor Andrew Manson che, per me, bambina negli anni ’70, è impossibile non immaginare con le fattezze di Alberto Lupo. È un uomo tutto d’un pezzo, con saldi principi morali, onesto e caparbio, un po’ grezzo e burbero nei modi ma ‘vero’. Lo incontriamo, negli anni ’30, fresco medico di una cittadina mineraria del Galles del sud dove la teoria di ciò che ha imparato all’università si scontra con la pratica, in mezzo a gente diffidente. È circondato da uno stuolo di personaggi che personificano ogni sfumatura umana, che lo ostacolano e lo aiutano, senza mai far scemare in lui il desiderio di compiere qualcosa di grande per il bene dell’umanità. Sposa Christine, la maestra della scuola, e, attraverso varie vicissitudini, si ritrova a Londra dove, per la prima volta, è attratto dalla facilità di una vita agiata ma senza scopo, e, sospinto dalla delusione per un’esistenza che ritiene, a torto, poco gratificante, abbandona tutti i suoi elevati progetti. Perde se stesso, diventa frivolo, adultero, un medico dei ricchi che si fa pagare molto per curare malattie immaginarie. Il suo rinsavire è accompagnato da un pesante pegno da pagare; risorge e riprende la propria strada verso un futuro che faccia davvero la differenza. Storicamente interessante è la denuncia delle incompetenze e delle ingiustizie della professione medica di quegli anni.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Io sono il castigo
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Eredità
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il senso della mia vita
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Primavera
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Ohio
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La selva degli impiccati
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La locanda del Gatto nero
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Come un respiro
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Predatori e prede
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
La pista. La prima indagine di Selma Falck
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lo scarafaggio
Valutazione Utenti
 
4.0 (3)
Se scorre il sangue
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri