Noi vivi Noi vivi

Noi vivi

Letteratura straniera

Autore

Editore

Casa editrice


Russia, primi anni Venti del secolo scorso. Kira Argunova, studentessa alla facoltà di Ingegneria di Mosca, si innamora di Leo Kovalenskij, figlio di un eroe di guerra zarista. Entrambi desiderano ardentemente poter realizzare i loro sogni, ma vivono intrappolati nel nuovo regime sovietico che sacrifica la libertà individuale nel nome del diritto della collettività. Kira viene allontanata dall'università per le sue idee e Leo non riesce a trovare un lavoro a causa del suo passato: la vita per i due giovani diventa così una lotta alla mera sopravvivenza e quando Leo si ammala di tubercolosi, nessun ospedale è disposto ad accoglierlo. Kira, disperata, si rivolge ad Andrej Taganov, un giovane comunista che grazie ai sentimenti che nutre per Kira scoprirà l'importanza e il valore dei singoli individui. Tuttavia, la lotta è impari e i due giovani uomini ne verranno annientati, Andrej a causa del suo distacco dal comunismo e Leo per le sue condizioni fisiche. A Kira non resta che tentare di fuggire, ma riuscirà a sottrarsi al controllo dello Stato? Pubblicato in Italia nel 1937, a un anno dalla prima edizione americana, "Noi vivi" con la sua radicale critica a ogni forma di totalitarismo, è un romanzo che ha saputo resistere all'usura del tempo, come è dimostrato dalle numerose edizioni e, insieme alla "Fonte meravigliosa", è da considerarsi fra i capolavori di Ayn Rand.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuto 
 
5.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Noi vivi 2019-11-28 10:04:27 Valerio91
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Valerio91 Opinione inserita da Valerio91    28 Novembre, 2019
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L'individuo contro lo stato

Sento di dover cominciare questa recensione dicendo che, secondo me, Ayn Rand è una grandissima scrittrice troppo poco conosciuta. Dico questo in base a constatazioni personali, come la bassa percentuale di recensioni online o il fatto che, se non fosse stato per un caso raro e fortuito, non l’avrei scoperta nemmeno io. Se poi dovesse venir fuori che la conoscono tutti, sarò felice di aver preso una cantonata; sta di fatto che ne sento parlare molto poco. Fatta questa premessa, devo dire che la lettura di questo libro non è stata semplice; l'autrice tende spesso a dilungarsi in dettagli, in descrizioni molto lunghe a volte superflue e ridondanti, con una scrittura tuttavia pazzesca, evocativa, perfetta. Ecco il perché del cinque allo stile, e il quattro (sofferto) alla piacevolezza.
Passando ai contenuti, devo dire che in "Noi vivi" più che in “La fonte meravigliosa" mi sono trovato più di una volta a storcere il naso: non riuscivo a condividere il modo d'agire e di pensare dei personaggi; alcuni li ho persino odiati. Al diavolo, ve lo dirò: i due protagonisti mi stanno enormemente sulle scatole. Oltretutto, molte delle loro scelte portano a eventi che mi hanno lasciato interdetto e deluso. Tuttavia, non ci ho messo molto ad acquietarmi, perché in fondo lo scopo ultimo della letteratura vera non è quello di appagare il nostro desiderio di fiction, di lieto fine; né la soddisfazione di vedere tutte le tessere andare al posto giusto (o meglio, il posto che noi crediamo sia giusto). No. Per queste cose c’è la letteratura d’intrattenimento, e se abbiamo di questi desideri è a quest'ultima che dovremmo rivolgerci. "Noi vivi" appartiene a un altro partito; il partito delle opere che sconvolgono, che dipingono il quadro perfetto di un contesto, che fanno riflettere e ti lasciano in balia di emozioni, anche negative, perché queste in fondo fanno parte della vita. Tutto questo fa di questo romanzo d'esordio di Ayn Rand un libro vero, profondamente reale, pieno di personaggi che sono in tutto e per tutto esseri umani, coi loro pregi e gli infiniti difetti accentuati dal contesto asfissiante e carico di disperazione che è quello della Russia sovietica.
I personaggi sono caratterizzati alla perfezione, bucano le pagine e prendono il lettore per il collo; non solo i protagonisti, ma tutti, in un modo o nell'altro. Vedere come tanti individui intraprendono la propria lotta contro lo Stato (o vi si rassegnano) è qualcosa di unico, che non si può descrivere ma va provato leggendo quello che, secondo me, è un grande romanzo a dispetto della sua tristezza e ingiustizia.

"Noi vivi" si apre col rientro a Pietrogrado della nostra protagonista Kira Argunova e della sua famiglia, dopo un periodo passato in Crimea nell'attesa che la situazione, per le vecchie famiglie borghesi, si facesse più sopportabile in seguito alla Rivoluzione proletaria. Tuttavia, scopriranno ben presto che la situazione non è per nulla migliorata, anzi, Pietrogrado è diventata la capitale di un regno che soffoca gli individui in nome di ideali e di una collettività che vengono gridate a gran voce, ma a cui anche i più fervidi sostenitori forse non credono e sicuramente non praticano fino in fondo. Il risultato è una società surreale, controversa che sparge sangue gratuitamente a volte senza neanche saper perché; un'umanità disumanizzata che a questo snaturarsi o si ribella o si rassegna.
Non molto altro si può dire sulla trama di questo romanzo, perché quest’ultima non è che un mezzo per indagare la natura umana insieme ai suoi rappresentanti, di cui uno spicca su tutti: Andrej Taganov.
Buona lettura.

“Kira, la cosa più alta che c’è in un uomo non è il suo dio. È la parte di lui che gli fa conoscere la venerazione dovuta a un dio. E tu, Kira, sei l’oggetto della mia più alta venerazione.”

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
150
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Anello di piombo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Elefante a sorpresa
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La ladra di frutta
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita bugiarda degli adulti
Valutazione Redazione QLibri
 
1.8
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
La foresta d'acqua
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La misura del tempo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
La danza del Gorilla
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La vita gioca con me
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il colibrì
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
4.1 (3)
La seconda porta
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lungo petalo di mare
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il ciarlatano
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri