Nomadi Nomadi

Nomadi

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

Sono nomadi: Florian, Madame Solitarie, Clover Lee, Magpie Maggie Hag, il nano Tiny Tim. Il loro Florilegium è un piccolo circo. È il 1865. Percorrono le strade poco battute della Virginia e alzano il loro tendone dove capita. In cerca di successo, decidono di attraversare l'oceano per esibirsi in Europa: dall'Italia alla Germania, dalla Russia alla Francia. Viaggi picareschi, durante i quali si uniscono alla carovana circensi di tutto il mondo. Alcuni muoiono tragicamente, altri si innamorano, e lasciano la compagnia. Ma lo spettacolo continua e per poche ore offre una favola, un sogno.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuto 
 
5.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Nomadi 2015-02-19 16:35:07 Rebel Luck
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Rebel Luck Opinione inserita da Rebel Luck    19 Febbraio, 2015
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

SALTAVERUNT PLACUERUNT MORTUS SUNT OMNES.

Un quadro ricco e Denso. Articolato in una moltitudine di stanze, ma dipinto con dovizia di particolari in ogni sfumatura.

Un tomo gigantesco, oltre 1200 pagine, fitto fitto di parole, riempito con caratteri piccolissimi. Io credo che, se pubblicato con caratteri normalmente usati in altri libri, arriverebbe tranquillamente a superare le 2000 pagine.
Se fosse scritto oggi da un autore commerciale, sicuramente verrebbe diviso in 3 capitoli di 700 pagine (caratteri più grossi), e venduto quindi in 3 libri separati (tipo "Il trono di spade".).
Sicuramente una lettura estremamente impegnativa e non per tutti, sia a livello di tempo (io che mi ritengo un lettore "medio" ci ho messo 2 mesi a leggerlo, l'ho iniziato nel 2014 e finito nel 2015) che a livello di contenuto, non sempre è leggerissimo.
In questo libro ci sono tutti i pregi e tutti i difetti tipici dello "zio" Jennings:
1) Dovizia di particolari, dettagliati, dimostrati, reali.
2) Veridicità storica, geografica. Nulla viene lasciato al caso o all'immaginazione, tutto è reale, ogni passo è vero.
3) Personaggi realistici e palpabili a volte troppo reali, troppo veri.
4) Crudeltà e gelo in varie pagine.
5) Calore, erotismo, e libertà sessuale in molte parti.
6) Prolissità.
7) Avventura.
8) Vita.
9) STORIA!

I personaggi sono una moltitudine, ognuno ha i suoi difetti grossi o piccoli che siano, per Jennings l'eroe classico non esiste.
Ogni personaggio, importante o meno, principale o marginale, viene inserito nel quadro d'insieme come una sapiente pennellata, ed ogni pennellata è studiata e curata in ogni piccolo dettaglio in ogni sfumatura.
Questo libro è sicuramente un capolavoro, un'opera d'arte che ha nel suo unico difetto l'eccessiva quantità di parole che ne rendono la lettura non adatta a tutti.
A me è piaciuto molto, è bello affezionarsi ai sui personaggi, è bello assaporare le loro portate, vivere le loro vite, cadere e rialzarsi con loro.
A volte nell'arco del libro Jennings sembra fin troppo crudele: troppe morti anche tra i personaggi "buoni", troppo cattiverie, troppe disgrazie a chi non le meriterebbe, troppe cattiverie gratuite da parte di troppi personaggi... Ma questa è la realtà, questa è la vita... Jennings è solo reale... Prendere o lasciare lui non scrive favole.
Per concludere direi che questo libro è un capolavoro da leggere impossibile da rileggere. Scusate ma meglio di così non lo saprei descrivere.

Tiratina d'orecchie invece a Qlibri ed ai suoi iscritti storici: Mi sembra impossibile che un libro di questa valenza scritto 30 anni addietro ed edito in Italia da oltre 20 non avesse ancora una scheda-

Insegnamento per la mia vita: Dobbiamo semplicemente - semplicemente affrontare i problemi mano a mano che si presentano.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Consigliato a chi ha letto...
Consigliato a chi non si lascia intimorire dai libroni giganteschi... Sconsigliato ovviamente agli altri...
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

In tua assenza
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La banda dei colpevoli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La mappa nera
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La quarta profezia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita paga il sabato
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Obscuritas
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli avversari
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Le sorelle Lacroix
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultimo figlio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Questo post è stato rimosso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
I killeri non vanno in pensione
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Voci in fuga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

La regina d'oro
Il botanico inglese
I demoni guerrieri
Storia di un fiore
Il prodigio
Notti al circo
La città fra le nuvole
La custode dei peccati
Barbablù
L'infermiera di Hitler
La saga di Vigdis
Partenza in gruppo
Il disertore
L'arte dell'henné a Jaipur
Il libro dei bambini
L'alba del mondo